politica

“MACRON HA AFFIDATO LA FRANCIA A DEI LIQUIDATORI, A DEI PREDATORI” – IL SEGRETARIO DEL “RASSEMBLEMENT NATIONAL”, JORDAN BARDELLA, HA GIOCO FACILE NELL’ATTACCARE IL TOYBOY DELL’ELISEO, PER L’INCHIESTA SUI PRESUNTI FINANZIAMENTI ILLECITI DI MCKINSEY: “QUESTA VICENDA SI ISCRIVE IN UN FENOMENO UN PO’ PIÙ GLOBALE. SAPPIAMO CHE CI SONO LEGAMI TRA MACRON E QUESTE SOCIETÀ” – IL PRESIDENTE FRANCESE È COPERTO DA IMMUNITÀ FINO AL 2027 (SE CI ARRIVA ANCORA IN CARICA)

TIPI SINISTRI - VANNO IN PIAZZA PER I DIRITTI DEI LAVORATORI MA QUANDO SI TRATTA DEI LORO DIPENDENTI I "SINISTRI" NON SONO COSI' ATTENTI - LAURA BOLDRINI FINITA NEL MIRINO DI ASSISTENTE E COLF PER STIPENDI E STRAORDINARI, TERESA BELLANOVA HA IMPIEGATO PER TRE ANNI UN ADDETTO STAMPA SENZA ASSUMERLO COME DIPENDENTE - ROBERTO FICO PAGAVA IN NERO LA SUA COLF - “IL CAMPIONE DEL RIFORMISMO”, BEPPE SALA VUOLE UN SOCIAL MEDIA MANAGER AL COMUNE DI MILANO CON UNO STIPENDIO DA 9 EURO LORDI ALL'ORA - IL CASO DI BATTISTA: NEL 2018 L'AZIENDA DEL PADRE FINÌ NELLA BUFERA PER DEBITI E STIPENDI NON PAGATI AI LAVORATORI…

SE RESTA INCATENATO ALLA BREXIT, SUNAK AFFONDERA’ COME JOHNSON E TRUSS – LA SPIRALE CREATA DALL'USCITA DALL'UE HA SPINTO LA GRAN BRETAGNA VERSO LA RECESSIONE E ORA INTRAPPOLA CONSERVATORI E LABURISTI – “EL PAIS”: “IL GOVERNO DI SUNAK TEME L'IRA DEGLI EUROSCETTICI PER QUALSIASI RIAVVICINAMENTO A BRUXELLES, MENTRE L'OPPOSIZIONE USA LA BREXIT COME ARMA DI GUERRA SENZA PROPORRE ALTERNATIVE. EPPURE IL 56% DEI BRITANNICI AMMETTE CHE LASCIARE IL CLUB EUROPEO È STATO UN ERRORE

“AMERICANI E UCRAINI HANNO OBIETTIVI DIVERSI SULLA GUERRA” - LUCIO CARACCIOLO: “WASHINGTON VOLEVA INTERROMPERE L'INTERDIPENDENZA ENERGETICA RUSSO-TEDESCA E RUSSO-EUROPEA E INDEBOLIRE LA RUSSIA SEPARANDOLA DA PECHINO. L'OBIETTIVO UCRAINO È RIPRENDERE QUELLO CHE I RUSSI GLI HANNO SOTTRATTO. NON RIUSCENDO AD AVANZARE SUL TERRENO, MOSCA INFIERISCE SULLA SOCIETÀ UCRAINA, PER SPINGERLA A NEGOZIARE. SE DOVESSE CONTINUARE QUESTA STRATEGIA, QUALCHE PROBLEMA DI TENUTA DEL FRONTE UCRAINO EMERGERÀ. LA GUERRA NON SONO CENTIMETRI QUADRATI PERSI O PRESI, MA CHI DURA DI PIÙ”

NON SERVE UNA NUOVA CLASSE DIRIGENTE: SALVINI CHIUDE UNA DELLE SCUOLE DI FORMAZIONE POLITICA DELLA LEGA - RESTERA' APERTA QUELLA DEL SUO FEDELISSIMO ARMANDO SIRI (INDAGATO PER FINANZIAMENTO ILLECITO AI PARTITI E CHE HA PATTEGGIATO UNA CONDANNA PER BANCAROTTA FRAUDOLENTA) – LA SCUOLA È GESTITA DALLA SOCIETÀ “FORMAPOLIS” (PRESIEDUTA DALL’AMICO DI SIRI MARCO PERINI) CHE HA ACQUISITO L'ATTIVITÀ DELL’ASSOCIAZIONE “SPAZIO PIN”, FONDATA DA SIRI E FINANZIATA DA GRUPPI IMPRENDITORIALI CHE FANNO AFFARI IN RUSSIA…

LA COPERTA È CORTA! – IL GOVERNO NON HA ANCORA TROVATO TUTTE LE COPERTURE PER LA MANOVRA DA 35 MILIARDI. MA NON È L’UNICA PREOCCUPAZIONE DELLA MELONI: AD AFFOLLARE LA SUA TESTA CI SONO ANCHE I TIMORI SUI RITARDI NEL PNRR, SOTTOLINEATI ANCHE DA SERGIO MATTARELLA – E SE DA BRUXELLES DIFFICILMENTE POTRANNO BOCCIARE LA LEGGE DI BILANCIO, POTREBBERO METTERSI DI TRAVERSO SUI DOSSIER DEL RECOVERY ANCORA AL PALO, CHE DOVREBBERO GARANTIRE ALL’ITALIA LA PROSSIMA TRANCHE DA 20 MILIARDI

SALVINI, UN RE ZOPPO BLINDATISSIMO (INTANTO ZAIA AFFILA LE LAME) - SORGI: “A PREMERE SULLA PANCIA DELLA LEGA SONO I RISULTATI DEI SONDAGGI CHE CONTINUANO A TENDERE VERSO IL BASSO. MA SOSTITUIRE SALVINI AL VERTICE DEL CARROCCIO NON È AFFATTO UN'OPERAZIONE SEMPLICE. NELL'ATTUALE COMITATO FEDERALE, L'ORGANO DIRIGENTE DEL PARTITO, IL CAPITANO HA, PIÙ CHE LA MAGGIORANZA, UNA QUASI UNANIMITÀ. E QUESTA È LA RAGIONE PER CUI LE FIBRILLAZIONI CONTINUANO, MA TUTTE LE VOLTE CHE IL LEADER HA RIUNITO IL COMITATO È RIUSCITO SEMPRE A METTERLE A TACERE…”

ABOUBAKAR SOUMAHORO VA DA FORMIGLI CON IL CAPO COSPARSO DI CENERE E PROVA A DIFENDERSI, DOPO LO SCANDALO CHE HA COINVOLTO LE COOPERATIVE DELLA MOGLIE E DELLA SUOCERA: “NON SAPEVO NULLA, SE FOSSI STATO A CONOSCENZA DELL’INDAGINE NON MI SAREI CANDIDATO” – "LE FOTO DI MIA MOGLIE CON OGGETTI COSTOSI? NESSUN FORMA DI IMBARAZZO: C’È IL DIRITTO ALL’ELEGANZA E ALLA MODA" - POI, SEMPRE PARLANDO IN TERZA PERSONA E CON UN ITALIANO UN PO’ INCERTO, CHIEDE SCUSA (MA A CHI?) PER IL VIDEO IN CUI FRIGNAVA COME UN ATTORE CONSUMATO: “VORREI CHIEDERE QUI SCUSE A TUTTE LE PERSONE CHE CONOSCONO ABOUBAKAR PER QUELLE LACRIME” - E QUANDO IL CONDUTTORE GLI CHIEDE: "COME HA VISSUTO FINO A OGGI?", DÀ UNA RISPOSTA CHE DICE TUTTO DELLA SUA PARABOLA POLITICA (CREATA DA ZORO, DAMILANO E DAL SOLITO CIRCOLETTO DELLA SINISTRA): "HO SCRITTO UN LIBRO"

DAGOREPORT - RENZI È FINITO A MANGIARE LA POLVERE DELL'AUTIGRILL - A FAR CROLLARE IL SUO CASTELLO DI CARTE SULL'INCONTRO TRA LUI E MARCO MANCINI, È BASTATO CHE VENISSE ALLO SCOPERTO LA MISTERIOSA DONNA CHE HA GIRATO I VIDEO, POI MESSI IN ONDA DA “REPORT” A MAGGIO 2021 - CERTO, SIA A RENZI CHE ALLO SPIONE MANCINI FACEVA COMODO GRIDARE AL COMPLOTTO DEI SERVIZI SEGRETI (IL PRIMO) E DI ESSERE STATO CACCIATO DAL DIS (IL SECONDO). INVECE I DUE “PERSEGUITATI” SONO STATI SEMPLICEMENTE INCHIODATI DA UN’INSEGNANTE, BLOCCATA IN UN AUTOGRILL PER LE ESIGENZE DEL SUO GENITORE DI ANDARE IN BAGNO - TUTTE LE CAZZATE DETTE DAL BULLO DI RIGNANO SULLA BELLONI E IL SEGRETO DI STATO...

ANGELO BONELLI DÀ RAGIONE A DAGOSPIA! – NELL’INTERVISTA RILASCIATA A “METROPOLIS” OGGI POMERIGGIO, HA AMMESSO DI AVER SCELTO DI CANDIDARE ABOUBAKAR SOUMAHORO PERCHÉ TRASFORMATO IN EROE DA ZORO, DAMILANO E FAZIO: “È UNA PERSONA MOLTO NOTA, FREQUENTAVA GLI STUDI DI PROPAGANDA, L’ESPRESSO GLI HA FATTO LA COPERTINA. NON C’ERANO ELEMENTI PER CAPIRE…” – LA POLITICA A SINISTRA È COME UN TALENT SHOW, MA LA SELEZIONE LA FANNO I GIUDICI DEI TELECIRCOLETTI CHE NON CAPISCONO UNA MAZZA…

DAL PISELLONE AL PIRELLONE – LA PORNOSTAR PRISCILLA SALERNO VUOLE RIPROVARCI CON LA POLITICA: SI CANDIDERÀ ALLA PRESIDENZA DELLA LOMBARDIA – L’ATTRICE POLITICAMENTE NON È VERGINE: NEL 2021 AVEVA GIÀ PROVATO A CANDIDARSI CON IL CENTRODESTRA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DI SALERNO, MA ERA STATA "TROMBATA" – IL SUO MANIFESTO: “SIAMO STANCHI DI QUESTA POLITICA STANTIA, DI QUESTA POLITICA SOLO DI PAROLE E FATTI LORO, NON FATTI NOSTRI. LA SIGNORA MORATTI? È ORA CHE SI RIPOSI..."

VOULEZ-VOUS VOUCHER AVEC MOI – NUOVO GOVERNO, VECCHIE RICETTE: GIORGIA MELONI RICICCIA I VOUCHER DA 10 EURO L’ORA (7,50 NETTI) PER PAGARE I DIPENDENTI CHE GUADAGNANO FINO A 10MILA EURO L’ANNO – LA MISURA, ACCUSATA DI FAVORIRE LO SFRUTTAMENTO DEI LAVORATORI, ERA STATA LIMITATA DAL GOVERNO GENTILONI, MA ORA LA DUCETTA PROVA A REINTRODURLI PER "REGOLARIZZARE IL LAVORO STAGIONALE" - I SINDACATI SI FIONDANO CONTRO IL GOVERNO: “SI ATTACCANO I DIRITTI DEI LAVORATORI PIÙ FRAGILI"

“E' GRAVE PER L'ITALIA NON ESSERE AL MONDIALE. VENTURA VENNE MASSACRATO. NON VOGLIO INFIERIRE SU MANCINI, MA MI PARE INGIUSTO UN TRATTAMENTO COSÌ DIVERSO...” – DIEGO ABATANTUONO NEL PALLONE – “LA NAZIONALE È DEBOLE PERCHÉ SONO STATE SBAGLIATE LE CONVOCAZIONI” – LE BORDATE CONTRO I TALK SPORTIVI: “SOLO CALCIATORI E ALLENATORI. CHE NOIA, CHE ASSENZA DI IRONIA” – LA BOBO TV? MAI PENSATO DI VEDERLA” - “I CINEPANETTONI? LI HO FATTI E MI SONO DIVERTITO. ANCHE SE RICORDO UN'ESTATE A SACROFANO…”

GIORGIA MELONI HA UN NUOVO NEMICO: I GIORNALISTI DE' SINISTRA - STORACE: “TUTTI QUEI GIORNALISTI CHE SI INCHINAVANO AL PASSAGGIO DI CONTE E DRAGHI ORA SI SFOGANO CONTRO LA NUOVA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. HANNO SPARSO SALIVA A ONDATE QUANDO C'ERANO GLI ALTRI PREMIER, ADESSO FANNO GLI INFEROCITI” - IL NUOVO ATTACCO DI RULA JEBREAL ALLA MELONI: “AGENDO COME UN AUTOCRATE, IL PRIMO MINISTRO ITALIANO COGLIE OGNI OPPORTUNITÀ PER INTIMIDIRE E DENIGRARE I GIORNALISTI. CHI LA DENUNCIA VIENE MINACCIATO, VITTIMA DI BULLISMO E CENSURATO”

IL SUCCO DELLA FINANZIARIA? UNA DICHIARAZIONE DI GUERRA AI LAVORATORI DIPENDENTI - ALDO CAZZULLO: “DIVENTA ESPLICITA E RIVENDICATA LA DISTINZIONE TRA LAVORATORI AUTONOMI E DIPENDENTI. I PRIMI AVRANNO UNA FLAT TAX DEL 15% FINO A 85 MILA EURO (COMPRENSIVA DI IRPEF, IRAP, IVA). UN LAVORATORE DIPENDENTE DA 50 MILA EURO L'ANNO CONTINUA A PAGARE IL 43% DI IRPEF, CUI SI AGGIUNGONO ADDIZIONALI E CONTRIBUTI: UN LAVORATORE DA 2.500 EURO NETTI AL MESE È CONSIDERATO RICCO (ESSENDO I VERI RICCHI INDISTURBATI A MONTECARLO E IN SVIZZERA). A VOI DECIDERE SE PREVALE LO SCANDALO O IL RIDICOLO”

“NON C’È NESSUN PROBLEMA NEL GOVERNO” – IL MINISTRO DEGLI ESTERI, ANTONIO TAJANI, CI VUOLE FAR CREDERE CHE VA TUTTO BENE, MA POI AMMETTE DI FATTO LO SCONTENTO DI “FORZA ITALIA” PER LA MANOVRA: “IN PARLAMENTO SI POTRÀ CORREGGERE E MIGLIORARE QUALCOSA E FORZA ITALIA FARÀ LA SUA PARTE, SONO SICURO” – “MARTEDÌ ERO IN MISSIONE NEI BALCANI CON IL MINISTRO CROSETTO”. MA PERCHÉ HA DECISO DI PARTIRE NONOSTANTE LA MELONI GLI AVESSE CHIESTO DI PRESENZIARE ALLA CONFERENZA STAMPA SULLA LEGGE DI BILANCIO?

MATTARELLA RICHIAMA ALL'ORDINE LA DUCETTA SUL PNRR – IL CAPO DELLO STATO È RIMASTO ALLARMATO DALL'ASSENZA DI INDICAZIONI SUL PNRR NELLA PRESENTAZIONE DELLA MANOVRA – LO STRATAGEMMA DEL MINISTRO FITTO: BYPASSARE LA MANOVRA E INSERIRE POI IN 2 DECRETI LA LINEA DEL GOVERNO PER RIDISCUTERE I TERMINI DEI FINANZIAMENTI EUROPEI – IL TAR DI BARI DA' RAGIONE AGLI AMBIENTALISTI (ATTACCATI AGLI ALBERI DI CARRUBE) E FERMA I LAVORI DEL NODO FERROVIARIO DI BARI SUD. È LA PRIMA OPERA FINANZIATA DAL PNRR FERMATA DAI GIUDICI...

TROVARE LAVORO AGLI “OCCUPABILI” DEL REDDITO DI CITTADINANZA È QUASI IMPOSSIBILE – SENTITE COSA DICE RAFFAELE TANGORRA, COMMISSARIO DELL'AGENZIA PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO: “TRE QUARTI SONO DISOCCUPATI DA OLTRE TRE ANNI O NON HANNO MAI LAVORATO. SPESSO SI TRATTA DI PERSONE CHE NON SANNO LEGGERE NÉ FAR DI CONTO” - A SETTEMBRE IL GOVERNO BLOCCHERÀ IL SUSSIDIO PER I 660MILA “ABILI AL LAVORO” CHE NON DEVONO PRENDERSI CURA DI FIGLI MINORI, ANZIANI SOPRA I 60 ANNI O DISABILI MA IN DUE ANNI I CENTRI PER L'IMPIEGO HANNO TROVATO LAVORO AD APPENA 275 PERSONE...

TETTO CHE SCOTTA – L’UNIONE EUROPEA FA LA SOLITA FIGURA DI MERDA SUL PRICE CAP: AL CONSIGLIO AFFARI ENERGIA, CONVOCATO PER TROVARE UNA PRIMA INTESA, È SCONTRO TOTALE TRA LA GERMANIA E I SUOI VASSALLI E I 15 STATI CHE CHIEDONO UN TETTO AL PREZZO DEL GAS CHE POSSA SERVIRE A QUALCOSA (NON COME QUELLO, CON SOGLIA TROPPO ALTA, PROPOSTO DALLA COMMISSIONE) – ITALIA, FRANCIA, GRECIA E SPAGNA RITENGONO IL PIANO ATTUALE UNA FREGATURA, TEDESCHI E COMPAGNI FRUGALI NON VOGLIONO MEDIARE E CONTINUANO A PRENDERE PER I "FORNELLI" TUTTI. RISULTATO? LA DECISIONE PROBABILMENTE SARÀ (DI NUOVO) RINVIATA A METÀ DICEMBRE

“DA CITTADINO SAREI CURIOSO DI SAPERE COME ‘REPORT’ HA POTUTO AVERE I FAMOSI FILMATI DI RENZI ALL’AUTOGRILL CON MARCO MANCINI” - IL MINISTRO DELLA DIFESA, CROSETTO: “IL SEGRETO DI STATO? NON MI VENGONO IN MENTE I MOTIVI PER CUI POSSA ESSERE STATO POSTO E PER CUI IL FILMATO DI "UNA PROFESSORESSA" CHE PASSAVA PER CASO IN UN AUTOGRILL, MENTRE TUTTA ITALIA ERA CHIUSA IN CASA PER IL COVID, DEBBA INTERESSARE LO STATO. MA SE L'AMBASCIATRICE BELLONI LO HA FATTO È CERTAMENTE PERCHÉ LO STATO LE HA DETTO DI FARLO - NON PENSO SIA POSSIBILE CHE IL VIDEO VENGA DAI SERVIZI ITALIANI…”

GIORGIA, 110 E LAUDER – LA MELONI HA TROVATO IL TEMPO PER INCONTRARE A PALAZZO CHIGI RONALD LAUDER, CAPO DEL CONGRESSO EBRAICO MONDIALE E PERSONAGGIO MOLTO INFLUENTE NEL PARTITO REPUBBLICANO AMERICANO. DI RECENTE, HA ANNUNCIATO CHE NON FINANZIERÀ LA CAMPAGNA DI TRUMP NEL 2024, E SI STA SPOSTANDO VERSO RON DESANTIS – LAUDER HA DETTO DI AVER APPREZZATO IL DISCORSO DELLA FIDUCIA, E POI HA AVUTO UNO SCAMBIO DI CORTESIE E BATTUTE CON LA DUCETTA: “TU SEI PIÙ A SINISTRA DI ME”, HA DETTO ALLA PREMIER, CHE HA ANNUNCIATO DI AVERE IN PROGRAMMA UNA VISITA NEGLI USA A INIZIO 2023…

“LE ISTITUZIONI CHE I NOSTRI PREDECESSORI HANNO COSTRUITO SONO INADEGUATE PER LA REALTÀ CHE CI SI MANIFESTA OGGI” – UN LIBRO DELL’ISTITUTO TRECCANI RACCOGLIE I DISCORSI E GLI SCRITTI PIÙ SIGNIFICATIVI DI MARIO DRAGHI – UN PASSAGGIO DALLA DISSERTAZIONE DI "MARIOPIO" AL PARLAMENTO EUROPEO, IL 3 MAGGIO 2022: “IL QUADRO GEOPOLITICO È IN RAPIDA E PROFONDA TRASFORMAZIONE. DOBBIAMO MUOVERCI, MUOVERCI CON LA MASSIMA CELERITÀ. ABBIAMO BISOGNO NON SOLO DI UN FEDERALISMO PRAGMATICO, MA ANCHE DI UN FEDERALISMO IDEALE…”

L’ULTIMO SGARBO DI GIORGIA MELONI A BERLUSCONI: IL MINISTRO DELLE IMPRESE ADOLFO URSO SI TERRÀ LA DELEGA ALLE TELECOMUNICAZIONI, CRUCIALE PER GLI INTERESSI DI MESIASET – IL “BANANA” SPERAVA CHE FOSSE ASSEGNATA AL FIDO VALENTINO VALENTINI, L’UOMO CHE PER ANNI HA CURATO GLI OTTIMI RAPPORTI DEL CAV CON LA RUSSIA, CHE INVECE SI DOVRÀ ACCONTENTARE DELLE DELEGHE INTERNAZIONALI – MAURIZIO LEO CON LA DELEGA AL FISCO È UN MINISTRO DELLE FINANZE DE FACTO: GIORGETTI È DI FATTO COMMISSARIATO (COME SI È VISTO ALLA CONFERENZA STAMPA DI MARTEDÌ)