QUI RADIO COLLE/1 – UGO MAGRI: “L'USCITA DEL CAV È RISUONATA COME VOCE DAL SEN FUGGITA, LA CONFERMA DI QUANTO GIÀ PRIMA SI POTEVA INTUIRE" - "SEMMAI QUALCHE DIGNITARIO È RIMASTO SORPRESO DALLA TEMPISTICA. METTENDO IL CARRO DAVANTI A TUTTI QUESTI BUOI, SILVIO COMPLICA IL CAMMINO DELLA RIFORMA" - "LA VICENDA SEGNALA UN RISCHIO: CHE IL CENTRODESTRA, SE VINCERÀ LE ELEZIONI, POSSA METTERE IL COLLE NEL MIRINO TRASFORMANDO LA CASA DEGLI ITALIANI IN UN CAMPO DI BATTAGLIA. CERTI SEGNALI FANNO PENSARE. LA TENTAZIONE DI DELEGITTIMARE MATTARELLA È DIETRO L'ANGOLO…”

SALMAN RUSHDIE RISCHIA DI PERDERE UN OCCHIO: È ATTACCATO AL RESPIRATORE E HA SUBITO GRAVI DANNI AL BRACCIO E AL FEGATO – L’UOMO CHE LO HA ACCOLTELLATO SI CHIAMA HADI MATAR E HA 24 ANNI. NON ERA ANCORA NATO QUANDO KHOMEINI LANCIÒ LA FATWA CONTRO LO SCRITTORE, RINNOVATA DA KHAMENEI. RUSHDIE ORMAI SI SENTIVA AL SICURO: AL FESTIVAL DI BUFFALO NON C’ERANO CONTROLLI, E LUI ERA SENZA SCORTA. A UN CERTO PUNTO MATAR È CORSO SUL PALCO E L’HA AGGREDITO: “LO COLPIVA AL TORACE E AL COLLO. NEANCHE IN CINQUE ERANO IN GRADO DI TENERLO IMMOBILE. ERA UNA FURIA…”

A COSA SERVE DAGOSPIA - QUESTO DISGRAZIATO SITO, ACCUSATO DI OGNI BESTIALITA’, ALLA FINE FA QUELLO CHE DOVREBBERO FARE I GIORNALI: DARE NOTIZIE - QUEST’ANNO, COME ACCADDE PER PAMELA PRATI-MARK CALTAGIRONE NEL 2019, HA FORNITO LA STORIA DELL’ANNO: IL TRIANGOLONE TRA TOTTI, ILARY BLASI E NOEMI BOCCHI - STORIA SU CUI GLI OPINIONISTI SENZA NOTIZIE DISCUTONO, PARLANO E SI FANNO LE SEGHE - COME FA “IL FOGLIO” (SENZA CITARE, OVVIAMENTE) ELEVANDO LA TOTTEIDE DI AMORE E CORNA A GIALLO DELL’ESTATE: “CI SI APPASSIONA A QUESTA VICENDA. MA CHE TRAMA! CHE PLOT!”

COME STA SALMAN RUSHDIE? LO SCRITTORE, DOPO ESSERE STATO ACCOLTELLATO AL COLLO, È STATO TRASPORTATO IN UN OSPEDALE LOCALE, NELLO STATO DI NEW YORK.  SAREBBE RIUSCITO AD ALZARSI DA SOLO DAL PALCO DOPO L’AGGRESSIONE - LA GOVERNATRICE DI NEW YORK: "È VIVO E STA RICEVENDO LE CURE DI CUI HA BISOGNO" - L'UOMO CHE LO HA AGGREDITO INDOSSAVA UNA MASCHERINA NERA. SI È ALZATO DALLA PLATEA E SI È AVVENTATO SULLO SCRITTORE, PRIMA CHE LE PERSONE ACCORRESSERO IN AIUTO - NEL 1989 RUSHDIE FU DESTINATARIO DI UNA FATWA DELL'AYATOLLAH KHOMEINI, E DA ALLORA IL SUO TRADUTTORE IN GIAPPONE È STATO ASSASSINATO; QUELLO ITALIANO ACCOLTELLATO E IL SUO EDITORE NORVEGESE FUCILATO -  VIDEO + FOTO

NELLA CATEGORIA “VITTIMISMO CHIAGNI E FOTTI”, ENTRA IN POMPA MAGNA ROBERTA CARLUCCIO, AKA “ROBERRYC” – L’INFLUENCER (PARDON, “FITNESS MODEL”), PRIMA ATTIZZA UN BRANCO DI MASCHI ALLUPATI IN DISCOTECA TWERKANDO CON IL CULO IN VISTA, POI SI LANCIA SU DI LORO DAL PALCO - È FINITA COM’ERA PIU’ CHE PREVEDIBILE: CHE I MASCHIETTI L’HANNO PALPEGGIATA - LEI SI È MESSA A FRIGNARE CON I SUOI QUASI 2 MILIONI DI FOLLOWER: “FATE SCHIFO. MI SENTO DI DOVER TUTELARE LE ALTRE CREATOR E DONNE IN GENERALE. FORSE ME LO SAREI DOVUTO ASPETTARE”. FORSE SÌ, CARA ROBERTA, CONSIDERANDO CHE POCO PRIMA TI URLAVANO “FACCELA VEDE’, FACCELA TOCCA’” E TE LA RIDEVI DI GUSTO… - VIDEO + FOTO

“A GIORGIA MELONI DICO: INIZI DAL TOGLIERE LA FIAMMA DAL LOGO DEL PARTITO” – ANCHE LILIANA SEGRE CHIEDE ALLA “DUCETTA” DI CAMBIARE IL SIMBOLO PER NON ESSERE ASSIMILABILE IN QUALCHE MODO AL FASCISMO: “LE PAROLE NON MI COLPISCONO PIÙ DI TANTO, DEVONO ESSERE ACCOMPAGNATE DA FATTI CONCRETI” – LA REPLICA DI LA RUSSA: “CON TUTTO IL RISPETTO PER LA SENATRICE, CHE STIMO, RICORDO CHE LA FIAMMA NON È ASSIMILABILE AL FASCISMO E CHE SUO MARITO, CHE HO CONOSCIUTO E APPREZZATO, SI CANDIDÒ CON ALMIRANTE

FLASH! PIU’ CHE IN LIST, IN BLACKLIST. DA GIORNI IL DUO RONZULLI-FASCINA È AL LAVORO PER FARE FUORI ANNAELSA TARTAGLIONE, UN TEMPO PUPILLA DEL CAV, ALLA RICERCA SPASMODICA DI UN POSTO IN LISTA - SEMBRA CHE LA FASCINA NON GRADISCA LE SUE MISE TROPPO PROVOCANTI. STESSA SORTE PER DEBORAH BERGAMINI: NESSUNO HA DIMENTICATO LE SUE TRATTATIVE CON RENZI PER ENTRARE IN ITALIA VIVA E, SOPRATTUTTO, I GIUDIZI SPREZZANTI SU MARTA FASCINA APPENA ENTRATA IN PARLAMENTO. NEANCHE TAJANI RIUSCIRÀ A SALVARLA QUESTA VOLTA…

MA QUINDI COM’È STO PRESIDENZIALISMO? – LA PROPOSTA DI RIFORMA COSTITUZIONALE DEL CENTRODESTRA PREVEDE L’ELEZIONE DIRETTA DEL CAPO DELLO STATO. COME IN FRANCIA O NEGLI STATI UNITI, PER INTENDERSI – A DIFFERENZA DEL PARLAMENTARISMO, NELLA REPUBBLICA PRESIDENZIALE IL PRESIDENTE HA GRANDI POTERI E PUÒ AGIRE LIBERAMENTE – COME TUTTE LE FORME DI GOVERNO HA I SUOI PRO E CONTRO: IL VANTAGGIO È LA “MASSIMA LEGITTIMITÀ” RICONOSCIUTA AL PRESIDENTE E IL RAFFORZAMENTO DELLA SEPARAZIONE DEI POTERI. MA NON RISOLVEREBBE IL PROBLEMA DELL’INSTABILITÀ POLITICA…

ULTIME DAL FRONTE - L'ARMATA RUSSA NON DILAGA VISTO CHE LE ARMI A LUNGA GITTATA FORNITE DAGLI USA AGLI UCRAINI HANNO “NEUTRALIZZATO” LE RETROVIE DEI RUSSI - L'UCRAINA, CON LA COLLABORAZIONE DEI PAESI NATO, STA ADDESTRANDO DIVERSE MIGLIAIA DI MILITARI ALL'ESTERO - SI INTENSIFICANO LE INCURSIONI DI SABOTATORI, PARTIGIANI E COMMANDOS CHE SFIDANO I PIANI DI MOSCA - I DUE ESERCITI DOVRANNO FARE I CONTI CON LE SCORTE, IN PARTICOLARE DI PROIETTILI. IL CONSUMO È STATO MOLTO ALTO, NON È FACILE REPERIRLI…

GIULIO ANDREOTTI SI INTERESSÒ IN PRIMA PERSONA DI MARCO DE PEDIS, FRATELLO DEL BOSS DELLA BANDA DELLA MAGLIANA - ERA IL 1989, IL LEADER DELLA DC ERA IL PRIMO MINISTRO E NON SI TIRÒ INDIETRO QUANDO DON VERGARI, L'ALLORA RETTORE DELLA BASILICA DI SANT'APOLLINARE, GLI CHIESE DI INTERVENIRE A FAVORE DEL FRATELLO DI "RENATINO" (CHE POI VENNE TUMULATO PROPRIO NELLA BASILICA CON ATTESTATI DA "BUON CRISTIANO" DECANTATI PROPRIO DA DON VERGARI) - ALLA FINE DEGLI ANNI OTTANTA DE PEDIS AVEVA UN APPARTAMENTO NEL CENTRO DI ROMA LE CUI FINESTRE ERANO ACCANTO A QUELLE DELL'UFFICIO DI ANDREOTTI - DURANTE L'INDAGINE SULLA SCOMPARSA DELL'ORLANDI, SABRINA MINARDI AMANTE DI DE PEDIS, DISSE PIÙ VOLTE CHE IL BOSS E IL POLITICO SI CONOSCEVANO E SI FREQUENTAVANO…

“IL FERRAGOSTO A ROMA È UN TRIONFO DI SMUTANDATI CHE SI AGGIRANO COI TELEFONINI IN MANO ALLA RICERCA DELLA DESTINAZIONE” – ENRICO VANZINA CELEBRA I 60 ANNI DEL “SORPASSO” DI DINO RISI RIMANENDO NELLA CAPITALE IL 15 AGOSTO: “È STATO UN FILM CENTRALE NELLA MIA CARRIERA. LA SCENA CHE PREFERISCO È IL FINALE. PERCHÉ È INASPETTATO E STRAORDINARIO” – “L’ESTATE ITALIANA È CAMBIATA POCO. È PIÙ AFFOLLATA, CI SONO ALTRE MACCHINE, MA QUELLO SPIRITO CACIARONE DI FOLLIA E DI FUGA È RIMASTO. L'ESTATE È COSÌ IMPORTANTE PERCHÉ CHI VA IN VACANZA ENTRA IN UN ALTRO PERSONAGGIO: CHI È SPOSATO NEGA DI ESSERLO, CHI È POVERO FINGE DI ESSERE RICCO…” – VIDEO

GRANDI MANOVRE OLTRETEVERE - DON FILIPPO DI GIACOMO: “SUSSURRI E GRIDA IN VATICANO. A CAUSARLI, LE NOMINE, I TRASFERIMENTI E ALTRE UMANE VICENDE CONSEGUENTI ALLA MESSA A REGIME DELLA COSTITUZIONE APOSTOLICA PRAEDICATE EVANGELIUM, LA SBRIGATIVA LEGGE DI RIFORMA DELLA CURIA ROMANA - LE CHIESE ORIENTALI DOVREBBERO ANDARE AL FRANCESE DOMINIQUE MAMBERTI, COSA NON GRADITA ALL'ATTUALE TITOLARE, L'ARGENTINO SANDRI: I PETTEGOLI PARLANO DI UN SUO "COLOSSALE SCAZZO", MA NON PRECISANO CON CHI…”

IL DIVANO DEI GIUSTI - STASERA COSA PASSA IN TV? CI SAREBBE "LA STANGATA" DI GEORGE ROY HILL CON PAUL NEWMAN, ROBERT REDFORD, ROBERT SHAW CHE FA UN INCREDIBILE CATTIVO,  CHARLES DURNING, IRIS ALLE 21 - CINE 34 RISPONDE CON IL SUPERCLASSICO CON GLORIA GUIDA "LA LICEALE NELLA CLASSE DEI RIPETENTI" CON ALVARO VITALI, LINO BANFI, GIANFRANCO D'ANGELO  - VI CONSIGLIEREI PIUTTOSTO IL CAPOLAVORO DEI VANZINA BROTHERS E DI DIEGO ABATANTUONO "ECCEZZZIUNALE... VERAMENTE", CHE CONOSCIAMO QUASI TUTTI A MENTE… - VIDEO

PROPAGANDA ATOMICA – CONTINUA IL RIMPALLO DI ACCUSE TRA RUSSI E UCRAINI SULLE CONDIZIONI DELLA CENTRALE NUCLEARE DI ZAPORIZHZHIA. DA KIEV DICONO CHE L’IMPIANTO È A RISCHIO PER VIA DEI BOMBARDAMENTI RUSSI E DEL MANCATO CONTROLLO. SECONDO LA BBC I DIPENDENTI LAVORANO CON LE ARMI DEI SOLDATI RUSSI PUNTATE CONTRO, CON IL TIMORE CRONICO DI UN INCIDENTE, MENTRE DA MOSCA ACCUSANO GLI UCRAINI DI BOMBARDARE COSTANTEMENTE LE VICINANZE. CHIUNQUE ABBIA RAGIONE, IL RISCHIO DI UNA NUOVA CHERNOBYL È SEMPRE PIÙ REALISTICO…