DOPO USTICA, L’ALTRO MISTERO D’ITALIA RESTANO I JALISSE ESCLUSI PER 25 ANNI DA SANREMO – LEGGETE COSA DICEVANO DELLA LORO INCREDIBILE VITTORIA NEL 1997 ALDO GRASSO, ANTONIO RICCI E MARINO BARTOLETTI – FABIO RICCI, COMPONENTE DEL DUO, A DAGOSPIA: "PAGHIAMO IL FATTO DI AVERE UN’ETICHETTA INDIPENDENTE NEL PERIODO DELLA TIRANNIA DELLE MAJOR? NON RIUSCIAMO A CAPIRLO. SIAMO PICCOLI ARTIGIANI DELLA MUSICA. AMADEUS? NON CE L’ABBIAMO CON LUI, UN PIATTO DI PASTA LO MANGIAMO LO STESSO”. E PER IL PROSSIMO ANNO…


CIAK, MI GIRA! – “MOLLO TUTTO E APRO UN CHIRINGUITO” POTREBBE DAVVERO ESSERE LA RIVELAZIONE DELL’ANNO? IERI, AL DEBUTTO, SI È IMPOSTO AL SECONDO POSTO CON 73MILA EURO, DIETRO I 129MILA DI “ENCANTO”. TUTTA L’OPERAZIONE RUOTA ATTORNO AL MILANESE IMBRUTTITO, “VOGLIO TUTTI IN OFFICE TRA MEZZORA”, PERSONAGGIO NATO IN INTERNET, UNA SORTA DI DOGUI 2.0, INTERPRETATO DA GERMANO LANZONI. IL VERO PROBLEMA DEL FILM È TROVARE IL CORAGGIO DI VEDERLO. CE LA POSSO FARE? BOH - VIDEO

ANCHE GLI EMIRATI ARABI SI SONO ACCORTI CHE LAVORARE TROPPO È CONTROPRODUCENTE - IL GOVERNO DI ABU DHABI HA DECISO DI ISTITUIRE UNA SETTIMANA LAVORATIVA DI QUATTRO GIORNI E MEZZO, A PARTIRE DAL PRIMO GENNAIO - IL WEEKEND SARÀ ANTICIPATO E IL VENERDÌ SI LAVORA SOLO MEZZA GIORNATA - GLI EMIRATI ARABI SONO IL PRIMO PAESE A INTRODURRE LA SETTIMANA PIÙ BREVE. CHISSÀ, PRIMA O POI ANCHE NOI OCCIDENTALI, OSSESSIONATI DALLA PRODUTTIVITÀ, CAPIREMO CHE SUL LAVORO NON CONTA LA QUANTITÀ, MA LA QUALITÀ...

TRAVAGLIO DIXIT: CONTE VUOLE IL VOTO ANTICIPATO – PEPPINIELLO APPULO NON CONTROLLA I GRUPPI PARLAMENTARI E RISCHIA DI NON ARRIVARE AL 2023: È PER QUESTO CHE HA RIFIUTATO LA GENTILE OFFERTA DI LETTA, CHE GLI VOLEVA REGALARE IL SEGGIO DI GUALTIERI ALLA CAMERA – IL DIRETTORE DEL “FATTO” DA MESI SPINGE PER PRESERVARE L’AVVOCATO DI PADRE PIO SOTTO URNA. COSÌ CONTE SI TOGLIEREBBE DALLE PALLE L’ALA GOVERNISTA DEL MOVIMENTO CAPEGGIATA DA DI MAIO – C’È SOLO UN PROBLEMA: BISOGNA SPEDIRE DRAGHI AL COLLE…

“PIACCIA O NON PIACCIA (A ME PIACE) LA PRIMA DELLA SCALA È ANCHE UNO SPETTACOLO TELEVISIVO” – ALBERTO MATTIOLI: “CHE ANCHE ALL’OPERA, PERFINO ALL’OPERA, SI PENSI ALLA CONTEMPORANEITÀ COME A UN’OPPORTUNITÀ E NON COME A UNA MINACCIA DISTURBERÀ MAGARI LE CARE SALME MA È L’UNICO MODO DI FARLA SOPRAVVIVERE” – “RICCARDO CHAILLY HA FATTO UN GRAN LAVORO SUI COLORI DELL’ORCHESTRA, SULLE DINAMICHE, SULLA CONCERTAZIONE. RESTA IL REBUS DI UNA REGIA DOVE MI SEMBRA MANCHI UN’IDEA DAVVERO FORTE E DI UNO SPETTACOLO CHE AFFASTELLA CITAZIONI SENZA COAGULARLE IN UNA VISIONE UNIVOCA…”

LO SCIOPERO GENERALE NON È CONTRO DRAGHI, MA CONTRO I PARTITI! – LANDINI: “IL PREMIER HA TENTATO DI PROPORRE UN PUNTO DI MEDIAZIONE CON LA SUA MAGGIORANZA, MA È STATO BRUTALMENTE MESSO IN MINORANZA DAI PARTITI. PENSANO PIÙ ALLE PROPRIE BANDIERINE ELETTORALI CHE AGLI INTERESSI DELL’ITALIA” – “SCIOPERO IMMOTIVATO? È UN’OBIEZIONE INFONDATA. IL GOVERNO DA MESI HA RICEVUTO LE NOSTRE RICHIESTE UNITARIE SU FISCO, PENSIONI, POLITICHE INDUSTRIALI E LOTTA ALLA PRECARIETÀ. LE RISPOSTE NON SONO ADEGUATE…”

“LA DIVERSITÀ NON STA PIÙ TANTO NELLA CORSA MA NELLA QUALITÀ DEI GIOCATORI” – SCONCERTI: “GLI INGLESI SONO PIÙ BRAVI DEI NOSTRI. IL LIVERPOOL TROVA ARMONIE DI SQUADRA ANCHE QUANDO NON CORRE. SONO TUTTI FANTASISTI. NON SBAGLIANO MAI UN APPOGGIO. GIOCANO IN SOSTANZA UN ALTRO CALCIO” – “QUESTI CLUB CLASSICI HANNO GIOCATORI TROPPO DIVERSI E HANNO L'ABITUDINE A QUESTE PARTITE. NON A CASO L'INGHILTERRA PORTA AGLI OTTAVI QUATTRO SQUADRE SU QUATTRO E TUTTE AL PRIMO POSTO. LA SPAGNA NE HA PER ORA DUE SU DUE, LE ALTRE DUE GIOCANO OGGI…”

BENTORNATA, SCALA! – PANZA: “NEL FOYER L'OSSESSIONE DEL COVID PREVALE SULL'OSSESSIONE DEI MACBETH. MA SOLLECITATO A PRONUNCIARSI SUL MONDO DISTOPICO, ALLA BLADE RUNNER, PENSATO DA LIVERMORE, IL PUBBLICO IN SALA SI DIVIDE. FORSE ANCHE PERCHÉ MOLTE RIPRESE E PARTICOLARI DI SCENA (COME IL BRINDISI CON UN ROSSO SANGUE NEL BICCHIERE DI MACBETH) SONO PIÙ APPREZZABILI IN TV” – “LA SCENA CONQUISTA EMILIO ISGRÒ E MAURIZIO CATTELAN, LO SPETTACOLO PIACE A DIODATO E CREMONINI, MA SE CI ADDENTRIAMO IN UN UNIVERSO CULTURALE PIÙ INCLINE AL VAGLIO CRITICO TRAPELA QUALCHE PERPLESSITÀ…”

“PUTIN NON INVADERÀ L’UCRAINA” – IAN BREMMER: “I COSTI SAREBBERO TROPPO ALTI. SIGNIFICHEREBBE RINUNCIARE AL GASDOTTO NORD STREAM 2 E SAREBBE UN’OPERAZIONE MOLTO IMPOPOLARE IN RUSSIA” – “MOSCA È INFURIATA PERCHÉ L’UCRAINA STA RICEVENDO PIÙ SOSTEGNO DALLA NATO, MA PUTIN È IN UNA POSIZIONE DIPLOMATICA DI FORZA. LA CRISI ENERGETICA PEGGIORA OGNI GIORNO E L’EUROPA È A CORTO DI RIFORNIMENTI. FORSE NON INVIERÀ UOMINI E CARRI ARMATI OLTRE IL CONFINE, MA PRENDERÀ ALTRE MISURE…”

CHE PASTICCIACCIO (PER LETTA) LA CANDIDATURA DI CONTE – IL NO DI PEPPINIELLO APPULO È UNO SMACCO SOPRATTUTTO PER IL SEGRETARIO DEL PD, CHE AVREBBE RINUNCIATO A UN COLLEGIO BLINDATO PER “REGALARE” UN SEGGIO A “GIUSEPPI”, SALVO POI RICEVERE IL GRAN RIFIUTO – TRA I GRILLINI SI CERCA DI INTERPRETARE LE PAROLE DI CONTE SULL’INGRESSO “DALLA PORTA PRINCIPALE”: VORRÀ ANDARE A VOTARE NEL 2022 O ERA LA SOLITA SUPERCAZZOLA? – FURLAN, D’ELIA, GASBARRA: I NOMI DEL PD PER IL SEGGIO LASCIATO LIBERO DA GUALTIERI

“LA TV? È CAMBIATO TUTTO, MA NON L’OFFERTA. SIAMO SEMPRE LÌ A GUARDARE FILM, SERIE, DOCUMENTARI” -  FRANCESCO SILIATO, STUDIOSO DI ASCOLTI TV, PREVEDE LUNGA VITA PER LA TELEVISIONE: “LE GENERALISTE VEDONO ERODERE I PROPRI BACINI, MA ALLA FINE RIMANGONO DOMINANTI. I PROGRAMMI PIÙ SEGUITI SONO I TELEGIORNALI. I TALK SHOW NON HANNO PIÙ TANTO APPEAL. LO SHARE? CERTI PROGRAMMI TIRANO OLTRE OGNI LIMITE DI UMANA SOPPORTAZIONE PER INCREMENTARLO, MA SI TRATTA DI MEZZUCCI BUONI PER LE CLASSIFICHE SULLA STAMPA, NON CERTO PER IL MERCATO…”

GRANDI TROMBATE - "LA PRIMA VOLTA CHE HO FATTO L'AMORE AVEVO 14 ANNI, DA DIMENTICARE. LA SECONDA VOLTA È STATA CON UN RAGAZZO ITALO-CINESE, SI CHIAMA SERGIO E LANCIO UN APPELLO: “ANDIAMO A CENA UNA SERA…” – SERENA GRANDI SI RACCONTA DALLA BORTONE: "MI SAREBBE PIACIUTO UN UOMO COME VERDONE" – I TRADIMENTI DI BEPPE ERCOLE: “DICONO CHE AVERE UN MARITO PUTTANIERE È MEGLIO, MA NON SO SE SIA COSÌ. POI HO VOLUTO PROVARE AD AVERE RELAZIONI ANCHE CON LE DONNE, ERO TALMENTE STANCA DEGLI UOMINI...”

“BASTAVA UN EMOCROMO PER SALVARE MIO FIGLIO” – IL PADRE DI MICHELE MERLO, L’EX CANTANTE DI “AMICI” CHE HA PERSO LA VITA PER UNA LEUCEMIA FULMINANTE, ACCUSA I MEDICI: “GLI VENNE PRESCRITTO UN ANTIBIOTICO, IL GIORNO DOPO IL CROLLO. CI FU UN SANITARIO DEL 118 CHE DIEDE A MICHELE DEL TOSSICODIPENDENTE. MI ASPETTAVO CHE LA PROCURA DI BOLOGNA ANDASSE AVANTI. OGGI MI SI DICE CHE UNA VOLTA ARRIVATO ALL’OSPEDALE TUTTO ERA GIÀ COMPROMESSO. BENE, ALLORA PERCHÉ UN DIRIGENTE CHIESE SCUSA A NOME SUO E DI TUTTA LA CATEGORIA? DI COSA SI SCUSÒ?

CAFONALISSIMO – SARÀ PERCHÉ LA SERATA ERA SPONSORIZZATA DA ARMANI, SARÀ PERCHÉ (FORSE) ERA L’ULTIMA "PRIMA" DI MATTARELLA, FATTO STA CHE IERI ALLA SCALA NON SI SONO VISTE SMANDRAPPATE NÉ SIGNORE IN CERCA DI VISIBILITÀ CONCIATE COME ABAT-JOUR: LA PAROLA D'ORDINE ERA SOBRIETÀ - GLI UOMINI ERANO TUTTI IN SMOKING, LE DONNE AL MASSIMO HANNO OSATO UN VERDE SPERANZA. LA PELLICCIA DI MANUEL AGNELLI, CRISTINA MARINO SCOLLATISSIMA, BARBARA PALVIN  E GRETA FERRO CASTIGATE, CREMONINI CON LA MAMMA E LAURA MATTARELLA: I MIGLIORI E I PEGGIORI

RESTA CON NOI, SERGIONE – LA STANDING OVATION, LE URLA “BIS” DAL LOGGIONE E IL "DISPIACERE" DELL'ULTIMA PRIMA DIETRO LE QUINTE: ALLA SCALA TUTTI HANNO CHIESTO A MATTARELLA DI RIMANERE AL QUIRINALE - CHAILLY: “LE HANNO CHIESTO IL BIS COME AI GRANDI CANTANTI, ED È RARISSIMO ALLA SCALA” – LILIANA SEGRE: “L’ANNO PROSSIMO VORREI UN PRESIDENTE COME MATTARELLA” – LUI RIMANE IMPASSIBILE E CONTINUA A DIRE A TUTTI CHE NON SUCCEDERÀ MAI, MA SE TUTTI I PARTITI ANDASSERO DA LUI FRIGNANDO E IMPLORANDOLO, COME POTRÀ DIRE DI NO?

PILLOLE DI GOSSIP – STASERA PER LA PRIMA ALLA SCALA CI SARANNO IL PRESIDENTE MATTARELLA, GIORGIO ARMANI, MAURIZIO CATTELAN, EMMA MARRONE, MARRACASH QUESTA VOLTA SENZA ELODIE, MA CON ORNELLA VANONI – “IDIOTA”; “IENA”, AL GF VIP RISSA SFIORATA TRA LULÙ E MARIA MONSÉ – LA NOTTE TRA SOLEIL SORGE E ALEX BELLI. LEI LO HA INVITATO SOTTO LE COPERTE E POI… LA DI LUI MOGLIE DELIA DURAN NON CI STA E DICE – LA LIMONATA TRA CODEGONI E ANTINOLFI - ALESSIA MARCUZZI E MATILDA DE ANGELIS A SANREMO CON AMADEUS

BRODO DI DADO - CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER IL COMICO CON L'ACCUSA DI DIFFAMAZIONE PER AVER RACCONTATO DI ESSERE STATO AGGREDITO DALL'EX FIDANZATO DELLA FIGLIA, ALL'EPOCA MINORENNE - IL RAGAZZO, SECONDO IL COMICO, SI ERA RESO PROTAGONISTA IN PIÙ OCCASIONI DI STALKING, INSULTI E MINACCE, FINO A RENDERE NECESSARIO IL SUO INTERVENTO IN DIFESA DELLA RAGAZZA. PROPRIO DURANTE UN CONFRONTO SOTTO CASA, DADO SAREBBE STATO AGGREDITO, MA SECONDO LE INDAGINI QUEL PESTAGGIO NON SAREBBE IN REALTÀ MAI AVVENUTO…

IL DIVANO DEI GIUSTI - STASERA TORNA SU RAIUNO IL MONDO DI CAMILLERI CON “LA CONCESSIONE DEL TELEFONO” DI ROAN JOHNSON E VEDIAMO SE QUALCHE FUNZIONARIO RAI OSERÀ TAGLIARE DI DIECI MINUTI IL FINALE DEL GIALLO - SUL NOVE C’È LO STREPITOSO “TRUE LIES” DI JAMES CAMERON, CON JAMIE LEE CURTIS CHE SI LANCIA IN UNO DEGLI STRIPTEASE PIU BELLI MAI VISTI AL CINEMA - SU CIELO TORNA SERENA GRANDI COME SERVETTA CHE INIZIA AL SESSO IL GIOVANE PADRONE FABRICE JOSSO IN “L’INIZIAZIONE” DI GIANFRANCO MINGOZZI - VIDEO