media e tv

“MI SENTO PIU’ SICURO NEL PATTO ATLANTICO” – TELESE, CHE NE SPOSO’ UNA FIGLIA, RACCONTA IN UN LIBRO QUANDO ENRICO BERLINGUER SCELSE DI METTERSI SOTTO IL CAPPELLONE DELLA NATO E DI NON SCHIERARSI A FAVORE DELL'INVASIONE D'UNGHERIA. E POI IL "DISCORSO DEI CANCELLI" DI MIRAFIORI FATTO NELL'80, DOPO 35 GIORNI DI SCIOPERO CHE PORTARONO ALL'AUTUNNO CALDO FINITO CON LA MARCIA DEI 40MILA QUADRI FIAT: "FU CONSIDERATO UNA SCONFITTA MA..." - L'UOMO DELLA SCORTA CHE RIUSCÌ A TOCCARE LA GOBBA DI ANDREOTTI

LA CANNES DEI GIUSTI – DUE ORE DI SESSO, AMORE, PASTICCHE E MUSICA TECHNO: È "99 MOONS", IL FILM SCANDALO CHE SI STANNO COMPRANDO TUTTI I DISTRIBUTORI - INIZIA CON UN’AVVENTURA DI SESSO VIOLENTO ALQUANTO VIOLENTA E SADOMASO. A LEI, LA BIGNE DI VALENTINA DI PACE, PIACE ESSERE LECCATA DA UOMINI MASCHERATI, MA SOLO DOPO CHE L’HANNO ASSALTATA PER VIOLENTARLA. E’ QUELLO CHE CAPITA AL POVERO FRANKIE. SCOPERANNO PER TERRA O IN BAGNO - FANNO UN’ORGIA A TRE CON UN’AMICA DI LUI, MENTRE LEI SI FA DI QUALSIASI PASTICCA. E LA MUSICA POMPA… - VIDEO

IERVOLINO NON SI FERMA PIÙ, DOPO "L'ESPRESSO" SI VUOLE PAPPARE "REPUBBLICA" – JOHN ELKANN POTREBBE SBARAZZARSI DEL GIORNALE FONDATO DA SCALFARI (IN EDICOLA ORMAI DOPPIATO DAL “CORRIERE”), TENERSI STRETTA LA VISPA “LA STAMPA” DI GIANNINI (IN MEMORIA DELL’AVVOCATO) E PUNTARE SULLA JOINT VENTURE “SOLE 24 ORE”-“ECONOMIST”, E CREARE COSÌ UN QUOTIDIANO ECONOMICO EUROPEO - LE CHIACCHIERE SONO TANTE. AD ESEMPIO, IL RITORNO ALLA “STAMPA” DI FEDERICO MONGA HA INNESCATO L’IPOTESI DI UN RITORNO APICALE A LARGO FOCHETTI DI GIANNINI…

LA CANNES DEI GIUSTI - NON SOLO PER LE STRADE È PIENO DI MILITARI, MA ANCHE I FILM PARLANO DI GUERRE. IN "TIRAILLEURS” LA PARTE CON GLI AFRICANI FRANCESI CHE PARLANO UNA MAREA DI LINGUE DIVERSE VESTITI DA SOLDATI FRANCESI È NOTEVOLE E OMAR SY, GIGANTESCO IN TRINCEA. IL FILM MENO, MA FARÀ UN BOTTO DI SOLDI IN FRANCIA -"LES HARKIS" HA UNA REGIA UN PO' SCOLASTICA E MAI INVENTIVA E LA POVERTÀ DEI MEZZI IN UN FILM STORICO È UN PROBLEMA NON INDIFFERENTE. MA I CONTI CHE LA FRANCIA STA REGOLANDO COL SUO PASSATO COLONIALE È QUALCOSA DI INTERESSANTE… VIDEO

COLOMBO IN VOLO SU “REPUBBLICA” - FURIO COLOMBO, DOPO IL VAFFA A TRAVAGLIO, TORNA A SCRIVERE PER IL QUOTIDIANO DI MOLINARI. OGGI IL PRIMO ARTICOLO, “PUTIN IL LUPO E I PORCELLINI” - L’INCIPIT È DA FAR VENIRE L’ORTICARIA A ORSINI: “È INIZIATA, INSIEME ALLA GUERRA D'INVASIONE DELL'UCRAINA, UN'OPERAZIONE BEN PIÙ COMPLESSA, E PER CUI NON ESISTONO NEGOZIATI: LA SPACCATURA DEL MONDO. QUESTO È IL PROGETTO DELLA NUOVA RUSSIA. PER SPACCARE IL MONDO CI VUOLE UN'ALTRA PARTE COMBATTENTE. NON C'ERA. MA SI PUÒ SEMPRE INVENTARE…”

LA CANNES DEI GIUSTI - OGGI È “ARMAGEDDON TIME”, COME TITOLA IL NUOVO FILM DI JAMES GRAY CON JEREMY STRONG, ANNE HATHAWAY, ANTHONY HOPKINS E IL PICCOLO INCANTEVOLE BANKS REPETA, UNA QUASI AUTOBIOGRAFIA DOVE SI CAPISCE COME IL RAZZISMO E IL TRUMPISMO CHE HANNO VINTO NEL PAESE NEGLI ULTIMI ANNI NASCESSERO DALLA NEW YORK PIÙ PROFONDA DEI PRIVILEGIATI - NON SARÀ UN CAPOLAVORO MA POCO CI MANCA: È UN BELLISSIMO, INCANTEVOLE FILM CHE HA I TEMPI, L’INTELLIGENZA E L’ATTENZIONE DI UN AUTORE SOFISTICATO E PROFONDAMENTE UMANO - VIDEO

AGENZIA MASTIKAZZI! SESPO E ROSALBA, I FERRAGNEZ DEI POVERI DEL WEB SI SONO LASCIATI - MAGARI AI BOOMER NON DIRANNO UN CAZZO, MA IN RETE MIGLIAIA DI RAGAZZINE HANNO IL CUORE INFRANTO PER LA FINE DELLA LORO STORIA (FATEVENE UNA RAGIONE) – ROSALBA ADINOLFI, NAPOLETANA CLASSE 1999 E' UNA BEAUTY INFLUENCER (MA CHE VOR DI’?)– SESPO, AL SECOLO EDOARDO ESPOSITO, SI CHIAMA COSI’ PER UN ERRORE DI BATTITURA NELLA REGISTRAZIONE A UN CAMPIONATO DI FIFA (MANCO SA SCRIVERE IL NOME SUO, CIAO CORE!) - VIDEO

“CHIUDERE CARTABIANCA È FOLLIA, IN ITALIA C’È UNA CHINA PERICOLOSA. DOMANI QUALCUNO SI FARÀ VIDIMARE LE DOMANDE DA PALAZZO CHIGI?” - MARIO GIORDANO A TUTTO SPIANO: “IL COPASIR INDAGA SUGLI OSPITI? SE C’È UNA SPIA E LO PROVI, LO DENUNCI ALLA POLIZIA” - IL PRIMO LAVORO A “IL NOSTRO TEMPO” INSIEME A TRAVAGLIO: “IO ERO IL CLASSICO TERZOMONDISTA, LUI TRADIZIONALISTA” - GAD LERNER, “LUCIGNOLO”, FELTRI E L’ASPETTO: “IN TUTTA LA MIA VITA MI HANNO SEMPRE PRESO PER IL CULO. ORA CI SCHERZO MA HO SEMPRE SOFFERTO. UNA VOLTA BISOGNAVA RICEVERE DEI RUSSI, E IL DIRETTORE MI DISSE…”

VOLANO PADELLATE TRA CUOCHI - VISSANI RIVELA: “BARBARA BOUCHET, MAMMA DI ALESSANDRO BORGHESE, MI CHIAMÒ PER PRENDERE IL FIGLIO NEL MIO RISTORANTE” - MA LA BOUCHET E’ LA STESSA CHE HA DETTO: “I MIEI FIGLI SONO STATI CRESCIUTI CON L’INSEGNAMENTO DI CAVARSELA DA SOLI”? – E COSA DICE ALESSANDRO BORGHESE CHE AVEVA TUONATO CONTRO I GIOVANI CHE “NON VOGLIONO FARE SACRIFICI NEI RISTORANTI” – VISSANI CHIARISCE: “DA ME PER VENIRE A IMPARARE BISOGNA PAGARE E SIA LA BOUCHET CHE ANGELA DEI RICCHI E POVERI VOLEVANO MANDARMI I FIGLI GRATIS. E ALLA FINE NON SONO VENUTI”…

VIDEO-FLASH! - AVVERTITE LA BOSCHI E I "CINEPHILE" PIÙ RAFFINATI CHE AL MERCATO DI CANNES HA ESORDITO NELL'ENTUSIASMO GENERALE “DZIEWCZYNY Z DUBAJU", L’IRRESISTIBILE FILM IN CUI GIULIO BERRUTI SI TRASFORMA DA DENTISTA IN “GINECOLOGO”, FACENDO VISITE APPROFONDITE A UN NUTRITO GRUPPO DI ESCORT POLACCHE - L’IMPERDIBILE TRAILER, CON UNA CODA DI SIGNORINE CHE FA LA FILA PER SALIRE IN AEREO E ANDARE A FARSI TRAPANARE NEGLI EMIRATI ARABI DAL TENEBROSO “SIGNOR MEB” - FOTO HOT

 

È MORTO VANGELIS: IL COMPOSITORE GRECO, AUTORE DELLE COLONNE SONORE CULT DI “BLADE RUNNER” E DI “MOMENTI DI GLORIA” (CON CUI AVEVA VINTO L'OSACR), AVEVA 79 ANNI - L’ANNUNCIO È ARRIVATO DIRETTAMENTE DAL PRIMO MINISTRO DELLA GRECIA, KYRIAKOS MITSOTAKIS - EVANGELOS ODYSSEY PAPATHANASSIOU, QUESTO ILL SUO VERO NOME, ERA CONSIDERATO IL PUNTO DI CONGIUNZIONE TRA LA MUSICA “COSMICA” DEGLI ANNI 70 E LA “NEW AGE”, E HA INFLUENZATO PROFONDAMENTE LA SCENA ELETTRONICA DI TUTTO IL MONDO…

EZIO BOSSO FOR EVER! "MI FA PAURA ESSERE CONSIDERATO UN TESTIMONIAL DI QUALUNQUE COSA CHE NON SIA STUDIO, DEDIZIONE, MUSICA FATTA BENE" - IN OCCASIONE DEI 50 ANNI DEL DIRETTORE D'ORCHESTRA SCOMPARSO NEL 2020 A SOLI 48 ANNI, STASERA SU RAI 3 ESCE IL DOCUMENTARIO "EZIO BOSSO. LE COSE CHE RESTANO", CON TANTO DI UN SUO BRANO INEDITO NELLA COLONNA SONORA - GLI INIZI CON LA BAND SKA "STATUTO", LA MALATTIA E LA STORIA CON ALBA PARIETTI, IL TIFO PER IL TORINO, LA MALATTIA: "LA DISABILITA' E' NEGLI OCCHI DI CHI GUARDA" - VIDEO

LA CANNES DEI GIUSTI - DOPO IL TRIONFO DI "ESTERNO NOTTE" DI BELLOCCHIO, SI TORNA ALLE FOLLIE DI QUESTO FESTIVAL. SEMBRA CHE A MANDARE IN TILT IL SISTEMA DEI BIGLIETTI SIA STATO UN ATTACCO DI HACKER RUSSI (CHIAMATE COSSIGA), PER VENDICARSI DI TUTTO QUESTO SPAZIO CHE CON INUTILE ENFASI THIERRY FREMAUX HA DEDICATO A ZELENSKY, AI TOP GUN DI BIDEN E AL FILM DEL DISSIDENTE RUSSO KIRILL SEREBRENNIKOV – FREMAUX E SOCI HANNO RISPOSTO NEL MODO PIÙ MESCHINO POSSIBILE. FACENDO FINTA DI NULLA…

MARCO TRAVAGLIO RISPONDE A FURIO COLOMBO CHE AVEVA SOSTENUTO DI ESSERE STATO CENSURATO DAL “FATTO QUOTIDIANO”: “L'UNICA CENSURA È QUELLA CHE COLOMBO PRETENDEVA DA ME, QUANDO MI HA CHIESTO DI CACCIARE ORSINI, "REO" DI NON PENSARLA COME LUI. I COMMENTATORI CONCORDANO COL DIRETTORE GLI ARTICOLI, CON TRE LIMITI: CODICE PENALE, OGGETTIVITÀ DEI FATTI E RISPETTO PER I COLLABORATORI DEL GIORNALE. PURTROPPO COLOMBO, SABATO 7, HA INVIATO UN PEZZO CHE OLTREPASSAVA TUTTI E TRE I LIMITI: OFFENDEVA E DIFFAMAVA FINI E ORSINI ATTRIBUENDO LORO TESI MAI ESPRESSE. L'HO PREGATO DI RIMANDARLO CON LE SUE OPINIONI INTATTE MA SENZA INSULTI. COLOMBO CI HA PENSATO E MI HA INVIATO LA NUOVA VERSIONE, CHE È USCITA VENERDÌ…”

CHE FA LORENZETTO DI NOTTE? LE PULCI AI GIORNALI! - “DOMANI”: “A KHARKIV GLI UCRAINI AVANZANO. NELL’AZOVSTAL SI SPERA ALL’EVACUAZIONE”. CIOÈ SI SPERA SOLO AL MOMENTO DI DEFECARE? - ORSINI: “TUTTI NOI, PROFESSORI ‘E NON’, COLLABORATORI DEL ‘FATTO’ E NON’, SIAMO ESPOSTI AL GIUDIZIO DEGLI ALTRI”. LO INFORMIAMO CHE L’AVVERBIO NEGATIVO OLOFRASTICO È SOLTANTO “NO”. QUINDI SI SCRIVE “PROFESSORI E NO, COLLABORATORI DEL ‘FATTO’ E NO”, COME PERALTRO È NOTO FIN DAI TEMPI DI DANTE ALIGHIERI…

L’IPOCRISIA DI GIORGIA SOLERI: E’ DIVENTATA NOTA PER IL FATTO DI ESSERE LA FIDANZATA DI DAMIANO DEI MANESKIN MA VA IN PUZZA SE LE RESTA APPICCICATA ADDOSSO QUESTA ETICHETTA - LA BONAZZA E’ IMPAZZITA DOPO ESSERSI ACCORTA CHE, DURANTE UN’INTERVISTA SU RAIUNO CON ELEONORA DANIELE, NEL SOTTOPANCIA VENIVA INDICATA COME "LA FIDANZATA DI DAMIANO DAVID DEI MANESKIN” - L’INCAZZATURA SUI SOCIAL: “MA NON SONO SENZA NOME! MI CHIAMO 'LA FIDANZATA' DI NOME E 'DI DAMIANO DEI MANESKIN DI COGNOME!' COME FATE A NON SAPERLO!?”    

IL “PRIMO NUDO” DI MICHELANGELO VENDUTO ALLA CIFRA RECORD DI 23 MILIONI DI EURO: È IL PREZZO PIU’ ALTO MAI PAGATO PER UN’OPERA DELL'ARTISTA ITALIANO - REALIZZATA ALLA FINE DEL QUINDICESIMO SECOLO, PROVIENE DA UNA COLLEZIONE PRIVATA FRANCESE - A PARIGI VOLEVANO TENERSELO STRETTO, AL PUNTO DA DECRETARE IL DISEGNO TESORO NAZIONALE IMPEDENDONE L’ESPORTAZIONE PER UN PERIODO DI TRENTA MESI - MA ORA IL GOVERNO HA RIMOSSO IL VINCOLO E IL DISEGNO È STATO VENDUTO ALL'ASTA DA CHRISTIE'S - CHI SE LO SARÀ AGGIUDICATO?

LA CANNES DEI GIUSTI - ALLA FACCIA DI PUTIN E DELLA SUA GUERRA, MA ANCHE DELL’ARRIVO SULLA CROISETTE DI TOM CRUISE, IERI SERA IN SALA È STATO IL TRIONFO DEL PRIMO GRANDE FILM IN CONCORSO, L’ULTRAPOLITICO “LA MOGLIE DI TCHAIKOVSKY" DEL REGISTA DISSIDENTE RUSSO KIRILL SEREBRENNIKOV – IL COMPOSITORE L’AVEVA SPOSATA, MA ERA GAY, E NON RIUSCIVA A FARGLIELO CAPIRE NÉ A SCOPARLA E, INFATTI LEI SI BUTTERÀ SUL SESSO E LE ORGE - SAPENDO, QUANTO PUTIN ODI L’OMOSESSUALITÀ, NON CREDO CHE QUESTO RITRATTO DEL MATRIMONIO SBAGLIATO DEL GENIO RUSSO POSSA FARGLI PIACERE... - VIDEO

“TRAVAGLIO È UN CATTIVO GIORNALISTA E MI HA ROVINATO LA VITA” - NON L’HANNO DETTO BERLUSCONI O RENZI MA ALESSANDRO ORSINI, CHE OGGI È EDITORIALISTA DI PUNTA DEL “FATTO QUOTIDIANO”. NEL 2011 IL PROFESSORE SCRISSE UN ARTICOLO SUL “GIORNALE” IN CUI PARAGONAVA I NO-TAV ALLE BRIGATE ROSSE. MARCOLINO SI INCAZZÒ E IL FUTURO PREZZEMOLINO DEI TALK SHOW RISPOSE PICCATO (CON UNA SPECIE DI PROFEZIA): “RAGIONA IN MANIERA PRIMITIVA: SE AVESSI SCRITTO LE STESSE COSE SU IL FATTO QUOTIDIANO, TRAVAGLIO MI AVREBBE APPLAUDITO…”

LA CANNES DEI GIUSTI - “L’ENVOL”, DIRETTO DA PIETRO MARCELLO, È UN BUON FILM, COLTO, INTELLIGENTE, BENISSIMO INTERPRETATO E BEN MUSICATO. FORSE NON È STRAMPALATO, CURIOSO E VITALE COME “MARTIN EDEN”, MA HA UNA COSTRUZIONE PIÙ TRADIZIONALE, QUASI DOCUMENTARISTICA, DOVE MARCELLO RIESCE A DARE IL MEGLIO DI SÉ E DELLA SUA FORMAZIONE, ANCHE SE A UN CERTO PUNTO SENTI IL BISOGNO DI UNA STORIA. FUNZIONA MAGARI MENO QUANDO CERCA DI TROVARSI UNA FORMA TRA IL MÉLO, IL FAVOLISTICO, POI IL MUSICAL FRANCESE...