media e tv

CANE ROBOT A NEW YORK

CAMERANA CON VISTA - L'INTERVISTA DI "REPUBBLICA" ALLA CONTESSA ANTONELLA CARNELLI DE MICHELI CAMERANA, MEMBRO DELLA DINASTY AGNELLI, CHE FRIGNA PER ESSERE "PRIGIONIERA" A PORTOFINO, FA SBELLICARE TUTTI, DAL "FATTO" A "IL GIORNALE" - TRAVAGLIO: "IMMAGINARE QUEL VIAGGIO DI STENTI DALLE FAVELAS DI VIA MONTENAPOLEONE ALLE BIDONVILLE DI PORTOFINO, DOVE LA POVERA SENZATETTO E' ARRIVATA FORSE SU UN CARRO BESTIAME O NEL CASSONE DI UN CAMION, CI HA FUNESTATO LA LETIZIA TIPICA DEL DÌ DI FESTA…"

CARTA STRACCIATA - A GENNAIO 2021 I GIORNALI HANNO PERSO PER STRADA ALTRE 300MILA COPIE. IL MERCATO HA PERSO IL 15 PER CENTO - IN TERMINI DI SOLDI, SONO 260 MILIONI DI EURO DI RICAVI NETTI COMPLESSIVI CHE SONO ANDATI IN FUMO - E NEMMENO LE VENDITE DELL’EDIZIONE DIGITALE COMPENSANO LE PERDITE IN EDICOLA. IN GENNAIO 2020 RISULTAVANO VENDUTE 343 MILA COPIE DIGITALI. CON VARIE FORMULE DI ABBINAMENTO E SCONTO, FORSE TROPPE E NON TUTTE CHIARISSIME. RISULTATO: NEL GENNAIO 2021 LA CIFRA ERA SCESA A 305 MILA…

IL DIVANO DEI GIUSTI – FRANCESCHINI HA TOLTO LA CENSURA, MA NON PUÒ CERTO RIMETTERE A POSTO I FILM TAGLIUZZATI CHE VEDIAMO IN TV. QUINDI VEDETEVI, COME SONO SONO, I CAPOLAVORI TRASH DELLA NOTTATA, COME “DECAMEROTICUS”, O IL VOLGARISSIMO “DA SCARAMOUCHE OR SEI VUOI L’ASSOLUZIONE BACIAR DEVI STO CORDONE” – CENSURA E AUTOCENSURA COLPIRONO DUE GRANDI FILM COMICI CHE VEDREMO IN PRIMA SERATA, “IL VIGILE” CON UN ALBERTO SORDI STREPITOSO E “BACIAMI STUPIDO” DI BILLY WILDER – VIDEO

PIPPITEL! LA FICTION DI RAI 1 “LA FUGGITIVA” PARTE BENE E CONQUISTA LA PRIMA SERATA CON IL 21.4% DI SHARE E OLTRE 5 MILIONI DI SPETTATORI – PERDE ANCORA “L’ISOLA DEI FAMOSI” IN CALO RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA: 17.1% DI SHARE CON TRE MILIONI DI SPETTATORI – SU ITALIA 1 “PIRATI DEI CARAIBI – LA VENDETTA DI SALAZAR” FA L’8.3%, PORRO SU RETE 4 CON “QUARTA REPUBBLICA” AL 5.4% - SU RAI 3 “CITTÀ SEGRETE” AL 7% - AMADEUS (19.4%), “STRISCIA” (15.7%), PALOMBA (5.2%), GRUBER (7.2%)

QUEL GRANDE EQUIVOCO CHIAMATO SESSO – DAGO: “MASSÌ, HA RAGIONE IL FILOSOFO SLAVOJ ŽIŽEK: NON C'È NIENTE DI MENO NATURALE DEL SESSO. I NOSTRI DESIDERI SONO ARTIFICIALI. IL SESSO PER GLI UOMINI, NON È SESSO CON UNA DONNA MA CON LA NOSTRA FANTASIA. PER LA DONNA OVVIAMENTE È DIVERSO. IL VERO PIACERE STA TUTTO NEL MODO IN CUI IL SESSO È DESCRITTO DALLE PAROLE - DOPO TUTTO, IL SESSO È UNA STRANA CONNESSIONE TRA REALTÀ E FANTASIA LA CUI ESPRESSIONE ESAGERATA È LA PORNOGRAFIA''

ALBA DI FUOCO – UN FOLLOWER ATTACCA LA PARIETTI: “NON È UNA VERA DIVA, È TUTTI I GIORNI IN TV MA NEI PROGRAMMI DI ALTRI”, E LEI RISPONDE PER LE RIME: “VOGLIAMO PARLARE DEI TUOI MESSAGGI PRIVATI VOMITEVOLI? SEI IL TIPICO SFIGATO CHE DOPO AVER PASSATO NOTTI INSONNI SUI MIEI PROFILI PENSI DI VENDICARTI CON CA**TE RIDICOLE? SEI UN POVERO CRISTO OLTRE CHE UN MOLESTATORE. RINGRAZIA CHE NON TI DENUNCIO, MA TI SEGNALO ALLA POLIZIA POSTALE. FAI QUESTO PANEGIRICO PER VENDICARTI DI NON ESSERE CAGATO, DOPO ESSERTI PERMESSO DI..." – VIDEO

IL DIVANO DI PASQUETTA DEI GIUSTI – NON È PROPRIO UNA GIORNATA RICCA. INTANTO VI SEGNALO IL “BEN HUR” PIÙ CAFONE DELLA STORIA DEL CINEMA, QUELLO RUSSO, GIRATO A ROMA. MEGLIO “NON SI RUBA A CASA DEI LADRI”, CIOÈ MAFIA CAPITALE ALLA VANZINA BROTHERS: “A TE LA GRANDE BELLEZZA TE FA NA PIPPA!”, “ER CULO COSA?” – MA LE COSE MIGLIORI ARRIVANO DOPO MEZZANOTTE, COME IL THRILLER EROTICO “LA GABBIA” DI GIUSEPPE PATRONI GRIFFI, SCRITTO DA LUCIO FULCI, CON LAURA ANTONELLI E SUA FIGLIA CHE LEGANO AL LETTO TONY MUSANTE PERCHÉ PAZZE DI LUI – VIDEO

SENZA VERGOGNA - LE PRIORITÀ DI “REPUBBLICA”: INVECE CHE INTERVISTARE QUALCHE DISGRAZIATO CHE HA PERSO IL LAVORO RACCONTA IL “DRAMMA” DELLA CONTESSA ANTONELLA CARNELLI DE MICHELI CAMERANA, MEMBRO DELLA DINASTIA AZIONISTA DI EXOR-FCA, “PRIGIONIERA” NELLA SECONDA CASA DI PORTOFINO – L’IMBARAZZANTE INTERVISTA: “VEDERE QUESTO VUOTO È DEPRIMENTE. MI ALZO, NON VADO NEMMENO IN PIAZZETTA, STO CON LA MIA FAMIGLIA, MAGARI VEDO UN’AMICA” (POVERA, PENSA SE DOVESSE ANCHE LAVORARE OGNI TANTO...) 

SCANZI, DUE PALLE – MINUZ SU “IL FOGLIO”: “NON CI PIACE E NON CI È MAI PIACIUTO IL SUO “METODO”. LA DENUNCIA FACILE, IL FANGO GRATUITO, IL MORALISMO BECERO, MA LA “CANCEL CULTURE” APPLICATA A SCANZI, COME FOSSE UN MOZART QUALSIASI BANDITO DALLE UNIVERSITÀ, NON CI VA PROPRIO GIÙ” – “SAREBBE BASTATO OSPITARLO CON UN MINIMO DI CONTRADDITTORIO, ANZICHÉ MANDARLO IN ONDA IN UN MONOLOGO SENZA INTERRUZIONI, PER POI CANCELLARLO NELLA PUNTATA SUCCESSIVA, COME HA FATTO LA BERLINGUER…”