politica

EUROPA DEGLI ILLUSIONISTI: I PAESI PUZZONI LI RENDIAMO "CANDIDATI" MA POI NON LI FACCIAMO ENTRARE – IL CONSIGLIO EUROPEO DÀ L’OK ALLO STATUS DI PAESE CANDIDATO A UCRAINA E MOLDAVIA MA ALBANIA E MACEDONIA DEL NORD S’INCAZZANO: “NOI SIAMO IN ATTESA DA ANNI” – I DUE PAESI SONO BLOCCATI DAL VETO DELLA BULGARIA PER CONTROVERSIE LINGUISTICHE, STORICHE E CULTURALI – ALCUNI PAESI MEMBRI AVEVANO CHIESTO UN’APERTURA ANCHE PER LA BOSNIA-ERZEGOVINA, CHE ANCORA NON HA OTTENUTO LO STATUS DI CANDIDATO NONOSTANTE LA RICHIESTA PRESENTATA NEL 2016…

COME E’ LITIGARELLO ‘STO CENTRO-TAVOLA – CI SONO PIU’ ASPIRANTI LEADER CHE ELETTORI. SENZA CONTARE LE PROFONDE INCOMPATIBILITÀ (POLITICHE MA SOPRATTUTTO CARATTERIALI), A COMINCIARE DA QUELLA TRA RENZI E CALENDA, D'ACCORDO FORSE SOLO SU DI MAIO: INVISO A ENTRAMBI - SALA TENTENNA E DICE DI “GUARDARE CON ATTENZIONE” A LUIGINO (MA POI GLI ALTRI SI OFFENDONO), BRUGNARO PERDE QUASI TUTTI I PEZZI - CHE FARA' MARA CARFAGNA? - CLEMENTE MASTELLA: “IL CENTRO SE UNITO VALE QUASI IL 20% MA PURTROPPO GLI EGOISMI DI ALCUNI FRENANO UN PROGETTO AMBIZIOSO”

L’EUROPA DEVE TIRARE FUORI I SOLDI: SERVE UN RECOVERY DI GUERRA! – E’ L’IDEA DI MACRON CHE LO HA SIBILLINAMENTE EVOCATO PARLANDO DI “NUOVI STRUMENTI” – IL TOYBOY DELL’ELISEO SPINGE PER CREARE UNA “COMUNITÀ POLITICA EUROPEA” PER ALLARGARE I CONFINI DELL'UNIONE A CHI ANCORA NON PUÒ ADERIRE COME L'UCRAINA. MA QUESTO PROGETTO DEVE APRIRE LA STRADA A SOLUZIONI INNOVATIVE ANCHE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO E FINANZIARIO - A BRUXELLES DANNO PER SCONTATO CHE DA QUI ALL'AUTUNNO LA RUSSIA INTERROMPA DEL TUTTO IL FLUSSO DI GAS VERSO L'UE: UNA EVENTUALITÀ CHE NON POTREBBE ESSERE GESTITA CON GLI STRUMENTI ORDINARI…

DALLE STELLE ALLE STALLE: PER SEI ITALIANI SU DIECI IL M5S SPARIRÀ - I PENTASTELLATI SCENDONO ALL'11%, FRATELLI D'ITALIA E’ IL PRIMO PARTITO CON OLTRE IL 22%, LO SEGUE A RUOTA IL PD AL 21,8 – ALLARME ROSSO PER SALVINI: LA LEGA SCENDE SOTTO IL 15% - IL PARTITINO DI DI MAIO PER ORA E’ ALL'1% E IL 41.3% DEGLI ITALIANI HA INTERPRETATO LA SUA SCISSIONE COME UN TENTATIVO DI RESTARE IN POLITICA OLTRE IL SECONDO MANDATO – TRA CHI E’ RIMASTO NEL M5S, IL 35.7% VUOLE UN MOVIMENTO PIÙ MODERATO MENTRE IL 44.3% DESIDEREREBBE UN VOLTO PIÙ ESTREMO…

“DAVVERO BRUNO TABACCI INTENDE MACCHIARE UNA COSÌ ILLUSTRE CARRIERA METTENDOSI CON DI MAIO?” – MATTIA FELTRI: “TABACCI HA LAVORATO IN UNA MEZZA DOZZINA DI MINISTERI CON GENTE COME MARCORA E SACCOMANDI, HA AVUTO INCARICHI IN ENI, IN SNAM, IN EFIBANCA, È STATO CONSIGLIERE LOMBARDO E ASSESSORE MILANESE, È STATO NELLA DEMOCRAZIA CRISTIANA, È STATO NEL PARTITO POPOLARE DI MARTINAZZOLI, NELL'UDR DI COSSIGA, NEL CCD DI CASINI, NELL'UDC DI BUTTIGLIONE, È STATO NEL BIANCOFIORE E ORA…”

“SOLAMENTE LA NOSTRA VITTORIA MILITARE CONVINCERÀ LA RUSSIA AD AVVIARE SERI NEGOZIATI DI PACE, LE ARMI GARANTIRANNO LA VIA DIPLOMATICA” – IL MINISTRO DEGLI ESTERI UCRAINO, KULEBA: “SPERO CHE LA POPOLAZIONE ITALIANA CAPISCA CHE PUTIN VUOLE LA CRISI ENERGETICA, ECONOMICA E ALIMENTARE IN TUTTA EUROPA. LA RUSSIA INVIDIA IL BENESSERE EUROPEO. NEL SUO MODELLO LA GENTE DEVE VIVERE IN MODO DISUMANO, PRONTA AD OBBEDIRE CIECAMENTE AI CAPI - QUALE POLITICO ITALIANO SAREBBE PRONTO A RINUNCIARE A UNA PARTE DEL SUO TERRITORIO NAZIONALE IN CAMBIO DELLA PACE? CHI IN GIACCA E CRAVATTA TRANQUILLO NEL SUO UFFICIO CI CONSIGLIA DI FARE CONCESSIONI DEVE PRIMA METTERSI NEI NOSTRI PANNI. COSA FARESTE VOI?"

LA GERMANIA E’ ALLA CANNA DEL GAS: E’ A UN PASSO DAI RAZIONAMENTI - IL GOVERNO ALZA LA SOGLIA DI ALLARME E IL MINISTRO DELL'ECONOMIA EVOCA SCENARI DA URLO: “D'ORA IN POI IL GAS SARÀ UN BENE SCARSO. I PREZZI SONO GIÀ ALTI E DOBBIAMO ESSERE PRONTI AD ULTERIORI AUMENTI” - LA RIDUZIONE DEL 60% DEL GAS RUSSO CHE ARRIVAVA DAL GASDOTTO NORD STREAM 1 HA FATTO MANCARE CIRCA 100 MILIONI DI METRI CUBI DI GAS AL GIORNO: “SE GLI SBALZI DI PREZZO SONO COSÌ GRANDI DA FAR CROLLARE LE AZIENDE, C'È IL RISCHIO DI UN EFFETTO LEHMAN NELL'INTERO SISTEMA…”

DRAGHI SE LA COMANDA – DOPO L’INCONTRO RISERVATO CON MACRON, MARIOPIO AL CONSIGLIO EUROPEO CHIEDE UN VERTICE SULLA PROPOSTA ITALIANA DI UN PREZZO AL TETTO DEL GAS – IL TOYBOY DELL’ELISEO LO APPOGGIA E SCHOLZ BATTE I TACCHI E S’ADEGUA - A RAFFORZARE LA PROPOSTA DI DRAGHI, CHE CHIEDE UNA PROPOSTA UFFICIALE DELLA COMMISSIONE, CONTRIBUISCONO LE NOTIZIE DI CRONACA CHE ARRIVANO DAI PAESI DELL'UE, LE DIFFICOLTÀ CRESCENTI DEI SINGOLI MERCATI DELL'ENERGIA, I TAGLI COSTANTI DI GAZPROM ALLE FORNITURE DIRETTE VERSO L'UNIONE

VOLETE SAPERE COME HA RISPOSTO GRILLO A CHI LO HA CHIAMATO PER DOMANDARGLI DELLA SCISSIONE DEL M5S? - QUANDO UN CRONISTA DELL'ADNKRONOS L'HA CONTATTATO PER DOMANDARGLI DELLA SCISSIONE DEI CINQUESTELLE, LUI HA RISPOSTO COME FAREBBE CON GLI SCOCCIATORI DEI CALL CENTER: "ATTENDA UN ATTIMO. PAAAARVIIIN, SIAMO ABBONATI? MI DISPIACE, NON SIAMO ABBONATI. NON POSSO RISPONDERLE" - SEBASTIANO MESSINA: "GRILLO È L'OMBRA DI QUELLO CHE FU PADRONE DEI CINQUESTELLE. L'ALTRA DOMENICA, A GENOVA, NON È NEANCHE ANDATO A VOTARE PER IL M5S"

“CAPITOL HILL È STATA UNA MANIPOLAZIONE” – RUDY GIULIANI PIÙ TRUMPIANO DI TRUMP: “È LUI IL VERO LEADER DEI REPUBBLICANI, IL PARTITO HA TANTI PROBLEMI, CI SONO INDIVIDUI CHE PRINCIPALMENTE COLLABORANO CON I DEMOCRATICI, COSÌ COME DA POLITICI CORROTTI” – “IL FURTO ELETTORALE? NE SIAMO CONVINTI. CI SONO  STATE PERSONE ISTRUITE A MANIPOLARE IL VOTO E ALTRE A CUI È STATO IMPEDITO DI VOTARE” – “IL LEGAME TRA TRUMP E I PROUD BOYS È INESISTENTE RISPETTO AL LEGAME DIRETTO TRA IL PARTITO DEMOCRATICO E ANTIFA O BLM. È LA STESSA STORIA DEL RUSSIAGATE…”

IL POPULISMO È MORTO, MA NON C’È NIENTE DA GIOIRE – GIOVANNI ORSINA: “LA FINE DELL’ONDATA POPULISTA NON CI RIPORTA AFFATTO VERSO UN SISTEMA POLITICO SOLIDO. AL CONTRARIO, RISCHIA DI FARCI CADERE DRITTI DENTRO UNA SPECIE DI MARMELLATA INGOVERNABILE CHE SARÀ INGURGITATA, CON VISIBILE RIPUGNANZA, DALLA METÀ DEL PAESE O POCO PIÙ” – “LE FORZE POLITICHE TRADIZIONALI NON RIESCONO A PARLARE AGLI SCONTENTI. AGLI ELETTORI FRUSTRATI NON RESTA CHE SALTARE DA UN POPULISTA ALL'ALTRO, NELLA VANA SPERANZA DI TROVARE INFINE UNA RISPOSTA. OPPURE…”

“HO PRESO LE DISTANZE DA UN PROGETTO CHE SI STA RADICALIZZANDO SEMPRE DI PIÙ” – ORA CHE È USCITO DAL MOVIMENTO 5 STELLE, DI MAIO FINALMENTE PUÒ RIFILARE A CONTE GLI SCHIAFFONI CHE HA TRATTENUTO IN QUESTI MESI: “PUR DI INSEGUIRE QUALCHE SONDAGGIO, HA PROVATO A METTERE IN DISCUSSIONE LA SICUREZZA DEL GOVERNO” – “INSIEME PER IL FUTURO NON SARÀ UN PARTITO PERSONALE NÉ UNA PROPOSTA POPULISTA E QUALUNQUISTA. ALL’ODIO RISPONDIAMO CON IL SORRISO” (È UFFICIALE: SI È TRASFORMATO DEFINITIVAMENTE IN RENZI)

E ADESSO SO’ CAZZI DI CONTE – DI BATTISTA SCALPITA: “PRONTO A TORNARE NEL M5S SE ESCE DAL GOVERNO PRIMA DELL’ESTATE” – "GLI ATTIVISTI SONO INCAZZATI CON DI MAIO. MA QUALE UCRAINA, LA SUA È UNA SCELTA DI PALAZZO. LO GUIDA LO SPIRITO DI CONVENIENZA, PER LUI CONTA PIÙ LA CARRIERA DELLE IDEE. LUI CON RENZI? FRA TRASFORMISTI CI S’INTENDE" – LA STOCCATA A GRILLO PER IL PLACET AL GOVERNO DRAGHI: “UN SUICIDIO. PER QUATTRO POLTRONE DA MINISTRO CI SIAMO RIDOTTI A FARE I PORTATORI D’ACQUA ALTRUI”

SE SOLO GLI STUPIDI NON CAMBIANO MAI IDEA, ALLORA ABBIAMO UN PARLAMENTO DI GENI - BOOM DI "VOLTAGABBANA", SONO 400 IN UNA LEGISLATURA: MARILOTTI HA FATTO CINQUE PASSAGGI DI PARTITO IN QUATTRO ANNI, E IL SENATORE FENU VA CON DI MAIO MA DOPO UNA NOTTE TORNA INDIETRO - DAL M5S OLTRE A LUIGINO SE NE SONO ANDATI IN PARECCHI: PARAGONE, CHE HA CREATO ITALEXIT, FIORAMONTI, MINISTRO DELL'ISTRUZIONE NEL CONTE2, POI ANDATO A COFONDARE LA COMPONENTE ECOLOGISTA "FACCIAMO ECO" NEL MISTO ALLA CAMERA, E...

“C'È IL RISCHIO DI UNA STANCHEZZA SULL'UCRAINA, CHE LA GENTE NON RIESCA A VEDERE CHE QUESTA È UNA BATTAGLIA VITALE PER I NOSTRI VALORI” – BORIS JOHNSON INVOCA LA FERMEZZA CONTRO PUTIN: “GLI UCRAINI NON VOGLIONO ESSERE FORZATI A UN NEGOZIATO, NON ACCONSENTIRANNO A UN CONFLITTO CONGELATO NEL QUALE PUTIN È IN GRADO DI CONTINUARE A MINACCIARE ULTERIORE VIOLENZA E AGGRESSIONE. IL TERRITORIO UCRAINO DEVE ESSERE RESTAURATO, ALMENO NEI CONFINI PRIMA DEL 24 FEBBRAIO - UNA CATTIVA PACE SAREBBE UN DISASTRO…”

COME DAGO-RIVELATO, “INSIEME PER IL FUTURO” È UN NOME PROVVISORIO (HANNO PRESO LA PRIMA COSA CHE HANNO TROVATO SU GOOGLE) – LO CONFERMA VINCENZO SPADAFORA A “UN GIORNO DA PECORA”: “ABBIAMO CERCATO UN NOME CHE TUTTI AVREBBERO DIMENTICATO IN UN MESE. C’ERA ANCHE DI PEGGIO, UNO COL TERMINE ORIZZONTI E UN ALTRO CON LA PAROLA ALBA” – I CAPIGRUPPO SARANNO PRIMO DI NICOLA AL SENATO E IOLANDA DI STASIO ALLA CAMERA. INTANTO ARRIVANO NUOVE ADESIONI, ANCHE DALL’EUROPARLAMENTO…

IN NOME DEGLI AFFARI CI SIAMO GIÀ DIMENTICATI DEL POVERO KHASHOGGI - IL PRINCIPE EREDITARIO SAUDITA MOHAMMED BIN SALMAN, CONSIDERATO DA TUTTI IL MANDANTE DELL'ASSASSINIO DEL GIORNALISTA NEL CONSOLATO DI RIAD A ISTANBUL NEL 2018, ORMAI È STATO RIABILITATO DA (QUASI) TUTTI: INCONTRA AL SISI, ERDOGAN E PRESTO VEDRÀ BIDEN, CHE FACEVA TANTO L'INDIGNATO CON RIAD DOPO L'OMICIDIO - OGGI, PERÒ, LA GUERRA IN UCRAINA, I CRESCENTI COSTI DEI CARBURANTI E L'INFLAZIONE INTERNA RENDONO IL PETROLIO SAUDITA STRATEGICO. E PAZIENZA SE IL CORPO DI KHASHOGGI NON È MAI STATO RITROVATO E I SUOI AGUZZINI SONO IMPUNITI...

ANOTHER “BRICS” IN THE WALL – XI JINPING CONTINUA A PARLARE DAL SUMMIT CHE RIUNISCE BRASILE, RUSSIA, INDIA, CINA E SUDAFRICA, E COME AL SOLITO MANDA “PIZZINI” AGLI STATI UNITI: “BASTA MENTALITÀ DA GUERRA FREDDA, CI OPPONIAMO ALLE SANZIONI UNILATERALI. DOBBIAMO SUPERARE I PICCOLI CIRCOLI EGEMONICI E TORNARE ALL’AUTENTICO MULTILATERALISMO CON L’ONU AL CENTRO” – POI PROPONE DI RAFFORZARE LA COOPERAZIONE SU ECONOMIA E SICUREZZA (TRADOTTO: VUOLE ESTENDERE IL DOMINIO CINESE SUGLI ALTRI 4 PAESI)

LE METAMORFOSI DI LUIGINO – IACOBONI RIASSUME LA TRASFORMAZIONE DI DI MAIO DA POPULISTA CON IL GILET GIALLO A SUPER ATLANTISTA DRAGHIANO: “L’INCONTRO CHE LO CAMBIA È QUELLO CON AUGUSTO RUBEI, IL SUO PORTAVOCE. INIZIA UN LUNGO PERCORSO CHE VEDE DI MAIO DIVENTARE UN INTERLOCUTORE SEMPRE PIÙ ABILE DELL’AMMINISTRAZIONE PROFONDA ITALIANA, E ANCHE AMERICANA” - "CAPISCE L’IMPORTANZA DI DIALOGARE CON PERSONAGGI COME MARIO DRAGHI DA BEN PRIMA CHE DRAGHI ARRIVI A PALAZZO CHIGI. QUESTO CANCELLA IL PASSATO? OVVIAMENTE NO. MA SAREBBE ERRONEO ASCRIVERE QUEL PASSATO A DI MAIO, E SCONTARLO A CONTE…”

“GRILLO, PERCHE’ CI HAI ABBANDONATI?” – LA RABBIA TRA I PENTASTELLATI PER LA SCELTA DI BEPPE MAO DI NON METTERCI LA FACCIA DOPO LA SCISSIONE DI LUIGI DI MAIO – COME DAGO-ANTICIPATO IL VAFFA DI LUIGINO AL CONTE CASALINO E’ STATO ACCELERATO DALL'ANNUNCIO DI GRILLO DI SCENDERE A ROMA PER UN FACCIA A FACCIA CON I BIG DEL M5S SUL TERZO MANDATO - IL VIAGGIO NELLA CAPITALE E' SALTATO. PROBABILE CHE ORA "L’ELEVATO" ASPETTI DI VEDERE COME SE LA CAVERÀ CONTE PRIMA DI OFFRIRGLI LA SUA COPERTURA – LA BORDATA DI LADY ROUSSEAU A GRILLO - DAGOREPORT

“PER ANNI ABBIAMO AVUTO IL NIENTE, E NIENTE, TUTTAVIA, SEMBRA PRONTO A SOSTITUIRLO” – FILIPPO FACCI: “AGONIZZA IL GRILLISMO POLITICO, MA QUELLO CULTURALE È UN SEGNO DEI TEMPI, E NON RIGUARDA SOLO I CINQUE STELLE. PRESTO SPARIRANNO ASSIEME A QUELL’ARIA SEVERA E OTTUSA, SVAPORERANNO QUELLE MACCHINETTE AUTOMATICHE CHE MESCOLAVANO A RANDOM FRASI FATTE. RIMARRÀ L’ASTICELLA ABBASSATA PER TUTTI” – PANARARI: “LA SOLA COSA CERTA È CHE LA PATTUGLIA DIMAIANA OFFRE UN ELEMENTO DI STABILIZZAZIONE PER DRAGHI, MENTRE I CONTIANI…”

STURM UND TRUMP! – PROSEGUONO LE AUDIZIONI IN DIRETTA TV SULL’ASSALTO AL CONGRESSO, E L’EX PRESIDENTE SI INFURIA CONTRO I PARLAMENTARI REPUBBLICANI: NEL COMITATO SPECIALE ISTITUITO PER INDAGARE SUI FATTI DEL 6 GENNAIO 2021 NON CI SONO SUOI FEDELISSIMI. E TE CREDO, HANNO PARTECIPATO ATTIVAMENTE AL TENTATIVO DI ROVESCIARE IL RISULTATO ELETTORALE – L’FBI INTANTO HA CITATO IN GIUDIZIO IL PRESIDENTE DEL PARTITO REPUBBLICANO DELLA GEORGIA, DAVID SHAFER, CHE HA AVUTO UN RUOLO CENTRALE IN QUEI GIORNI…

LA SCISSIONE TRA POLITICA E PAESE REALE – IL CURIOSO CASO DI POMIGLIANO D’ARCO, CITTÀ NATALE DI LUIGINO DI MAIO: TUTTO IL GRUPPO CONSILIARE DEL M5S PASSA A “INSIEME PER IL FUTURO”, MA ATTIVISTI E CITTADINI LO SCONFESSANO – NELLA PAGINA FACEBOOK “POMIGLIANO INDIGNATA” GLI SFOGHI SI SPRECANO: “È L’ENNESIMA FURBATA”, “TI ABBIAMO VOTATO E DIFESO FINO ALL'INVEROSIMILE. HAI FATTO TUTTO ED IL CONTRARIO DI TUTTO PUR DI CONSERVARE LA POLTRONA. VERGOGNATI” – ANCHE DON PEPPINO GAMBARDELLA, CONFESSORE DEL MINISTRO, PRENDE LE DISTANZA: “CI HANNO RUBATO UN SOGNO, CHE DELUSIONE…”

ORA CHE LA RISOLUZIONE DI CONTE SI È DIMOSTRATA QUELLO CHE ERA, FUFFA, DRAGHI PUÒ PENSARE ALLE COSE IMPORTANTI – “MARIOPIO” È ATTERRATO A BRUXELLES PER IL CONSIGLIO EUROPEO: CON L’EGO DI MACRON SGONFIATO E SCHOLZ IMPANTANATO, IL PREMIER ITALIANO TORNA A ESSERE IL POTENZIALE PERNO DELL’UE. IL TEMA DELL’ENERGIA UFFICIALMENTE NON È ALL’ORDINE DEL GIORNO, MA IL GRANDE GESUITA PUNTA A STRAPPARE UN SÌ PIENO AL TETTO DEL GAS. E POI C’È LA QUESTIONE INFLAZIONE, CON I FALCHI PRONTI A STREPITARE…

SIAMO ALL'ASCIUTTO E LA PAPERA NON GALLEGGIA - LA SICCITÀ IN ITALIA PREOCCUPA SEMPRE DI PIÙ, SI MOLTIPLICANO DIVIETI E LIMITAZIONI ALL'USO DELL'ACQUA: IN UN VERTICE TRA PROTEZIONE CIVILE E REGIONI SI È DISCUSSO DEI PARAMETRI PER DICHIARARE LO STATO DI EMERGENZA - IL GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: "MAI VISTA UNA CRISI TANTO GRAVE" - ZINGARETTI HA FIRMATO LA RICHIESTA DELLO STATO DI CALAMITÀ NATURALE. MA A ROMA, DICE IL SINDACO ROBERTO GUALTIERI, "NON C'È EMERGENZA IDRICA"...

AVVISATE PUTIN CHE LA FINLANDIA HA LUCIDATO LE MUNIZIONI - HELSINKI HA VECCHI CONTI IN SOSPESO CON L'EX UNIONE SOVIETICA E SI STA PREPARANDO PER UN ASSALTO RUSSO DA DECENNI: "SE AGGREDITI COMBATTEREMO, SAREMMO UN OSSO DURO DA ROMPERE" - CON UNA POPOLAZIONE DI 5,5 MILIONI DI ABITANTI, IL PAESE HA UNA FORZA CHE IN TEMPO DI GUERRA PUÒ CONTARE SU CIRCA 280 MILA SOLDATI, MA CHE PUÒ CRESCERE FINO A 870 MILA CON I RISERVISTI - INTANTO BERLINO RINFORZA KIEV: INVIATI MISSILI E CARRI ARMATI...

STELLE ESPLOSE – LA SCISSIONE DI LUIGI DI MAIO HA CAUSATO UN TERREMOTO NEL MOVIMENTO. IN 61 SONO GIÀ PASSATI A “INSIEME PER IL FUTURO”, E ALTRI ARRIVERANNO, COMPRESA L’EX MINISTRA AZZOLINA E L’EX SOTTOSEGRETARIO FRACCARO. CHIARA APPENDINO SI SMARCA: “NON CONDIVIDO QUESTA SCELTA”, DAVIDE CASALEGGIO INVECE SI GODE LO SPETTACOLO: “LA GESTIONE CONTE? DISASTROSA” – LO SFOGO DI BUFFAGNI: “HA RAGIONE GRILLO, CI BIODEGRADIAMO A TEMPO RECORD. RESTARE NEL GOVERNO? VALUTIAMO…”

RIALZO DEI TASSI, AUMENTO DEI COSTI: CI SERVE L’EUROPA PER SUPERARE L’AUTUNNO CALDO – SOLO SE LA BCE EVITA ALTRE MATTANE E NON SI RIACCENDERÀ IL SOLITO SCONTRO TRA PAESI INDEBITATI E FRUGALI, SI POTRA’ SALVAGUARDARE LA TENUTA DELL'EURO E DELL'EUROPA – VERDERAMI: “TRA LE FORZE CHE SOSTENGONO IL GOVERNO C'È CHI VORREBBE ANTICIPARE LA DATA DELLE ELEZIONI DA MAGGIO A MARZO. NEL PALAZZO C'È INFATTI GIÀ CHI DICE CHE ‘DOPO LA FINANZIARIA VERRÀ APPLICATO A DRAGHI IL MODELLO MONTI’. FU QUANDO FORZA ITALIA BRUCIÒ I TEMPI DELLA LEGISLATURA E ANNUNCIÒ IN PARLAMENTO AL PROFESSORE: ‘CONSIDERIAMO FINITA L'ESPERIENZA DEL SUO GOVERNO’”

DA FINI E ALFANO FINO A BERSANI E RENZI, LA VITA AGRA DEGLI SCISSIONISTI – CECCARELLI: "L’USCITA DI DI MAIO DAL M5S HA FATTO GERMOGLIARE "INSIEME PER IL FUTURO". MA È PROPRIO QUANDO GIROVAGHI E FUORIUSCITI CEDONO ALLA RETORICA DEL FUTURO, CHE IL DESTINO SI ACCANISCE CONTRO DI LORO" – IL CASO DI "ITALIA FUTURA" BY MONTEZEMOLO E DI "FUTURO E LIBERTA’" CHE DECRETO’ LA FINE DI FINI - "QUANTO A RENZI E A CALENDA, ENNESIMI SCISMATICI, BOH: VAI A SAPERE COSA HANNO IN TESTA, MAGARI FUORI DALLA POLITICA…"

O SALVIAMO LE PENSIONI O I CONTI PUBBLICI - L'INFLAZIONE RISCHIA DI MANGIARSI ANCHE GLI ASSEGNI PREVIDENZIALI: CONTRO IL CARO VITA È TORNATO IN VIGORE UNO "SCUDO" PRONTO A SPENDERE 20 MILIARDI PER RIVALUTARLE, MA IL PROBLEMA È CHE PESERÀ ENORMEMENTE SULLE CASSE DELLO STATO - PER IL FUTURO SI STUDIANO TRE POSSIBILI RIFORME: IL PENSIONAMENTO CON 41 ANNI DI CONTRIBUTI A PRESCINDERE DALL'ETÀ, OPPURE QUELLO A 64 ANNI CON 35 DI CONTRIBUTI E UN ASSEGNO MATURATO PARI AD ALMENO 2,2 VOLTE QUELLO MINIMO O A 63 ANNI CON ALMENO 20 DI CONTRIBUTI E UN ASSEGNO…

LETTA A DUE PIAZZE - ORA CHE IL "CAMPO LARGO" E’ DIVENTATO UN CAMPO SANTO, ENRICHETTO PENSA A UN NUOVO ULIVO: “L'ULTIMA COSA DA FARE È ENTRARE NEL DERBY DI MAIO-CONTE” - COME DAGO-RIVELATO LA SUA SPINA NEL FIANCO È FRANCESCO BOCCIA CHE SPINGE PER RINSALDARE L’ALLEANZA CON CONTE (CHE A SUA VOLTA TEME DI FINIRE INFILZATO DALL’ALA RIBELLISTA RAGGI-DI BATTISTA) - CHI SUSSURRA ALLE ORECCHIE DI PEPPINIELLO (DA BETTINI A D'ALEMA) PENSA CHE L'AVVOCATO DEL POPOLO DEBBA METTERSI ALLA TESTA DI UNA FEDERAZIONE SUL MODELLO DI QUELLA DI MÉLENCHON – IL TIMORE NEL PD E’ CHE…

“IL PROGETTO DEL M5S NON È PIÙ DA DUE ANNI QUELLO INNOVATORE A CUI AVEVAMO DATO VITA” – LAURA CASTELLI, FEDELISSIMA DI DI MAIO, AZZANNA LA GESTIONE CONTE-CASALINO DOPO L'USCITA DAL M5S: “CI SONO PERSONE CON PROFILI IMPORTANTI CHE POTEVANO ESSERE VALORIZZATE MA IN QUESTI DUE ANNI HANNO MESSO DA PARTE TUTTI COLORO CHE HANNO COMPETENZE - OGGI SOLO UN FOLLE PUÒ PENSARE DI DESTABILIZZARE IL GOVERNO DRAGHI - GRILLO HA PROVATO A FERMARE LA SCISSIONE? NON LO SO, SICURAMENTE SE CI HA PROVATO NON CI È RIUSCITO EPPURE CONOSCE BENE LE COSE CHE NON HANNO FUNZIONATO…”