"COSA MI SAREBBE SUCCESSO SE NON FOSSI STATO UN CALCIATORE?" - TIÉMOUÉ BAKAYOKO ROMPE IL SILENZIO DOPO IL FERMO DI POLIZIA CON LA PISTOLA PUNTATA ADDOSSO - "NEL VIDEO CHE È STATO PUBBLICATO NON VEDIAMO TUTTO. QUESTA È LA PARTE PIÙ TRANQUILLA DI TUTTO CIÒ CHE È SUCCESSO. HO AVUTO UNA PISTOLA A UN METRO DI DISTANZA DA ME. L'ERRORE È UMANO, NON HO ALCUN PROBLEMA CON QUESTA COSA, NON È ACCETTABILE METTERE IN PERICOLO VITE IN QUESTO MODO…" - VIDEO

-

Condividi questo articolo


TIEMOUE BAKAYOKO PARLA DELLA PERQUISIZIONE DELLA POLIZIA CON LA PISTOLA PUNTATA ADDOSSO TIEMOUE BAKAYOKO PARLA DELLA PERQUISIZIONE DELLA POLIZIA CON LA PISTOLA PUNTATA ADDOSSO

Da www.repubblica.it

 

"Le autorità milanesi hanno dichiarato che l'arresto è stato un errore. L'errore è umano, non ho alcun problema con questa cosa, ma il modo e la metodologia utilizzati sono un problema, per me". Tiemoué Bakayoko torna sul fermo di polizia di qualche giorno fa, la pistola puntata verso la sua macchina, le polemiche per il video virale.

 

BAKAYOKO: "È STATO SUPERATO IL LIMITE"

Il centrocampista del Milan ha affidato i propri pensieri ai social network, attraverso una serie di Instagram stories in cui ha spiegato l'accaduto in francese: "Penso che si sia andati oltre il dovuto. Perché non mi hanno fatto un controllo adeguato chiedendomi i documenti del veicolo, semplicemente comunicando? Nel video che è stato pubblicato sui social network, non vediamo tutto. Questa è la parte più tranquilla di tutto ciò che è successo. Ho avuto una pistola a un metro di distanza da me, sul lato del finestrino del passeggero. Hanno chiaramente messo le nostre vite in pericolo.

 

tiemoue bakayoko fermato a milano tiemoue bakayoko fermato a milano

Qualunque siano le ragioni che li hanno spinti a fare questo, è un errore sapere che non si ha alcuna certezza circa i sospetti arrestati. Le conseguenze sarebbero potute essere molto più gravi se non avessi mantenuto la calma, se non avessi avuto la possibilità di fare il lavoro che faccio ed essere riconosciuto in tempo. Quali sarebbero state le mosse successive? Mi avrebbero portato alla stazione? Dà luogo a un sacco di domande. Non è accettabile mettere in pericolo vite in questo modo".

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

TIEMOUE BAKAYOKO PARLA DELLA PERQUISIZIONE DELLA POLIZIA CON LA PISTOLA PUNTATA ADDOSSO TIEMOUE BAKAYOKO PARLA DELLA PERQUISIZIONE DELLA POLIZIA CON LA PISTOLA PUNTATA ADDOSSO tiemoue bakayoko fermato a milano tiemoue bakayoko fermato a milano BAKAYOKO MILAN BAKAYOKO MILAN tiemoue bakayoko fermato a milano tiemoue bakayoko fermato a milano tiemoue bakayoko fermato a milano tiemoue bakayoko fermato a milano TIEMOUE BAKAYOKO PARLA DELLA PERQUISIZIONE DELLA POLIZIA CON LA PISTOLA PUNTATA ADDOSSO TIEMOUE BAKAYOKO PARLA DELLA PERQUISIZIONE DELLA POLIZIA CON LA PISTOLA PUNTATA ADDOSSO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO A MISURA DUOMO - PORTALUPPI CHIAMA, MILANO RISPONDE! IN CINQUECENTO SI SONO SCAPICOLLATI PER FESTEGGIARE L’USCITA DEL LIBRO ‘’PIERO PORTALUPPI’’, L’ARCHITETTO CHE HA CAMBIATO CON I SUOI LAVORI LA FACCIA DELLA CAPITALE LOMBARDA - IN CASA DEGLI ATELLANI, IL GIOIELLO RINASCIMENTALE TRASFORMATO UN SECOLO FA DA PORTALUPPI, PIERO MARANGHI, CURATORE DELL’OPERA, HA ACCOLTO GIBERTO ARRIVABENE E BIANCA D’AOSTA, TOMMASO SACCHI E CHIARA BAZOLI, NICOLA PORRO E STEFANO BARTEZZAGHI, VERONICA ETRO E MARCO BALICH, BARNABA FORNASETTI E MICHELA MORO…

viaggi

salute