“LE PAROLE DI CROSETTO SUI GIUDICI? IO E GUIDO SIAMO IN CONSONANZA PRATICAMENTE SU TUTTO” – IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA, CARLO NORDIO, DIFENDE IL COLLEGA DELLA DIFESA PER LE FRASI SUI MAGISTRATI CHE FANNO “OPPOSIZIONE”: “NON HA MAI PARLATO DI COMPLOTTI, MA HA INTERPRETATO LA PREOCCUPAZIONE DELLA POLITICA. IL FATTO È CHE NON SI SONO MAI RIMARGINATE LE FERITE APERTE DOPO L’EMERSIONE DELLO SCANDALO PALAMARA” – “I TEST PSICO-ATTITUDINALI? NON SAREBBERO UNO SCANDALO. ANZI, NEI MIEI SCRITTI IO PARLAVO DI ESAME PSICHIATRICO”

-

Condividi questo articolo


CARLO NORDIO CARLO NORDIO

Estratto dell’articolo di Virginia Piccolillo per il “Corriere della Sera”

 

I retroscena parlano di un Consiglio dei ministri burrascoso che lunedì ha approvato il decreto legislativo della legge Cartabia. Ministro Carlo Nordio, come è andata?

«Con tutto il rispetto per la libertà di stampa, non c’è limite alle fake news».

 

Cioè? Non vi siete divisi?

«Al Cdm il provvedimento sull’ordinamento giudiziario è stato da me illustrato compiutamente e approvato all’unanimità senza interventi di nessuno. Sottolineo nessuno».

CODICE NORDIO - POSTER BY MACONDO CODICE NORDIO - POSTER BY MACONDO

 

E nel pre Consiglio?

«Non c’ero, i ministri non partecipano».

 

Ma non è vero che ha bloccato lei i test psicoattitudinali per i magistrati?

«No, per il semplice fatto che non era inserito nel testo del provvedimento, che era stato oggetto di una lunga elaborazione del nostro ufficio legislativo e mia personale, trattandosi di materia tecnica che credo di conoscere. Il tema dell’esame psicoattitudinale è tutt’altra cosa».

 

Ma è contrario a introdurli e saranno archiviati per sempre o ha preferito evitare lo scontro frontale con l’Anm?

LEGA NORDIO - MEME BY EMANUELE CARLI LEGA NORDIO - MEME BY EMANUELE CARLI

«Nelle mie pubblicazioni degli ultimi venti anni ho scritto che questo esame è previsto per la polizia giudiziaria, e quindi non sarebbe uno scandalo se fosse esteso ai pm che ne sono i capi. Anzi a dire il vero io parlavo di esame psichiatrico».

 

E allora?

«Ma da lì a dire che mi sono scontrato con il sottosegretario Mantovano ce ne corre. Si tratta di argomento delicatissimo, che va discusso con grande pacatezza e con le interlocuzioni del Csm e degli ordini forensi».

 

Condivide la preoccupazione del ministro Crosetto o erano solo «complotti immaginari»?

«Il ministro Crosetto non è solo un amico, ma è un politico con cui siamo in consonanza praticamente su tutto».

 

Anche sui complotti?

guido crosetto giorgia meloni parata del 2 giugno 2023 guido crosetto giorgia meloni parata del 2 giugno 2023

«Non ha mai parlato di complotti, ma ha interpretato la preoccupazione della politica per gli atteggiamenti di alcuni magistrati. Il fatto è che non si sono mai rimarginate le ferite aperte dopo l’emersione dello scandalo Palamara».

 

A quali allude?

«Dalle chat si è scoperto che addirittura un magistrato diceva all’altro che Salvini era innocente ma bisognava attaccarlo. Un’affermazione sacrilega, che in un Paese normale avrebbe dovuto suscitare una indignazione generale. Per di più Palamara ha aggiunto che non era un caso isolato. Eppure su queste attitudini aggressive e indegne di chi indossa la toga non è mai stata fatta chiarezza. Al contrario».

 

L ATTACCO AI MAGISTRATI DI GUIDO CROSETTO SUL CORRIERE DELLA SERA L ATTACCO AI MAGISTRATI DI GUIDO CROSETTO SUL CORRIERE DELLA SERA

Le conseguenze sui magistrati coinvolti, incluso Palamara, ci sono state. Non era abbastanza?

«Il Csm è stato decapitato in alcuni suoi componenti, tutti dell’area cosiddetta moderata, perché erano state pubblicate le loro intercettazioni. Ma Palamara ha ribadito che ce n’erano centinaia di altre, di cui nessuno sa nulla. La vicenda è stata chiusa con la radiazione di Palamara, ma i sospetti sono rimasti. Io stesso ne ho scritto a lungo, ben prima di diventare ministro. Crosetto se ne è solo fatto interprete».

 

Le «pagelle» non spingeranno i magistrati a puntare al risultato facilmente raggiungibile senza osare di più nella difficile ricerca della verità?

LUCA PALAMARA - OLTRE IL SISTEMA LUCA PALAMARA - OLTRE IL SISTEMA

«No. Le cosiddette pagelle sono valutazioni fatte dal Csm, in piena e assoluta indipendenza, e quindi sono una dimostrazione della nostra sensibilità sull’autonomia della magistratura. Ma poiché i pm hanno il potere di imbastire indagini talvolta lunghe e costose, che distruggono la vita e le finanze delle persone, e poi si concludono nel nulla, è ragionevole che si valutino anche i risultati delle loro inchieste.  […]».

 

[…] La sua riforma è davvero bloccata da Meloni o no?

«Altra grossolana fake news. Non so più come dirlo. Il primo pacchetto della riforma Nordio è all’esame del Senato, e quindi non dipende più da me».

 

ANTONIO TAJANI E CARLO NORDIO ANTONIO TAJANI E CARLO NORDIO

[…] Forza Italia rilancia sulla separazione delle carriere. E chiede di approvarla in parallelo a premierato e autonomia differenziata. Deve attendere?

«La separazione delle carriere è consustanziale al processo penale accusatorio, ed è nel nostro programma. Non è affatto bloccata: semplicemente deve seguire quella, politicamente più importante, del premierato. E poiché un eventuale referendum che le contemplasse entrambe creerebbe confusione nelle urne, si procede separatamente. In primavera comunque la porteremo in Cdm.

 

[…] Capisco l’effervescenza di chi vorrebbe tutto e subito, ma posso assicurare che, almeno finché guiderò questo ministero, queste riforme andranno avanti».

GIORGIA MELONI CARLO NORDIO GIORGIA MELONI CARLO NORDIO

 

Perché, potrebbe lasciare?

«Non ho nessuna intenzione di lasciare […]. Anche se mi hanno attribuito cariche che vanno dalla Corte costituzionale alla presidenza della Repubblica. Manca solo quella del Papa...».

carlo nordio al congresso di area carlo nordio al congresso di area

 

 

INTERCETTAZIONI NORDIO - VIGNETTA BY VUKIC INTERCETTAZIONI NORDIO - VIGNETTA BY VUKIC CARLO NORDIO GIORGIA MELONI - FOTOMONTAGGIO IL FATTO QUOTIDIANO CARLO NORDIO GIORGIA MELONI - FOTOMONTAGGIO IL FATTO QUOTIDIANO CARLO NORDIO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI CARLO NORDIO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI GIORGIA MELONI CARLO NORDIO GIORGIA MELONI CARLO NORDIO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…