business

“PROCESSO OPACO, NON SAPPIAMO QUALE SIA IL PIANO DEL GOVERNO PER ENEL” – IL FONDO COVALIS CAPITAL, AZIONISTA DI LUNGO TERMINE DEL COLOSSO ELETTRICO CON L’1%, HA PRESENTATO LA LISTA ALTERNATIVA PER IL CDA E DENUNCIA “L’INCERTEZZA CHE CIRCONDA IL PROCESSO DI NOMINA”. NEL MIRINO DEI FONDI C’È PAOLO SCARONI E IL SUO PASSATO INGOMBRANTE – L’OBIETTIVO, COME DAGO-DIXIT, NON È METTERE IN DISCUSSIONE I VERTICI (IL GOVERNO PUÒ RICORRERE AL GOLDEN POWER), MA CREARE UNA MINORANZA CHE POSSA METTERE I BASTONI TRA LE RUOTE SUI DOSSIER STRATEGICI

EXOR, LA HOLDING DELLA FAMIGLIA AGNELLI, HA CHIUSO IL 2022 CON UN UTILE CONSOLIDATO DI 4,2 MILIARDI DI EURO RISPETTO A 1,7 MILIARDI DI EURO DEL 2021 - L'INCREMENTO È RICONDUCIBILE ALLA PLUSVALENZA NETTA REALIZZATA DALLA CESSIONE DI PARTNERRE (2,4 MILIARDI) - IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI EXOR PROPORRÀ ALL'ASSEMBLEA GENERALE LA NOMINA DELL'INDIANO NITIN NOHRIA, EX PRESIDE DELLA HARVARD BUSINESS SCHOOL, ALLA CARICA DI PRESIDENTE AL POSTO DI AJAY BANGA CHE DIVENTERA’ IL PROSSIMO PRESIDENTE DELLA BANCA MONDIALE…

BOOM! UN GRUPPO DI INVESTITORI ISTITUZIONALI, GUIDATO DA ALCUNI HEDGE FUND ESTERI, STA LAVORANDO A UNA TERZA LISTA PER IL CDA DI ENEL! NEL MIRINO NON C'È FLAVIO CATTANEO, MA PAOLO SCARONI, CHE PROPRIO OGGI, SUL “CORRIERE”, È STATO DEFINITO DAL SOTTOSEGRETARIO FAZZOLARI UNO DEI POCHI “CAPACE DI INTERLOQUIRE CON I FONDI DI INVESTIMENTO”. E SE VEDE: IERI IL TITOLO DI ENEL HA PERSO IL 3,92% - LA MEMORIA DEGLI INVESTITORI VA SEMPRE AI DISCUTIBILI RAPPORTI CON LA RUSSIA: QUANDO SCARONI ERA AD DI ENI (L'ITALIA DIVENNE TOTALMENTE DIPENDENTE DAL GAS DI PUTIN) – L’OBIETTIVO DEI FONDI NON È BOCCIARE LA SCELTA DEL GOVERNO (NON SI PUÒ), MA CREARE UNA MINORANZA IN CDA. E SAREBBE LA PRIMA VOLTA…

“POSSEDERE TWITTER È PIUTTOSTO DOLOROSO” (MA MICA TE L’HA ORDINATO IL DOTTORE!) – ELON MUSK SI FA INTERVISTARE DALLA BBC E SI LAGNA PER LA “CORSA IN OTTOVOLANTE” CHE STA COMPIENDO CON IL SOCIAL NETWORK, SU CUI HA BUTTATO 44 MILIARDI DI DOLLARI. POI RIVENDICA DI AVER TAGLIATO CON L’ACCETTA I DIPENDENTI, PASSATI DA 8MILA A 1500 E DICE DI AVER VOTATO PER BIDEN NEL 2020 – TRA STRANE ABITUDINI DI LAVORO E INTELLIGENZA ARTIFICIALE, NON RESISTE E LA BUTTA IN VACCA: "L'AD DI TWITTER NON SONO PIÙ IO, È IL MIO CANE FLOKI"

IL METODO MELONI: BLINDARE I COLOSSI DI STATO CON MANAGER AFFIDABILI PER METTERE A TERRA IL PNRR - IL CONTROLLO DELLE PARTECIPATE DIVENTA ANCORA PIÙ STRATEGICO GRAZIE ALLA RICCA DOTAZIONE DEI FONDI EUROPEI - LEONARDO SARA’ DECISIVA PER LA RIVOLUZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, ENEL SULLA TRANSIZIONE ECOLOGICA, ENI SUI BIOCARBURANTI - ALLA RETE FERROVIARIA ITALIANA FANNO CAPO BEN 24,3 MILIARDI DI OPERE, PARI ALL'11% DELL'INTERO PNRR ITALIANO - E POSTE DOVRA’ IMPLEMENTARE I SERVIZI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE…

L'ALLARME DI FMI E BANCA MONDIALE SULLA CRESCITA’ GLOBALE: “MAI COSÌ DEBOLE NEGLI ULTIMI 40 ANNI” - PESANO I DUBBI SULLA TENUTA DEL SISTEMA BANCARIO, INFLAZIONE E AUMENTO DEL DEBITO - È UNA FRENATA CHE ARRIVA IN UN MOMENTO IN CUI LE SFIDE A LUNGO TERMINE, COME LA TRANSIZIONE GREEN E I DOSSIER LEGATI AL CLIMA, IMPONGONO ENORMI INVESTIMENTI - CINA (+5% NEL 2023) E INDIA  (+6,3%) SONO LE LOCOMOTIVE DI UNA CRESCITA CHE IN OCCIDENTE È ZAVORRATA DALL’AUMENTO DEI TASSI DI INTERESSE E L'INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE CHE HA PESANTI CONSEGUENZE SU TUTTE LE VOCI DEL BILANCIO, GETTANDO SULLE SPALLE DEI GIOVANI LIVELLI DI DEBITO INSOSTENIBILI…

SCENE DA UN PATRIMONIO - IL 18ENNE CLEMENTE DEL VECCHIO, ULTIMO FIGLIO DEL FONDATORE DI LUXOTTICA LEONARDO, E’ IL PIÙ GIOVANE MILIARDARIO DEL MONDO - IL RAGAZZO HA UN PATRIMONIO DI 3,5 MILIARDI DI DOLLARI – LEONARDO DEL VECCHIO HA AVUTO SEI FIGLI DA TRE DONNE: CLAUDIO, MARISA E PAOLA, NATI DAL PRIMO MATRIMONIO CON LUCIANA NERVO - POI LEONARDO MARIA, AVUTO DALLA SECONDA MOGLIE NICOLETTA ZAMPILLO (SPOSATA NEL 1997 E RISPOSATA NEL 2010 DOPO IL DIVORZIO DEL 2000) E POI LUCA E CLEMENTE, NATI DALLA RELAZIONE CON SABINA GROSSI, EX MANAGER DI LUXOTTICA, CHE PERÒ NON HA MAI SPOSATO…

CHI C’HA I “CHIP “MA NON I DENTI – LA SAMSUNG TAGLIA LA PRODUZIONE DEI PROCESSORI DOPO L’ANNUNCIO DEL CALO DEL 95,8% DEL MARGINE OPERATIVO RISPETTO A UN ANNO FA – IL COLOSSO SUDCOREANO AVEVA ACCELERATO CON LA FABBRICAZIONE DEI MICROCHIP DURANTE LA PANDEMIA, MA LA DOMANDA DEGLI APPARECCHI ELETTRONICI È CALATA E I MAGAZZINI SONO PIENI DI SCORTE INVENDUTE – NONOSTANTE LE PREVISIONI DI UN’EVENTUALE RIPRESA DELLA DOMANDA, I CONTI IN SOFFERENZA SCONSIGLIANO NEL BREVE SPESE INCONTROLLATE…

PERCHÉ I CONTI DEL MILAN VENGONO PAGATI DAL LUSSEMBURGO? – LA "ROSSONERI SPORT", CHE DI FATTO HA CONTROLLATO IL MILAN FINO ALLA CESSIONE A REDBIRD NELL'AGOSTO 2022, NEGLI ULTIMI MESI HA CONTINUATO A SALDARE LE PARCELLE DEL CLUB PER CONTO DEL "DIAVOLO". DAI 16 MILIONI DI STIPENDIO ALL'EX AD MILANISTA, IVAN GAZIDIS, FINO AI 12 MILIONI AGLI ADVISOR JP MORGAN E BANK OF AMERICA – PAGAMENTI CHE DOVEVANO ESSERE CONTABILIZZATI NEL BILANCIO DEL MILAN, E NON ESSERE ACCOLLATI ALLA “SCATOLA” CON SEDE IN LUSSEMBURGO – IL CASO DEL MILIARDO DI EURO TRASFERITO DA ELLIOTT NEI PARADISI FISCALI...

MENO PIL PER TUTTI – IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE AVVERTE: PER I PROSSIMI CINQUE ANNI L'ECONOMIA MONDIALE AVRÀ UNA CRESCITA DEBOLE, INTORNO AL 3%. È LA PREVISIONE A MEDIO TERMINE PIÙ BASSA DAL 1990 - LA DIRETTRICE GENERALE, KRISTALINA GEORGIEVA, LA VEDE NERISSIMA: “IL CAMMINO PER AVERE UN PIL GLOBALE ROBUSTO È AVVOLTO NELLA NEBBIA ED È DISSESTATO” – LA FRENATA TOCCHERÀ IL 90% DELLE ECONOMIE AVANZATE MA AVRÀ UN EFFETTO DEVASTANTE SOPRATTUTTO SUI PAESI A BASSO REDDITO…

LO STERCO DEL “DIAVOLO” NEI PARADISI FISCALI – CHE COINCIDENZA: LO SCORSO 27 GENNAIO IL FONDO ELLIOTT HA SPOSTATO UN MILIARDO DI EURO NELLE ISOLE CAYMAN E IN DELAWARE, APPENA 24 ORE DOPO LO SCOPPIO DELL’INCHIESTA SULLA CESSIONE DEL MILAN AL FONDO REDBIRD – PER QUELL’OPERAZIONE ORA IL SOCIO DI MINORANZA DI ELLIOTT, IL FONDO BLUE SKYE CHIEDE AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI MILANO DI DICHIARARE L’INSOLVENZA DELLE DUE SOCIETÀ LUSSEMBURGHESI TRAMITE LE QUALI IL FONDI DI SINGER CONTROLLAVA IL CLUB ROSSONERO…

I CINESI SGOMMANO VIA DA PIRELLI, MA TRONCHETTI PROVERA HA GIÀ IL PIANO B – IL GOVERNO POTREBBE RICORRERE AL GOLDEN POWER PER LIMITARE LA PRESENZA DI SINOCHEM. LA DECISIONE POTREBBE ACCELERARE UN RIASSETTO DI CUI SI VOCIFERA DA TEMPO: IL GOVERNO CINESE STA FACENDO PRESSING SULLE SUE SOCIETÀ AFFINCHÉ ABBANDONINO GLI INVESTIMENTI ESTERI. IN OGNI CASO, TRONCHETTI HA GIÀ PREPARATO IL DOPO, CON IL PATTO DI CONSULTAZIONE SIGLATO TRA CAMFIN E BREMBO, CHE RAFFORZA IL NOCCIOLO DURO DEGLI AZIONISTI “ALTERNATIVI” AL PARTNER CINESE…

POCHI INVESTIMENTI E TANTI DIVIDENDI: LA RICETTA PARACULA DI AUTOSTRADE È SEMPRE LA STESSA, ANCHE SENZA I BENETTON – DA INIZIO ANNO GLI AUTOMOBILISTI SI SONO VISTI ALZARE I PEDAGGI DEL 2% (E QUEST'ESTATE ARRIVERÀ UN ALTRO PIÙ 1,34%). IN CAMBIO, SONO PREVISTI LAVORI DI MANUTENZIONE PER 21 MILIARDI. INVECE LA GRAN PARTE DEI CANTIERI È FERMA – INTANTO GLI AZIONISTI DI ASPI SI SONO DISTRIBUITI UN DIVIDENDO DI 924 MILIONI DI EURO. E POTEVANO ESSERE ANCHE DI PIÙ, SE CDP NON AVESSE CONVINTO BLACKSTONE E MACQUARIE AD ACCANTONARE IL 25% DEGLI UTILI…

PROCESSO PUBBLICO AI VERTICI DI CREDIT SUISSE – NELL'ULTIMA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DELL'ISTITUTO SVIZZERO PRIMA DELL'ACQUISIZIONE DA PARTE DI UBS, È ANDATA IN SCENA LA RABBIA DEI PICCOLI E GRANDI SOCI, CHE HANNO VISTO EVAPORARE I LORO BOND SUBORDINATI DA 16 MILIARDI – RIELETTO IL PRESIDENTE AXEL LEHMANN, CHE HA CHIESTO SCUSA “PER AVER DELUSO TUTTI VOI” – DAGLI USA ARRIVA L'ALLARME DEL NUMERO UNO DI JP MORGAN, JAMIE DIMON: “LA FIDUCIA NEL SISTEMA BANCARIO È A RISCHIO. TROPPA DEREGULATION…”

MUSK UCCELLATO DALL’UCCELLINO DI TWITTER! – MR. TESLA CEDE IL POSTO DI PERSONA PIÙ RICCA AL MONDO A BERNARD ARNAULT, MILIARDARIO PROPRIETARIO DELLA MULTINAZIONALE DEL LUSSO “LVMH”, CHE IN BANCA HA 211 MILIARDI DI DOLLARI – MUSK È SCESO AL SECONDO POSTO DELLA CLASSIFICA DI FORBES, MA NON SI PUÒ LAMENTARE, VISTI I SUOI 180 MILIARDI – TERZO IL BOSS DI AMAZON, JEFF BEZOS, CHE HA IN SACCOCCIA 114 MILIARDI – IL MILIARDARIO PIÙ GIOVANE È CLEMENTE DEL VECCHIO (EREDE DELL'IMPERO LUXOTTICA): A 18 ANNI HA GIÀ 3,5 MILIARDI...

IL MATRIMONIO FORZATO TRA UBS E CREDIT SUISSE È GIÀ FINITO DAVANTI AI GIUDICI – LA PROCURA FEDERALE SVIZZERA HA APERTO UN'INCHIESTA PER INDAGARE SU “NUMEROSI ASPETTI” LEGATI ALL’ACQUISIZIONE DA 3 MILIARDI DI FRANCHI – I FONDI CHE POSSEDEVANO 16 MILIARDI DI FRANCHI IN BOND SUBORDINATI DEL CREDIT SUISSE, AZZERATI NEL SALVATAGGIO, PREPARANO UNA CLASS ACTION – IL PRESIDENTE DELL'ISTITUTO, AXEL LEHMANN, CHIEDE SCUSA: “NON HO SAPUTO ARGINARE LA CRISI” – E PER SERGIO ERMOTTI, TORNATO ALLA GUIDA DI UBS, C'È IL NODO LICENZIAMENTI...

UN “MONTE” DI GUAI – LA PROCURA GENERALE DI MILANO HA CHIESTO LA CONFERMA DELLE CONDANNE PER ALESSANDRO PROFUMO (EX PRESIDENTE DI MPS) E FABRIZIO VIOLA (EX AD DELLA BANCA), E DI ANNULLARE QUELLA DI PAOLO SALVADORI – IN CONTEMPORANEA È ARRIVATA L’ISTANZA DI DANNI DA SEI SOCIETÀ DEL GRUPPO CALTAGIRONE PER 741 MILIONI DI EURO – AGLI EX VERTICI DI MONTE DEI PASCHI VIENE CONTESTATA L'ERRATA CONTABILIZZAZIONE DEI DERIVATI ALEXANDRIA E SANTORINI - IL PRECEDENTE DI MUSSARI E VIGNI ASSOLTI...

UNA VITA IN TRASFERTA – PER LAVORARE, CIRCA 400 OPERAI DEL GRUPPO “STELLANTIS”, SONO COSTRETTI A SPOSTARSI CONTINUAMENTE. IL CASO DI RICCARCO BUONUOMO, 33 ANNI, ASSUNTO NELLO STABILIMENTO FCA DI MELFI (IN BASILICATA) QUANDO NE AVEVA 25: DOPO POCO È STATO SPEDITO IN ABRUZZO POI A TERMOLI, SUBITO DOPO IN FRANCIA E ALLA FINE IN CAMPANIA: “PIUTTOSTO DI ASSUMERE PERSONALE STELLANTIS PREFERISCE SPEDIRCI IN GIRO PER LUNGHI PERIODI E PAGARCI L’INDENNITÀ. A FINE MESE MI RITROVAVO IN BUSTA PAGA ANCHE 4MILA EURO” (MA A CHE PREZZO?)

BUSINESS MUST GO ON – NEI GIORNI DI SANREMO CHIARA FERRAGNI HA CREATO UNA HOLDING SOTTO ALLA QUALE FICCARE TUTTE LE VARIE ATTIVITÀ CHE POSSIEDE (MENTRE IL SUO MARITINO FEDEZ LIMONAVA SUL PALCO DELL'ARISTON CON ROSA CHEMICAL) - LA FERRAGNI, METTENDO IN ORDINE IL SUO GRUPPO IMPRENDITORIALE, HA OTTENUTO DELLE SEMPLIFICAZIONI FISCALI (PREVISTE PER QUESTO TIPO DI ORGANIZZAZIONI). A CAPO DEL GRUPPO LA FERRAGNI HA MESSO LA “SISTERHOOD SRL” – TUTTE LE ATTIVITÀ DELLA HOLDING: DAL CINEMA A…

“SIAMO PRONTI A METTERE A DISPOSIZIONE DELLE BANCHE TUTTA LA LIQUIDITÀ CHE SERVE” – CHRISTINE LAGARDE, A FIRENZE PER L’INCONTRO CON 400 STUDENTI PROMOSSO DALL'OSSERVATORIO PERMANENTE GIOVANI-EDITORI DI ANDREA CECCHERINI, PROVA A TRANQUILLIZZARE RISPARMIATORI E INVESTITORI: “NON METTEREI SULLO STESSO PIANO DEUTSCHE BANK E CREDIT SUISSE” – LA PRESIDENTE DELLA BCE TIRA DRITTO NELLA BATTAGLIA CONTRO L'INFLAZIONE: “L’OBIETTIVO È DI RIPORTARLA AL 2%. I RIALZI DEI TASSI STANNO APPENA COMINCIANDO A FUNZIONARE...” – VIDEO

IL GOVERNO HA 30 GIORNI PER FARE IL CHECK UP AL PNRR – LA COMMISSIONE UE CONCEDE ALL'ITALIA FLESSIBILITÀ SUL RECOVERY, MA PRETENDE ENTRO LA FINE DI APRILE UN TESTO DEFINITIVO CON LE MODIFICHE AL PIANO, L'ELENCO DEI PROGETTI RIMODULATI E DI QUELLI CANCELLATI – FITTO PUNTA A SPOSTARE ALCUNI MILIARDI SUI FONDI DI COESIONE, CHE POSSONO COPRIRE APPALTI E PROGRAMMI DA METTERE A TERRA ENTRO IL 2029 – IL NODO DELLA BUROCRAZIA: SOLO ORA È ENTRATO IN VIGORE IL DECRETO DRAGHI DEL 2021 PER GLI UFFICI TECNICI COMUNALI

BOLLORÉ VA ALLA GUERRA – VIVENDI, PRIMO AZIONISTA DI TIM, CON UNA LETTERA “AVVISA” IL CONSIGLIO DELLA SOCIETÀ: PER DARE IL VIA LIBERA SULLA RETE, SECONDO I FRANCESI, SERVE UN’ASSEMBLEA STRAORDINARIA. È UN MODO PER MINACCIARE LA BOCCIATURA DELLA PROPOSTA DI CDP, CHE STA VALUTANDO UN RILANCIO A 20 MILIARDI. VIVENDI NE CHIEDE 31 E HA UN’ALTRA PROPOSTA: UN’OPA DA PARTE DI UNO O PIÙ FONDI SU TUTTA TIM (LASCIANDO GLI STESSI SOCI), A CUI FAR SEGUIRE LA SCISSIONE PROPORZIONALE

CHI DI SPECULAZIONE FERISCE, DI SPECULAZIONE PERISCE – DIETRO AL TRACOLLO IN BORSA DI DEUTSCHE BANK, VENERDÌ SCORSO, POTREBBE ESSERCI UNA MANONA CHE HA VENDUTO A TERMINE AZIONI DELL’ISTITUTO, DOPO AVER FATTO MAN BASSA DI CREDIT DEFAULT SWAP DEI SUOI TITOLI SUBORDINATI – LE AUTORITÀ EUROPEE STANNO INDAGANDO - ANDREA ENRIA, PRESIDENTE DELLA VIGILANZA BCE: “I CDS SONO UN MERCATO TROPPO OPACO, CON POCHI MILIONI PUOI MUOVERE GLI SPREAD E CONTAMINARE IL PREZZO DELLE AZIONI DI UNA GRANDE BANCA, E MAGARI ANCHE..."

LE SEDI DI CINQUE BANCHE FRANCESI SONO STATE PERQUISITE NELL’AMBITO DI UN’INDAGINE SU FRODE FISCALE E RICICLAGGIO DI DENARO – SCRIVE “LE MONDE” CHE I CINQUE ISTITUTI SONO SOCIETE' GENERALE, BNP PARIBAS, EXANE, NATIXIS E HSBC – SECONDO QUANTO RICOSTRUITO DA 16 MAGISTRATI, CHE PORTANO AVANTI L'INCHIESTA DAL DICEMBRE 2021, CLIENTI FACOLTOSI AVREBBERO CERCATO DI EVADERE LE TASSE SUI DIVIDENDI, ATTRAVERSO COMPLESSE STRUTTURE LEGALI E AVVALENDOSI DI CERTIFICATI FISCALI RILASCIATI DALLE BANCHE...

FLASH! – MENTRE IL GOVERNO MELONI VEDE SVANIRE LA CUCCAGNA DEL PNRR, VENERDÌ SBARCA A FIRENZE IL BOSS DELLA BCE, CHRISTINE LAGARDE, OSPITE DI ANDREA CECCHERINI, PATRON DELL’OSSERVATORIO GIOVANI-EDITORI. ALL’EVENTO-CLOU, CHE SI SVOLGERA’ NEL CENACOLO DELLA BASILICA DI SANTA CROCE, PROPRIO LADDOVE EBBE LUOGO LA SINDROME DI STENDHAL, INGRESSO VIETATO A ESPONENTI DEL GOVERNO E DELL’OPPOSIZIONE. ATTOVAGLIATI SOLO EDITORI E DIRETTORI (FONTANA, GIANNINI E MOLINARI), BANCHIERI E IMPRENDITORI…

OCCHIO AI FONDI MONETARI AMERICANI: RISCHIANO DI ESSERE LA NUOVA BOLLA FINANZIARIA – DOPO IL CRAC DI SILICON VALLEY BANK E IL CROLLO DI CREDIT SUISSE, GLI INVESTITORI HANNO CERCATO UN RIPARO SICURO DALLE TURBOLENZE DI MERCATO. COSÌ I FONDI MONETARI HANNO REGISTRATO FLUSSI SENZA PRECEDENTI: 286 MILIARDI DI DOLLARI DA INIZIO MARZO (420 MILIARDI DA INIZIO ANNO). IN PRIMA FILA GOLDMAN SACHS, JP MORGAN E FIDELITY – IL PROBLEMA È CHE MOLTI DI QUESTI FONDI SONO PRIVI DI RISCHIO SOLTANTO SULLA CARTA. COME SI È VISTO NEL 2020 – L'ALLARME DI BANK OF AMERICA

L'EUROPA PARTE CON L'AUTO VERDE E LASCIA A PIEDI L’ITALIA – OGGI L’UE APPROVA IL REGOLAMENTO CHE PREVEDE LO STOP A BENZINA E DIESEL DAL 2035, CON L'ESCLUSIONE DEGLI E-FUEL – IL GOVERNO ITALIANO HA CHIESTO INVANO UNO SLITTAMENTO DEL VOTO, PER CERCARE DI SALVARE ANCHE I BIOCARBURANTI – L'AD DI IVECO, GERRIT MARX, ATTACCA: “L’AUTO ELETTRICA E' PER I RICCHI. LA POLITICA EUROPEA È NELLE MANI DI PERSONE CHE NON CONOSCONO L'AUTOMOTIVE E ACCONTENTANO SOLO FORNITORI E CONSULENTI”

È LA NUOVA ECONOMIA, BELLEZZA: DIETRO UN PACCO CHE ARRIVA IN UN GIORNO, C’È UN CORRIERE SFRUTTATO – IL GIGANTE DELLA LOGISTICA BARTOLINI FINISCE IN AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA PER SFRUTTAMENTO DEI LAVORATORI: COSTRETTI A TURNI MASSACRANTI, PAGATI A COTTIMO IN BASE AL NUMERO DI CONSEGNE, SENZA DIRITTI NÉ TUTELE – IL SISTEMA SI REGGEVA SU MIGLIAIA DI COOPERATIVE, CHE IL TRIBUNALE DI MILANO DEFINISCE “MERI SERBATOI DI MANODOPERA”: I LAVORATORI IMPIEGATI INDIRETTAMENTE SONO OLTRE 18MILA

DUE VOLI, DUE MISURE – LA DECISIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA SUL PRESTITO PONTE AD ALITALIA DEL 2019 DA 400 MILIONI, GIUDICATO “ILLEGALE”, È QUANTOMENO CURIOSA, CONSIDERANDO CHE DA BRUXELLES NON HANNO FATTO UN PLISSÈ CON I NUMEROSI AIUTI DI STATO DI FRANCIA E GERMANIA ALLE LORO COMPAGNIE DI BANDIERA (AIR FRANCE E LUFTHANSA) – L’ORDINE DI RIMBORSO È UNA PARACULATA: NON POTRÀ ESSERE RISPETTATO, CONSIDERANDO CHE ALITALIA NON ESISTE PIÙ, E LA STESSA COMMISSIONE HA CREATO LE CONDIZIONI PER LA NASCITA DI “ITA”…

LA RUSSIA PREVEDE UNA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DI PETROLIO E GAS NEL 2023, A CAUSA DEL TAGLIO VOLONTARIO ALL'ESTRAZIONE DI GREGGIO (500.000 BARILI AL GIORNO FINO A GIUGNO) E DEL RIFIUTO DELL'EUROPA DI ACQUISTARE GAS RUSSO - LO HA DETTO IL MINISTRO DELL'ENERGIA NIKOLAI SHULGINOV: “LA PRODUZIONE DI GAS POTREBBE ESSERE INFERIORE A CAUSA DEL RIFIUTO DA PARTE DEI CONSUMATORI EUROPEI E LA NOSTRA INCAPACITÀ DI RIORIENTARE IMMEDIATAMENTE I FLUSSI. PER QUESTO ABBIAMO BISOGNO DI NUOVE INFRASTRUTTURE"

IN PANCIA ALLE BANCHE ITALIANE CI SONO 18,05 MILIARDI DI “ADDITIONAL TIER 1”: INTESA SANPAOLO NE HA PER 9,94 MILIARDI, UNICREDIT PER 6,41 MILIARDI, BANCO BPM PER 1,4 MILIARDI E FINECOBANK PER 300 MILIONI - GLI AT1 SONO BOND SUBORDINATI AD ALTO RISCHIO (I PRIMI CHIAMATI A COPRIRE LE EVENTUALI PERDITE NEI CONTI DEGLI ISTITUTI) CHE NON HANNO FORMALE SCADENZA MA SONO RIMBORSABILI, ALLA PARI, A CERTE SCADENZE TEMPORALI - QUALCHE VOLTA UNA FINESTRA DI RIMBORSO VIENE “CHIUSA” DA UN ISTITUTO PER LE AVVERSE CONDIZIONI DI MERCATO E IN QUEL CASO IL RENDIMENTO SALE…

IL SISTEMA BANCARIO MONDIALE È APPESO A UN TWEET? – IL 12 MARZO SCORSO, ALLE 13:29, L’IMPRENDITORE TEDESCO KIM DOTCOM, CHE VANTA 1,3 MILIONI DI FOLLOWER, SCRIVE: “CORRETE IN BANCA! PORTATE VIA I VOSTRI SOLDI!”. IL TWEET, RILANCIATO 4.000 VOLTE PER 2,5 MILIONI DI VISUALIZZAZIONI, DÀ IDEALMENTE IL VIA A 36 ORE DI PANICO CHE PORTERANNO AL FALLIMENTO DI SILICON VALLEY BANK. PER ALCUNI ANALISTI IL PRIMO CRAC FINANZIARIO CAUSATO DAI SOCIAL – IL NUMERO UNO DI CITIGROUP AMMETTE: “SONO BASTATI UN PAIO DI TWEET E…

SULL’AUTO VERDE BRUXELLES E BERLINO TROVANO UN ACCORDO. E L’ITALIA RESTA A PIEDI – L’ANNUNCIO DEL VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE, TIMMERMANS: L’UTILIZZO DEGLI E-FLUEL (I CARBURANTI SINTETICI) SARÀ CONSENTITO ANCHE DOPO IL 2035, COME CHIEDEVA LA GERMANIA. NESSUNA DEROGA INVECE PER I BIOCARBURANTI, COME PRETENDE IL GOVERNO MELONI – ORA, PER LA RATIFICA DEFINITIVA DEL REGOLAMENTO EUROPEO, NON SEMBRANO ESSERCI PIÙ PROBLEMI, ANCHE SE L’ITALIA DECIDESSE DI VOTARE NO…

L’ACCORDO ITA-LUFTHANSA NON DECOLLA – LE TRATTATIVE TRA IL MINISTERO DEL TESORO E LA COMPAGNIA TEDESCA SONO FRENATE DA QUESTIONI ECONOMICHE (L’OFFERTA PER IL 40% È SCESA A 200 MILIONI) MA ANCHE DAI DIFFERENTI OBIETTIVI INDUSTRIALI – IL GOVERNO VUOLE CHE L'EX ALITALIA ACQUISTI NUOVI AEREI E SI APRA ANCORA DI PIÙ ALLE ROTTE INTERNAZIONALI. PER LUFTHANSA ITA AIRWAYS NON PUÒ FARE CONCORRENZA AI BIG MONDIALI E DOVRÀ ESSERE COMPLEMENTARE AL GRUPPO – INTANTO LA CASSA DI ITA SI ASSOTTIGLIA...

DEUTSCHE SBANK! – AD AFFOSSARE LE BORSE, GIÀ PROVATE DA SVB E CREDIT SUISSE, IERI È STATO IL CROLLO DEL TITOLO DI DEUTSCHE BANK, CHE HA BRUCIATO 2 MILIARDI DI CAPITALIZZAZIONE – AD ALLARMARE GLI INVESTITORI LA DECISIONE DELL’ISTITUTO TEDESCO DI RIMBORSARE ANTICIPATAMENTE UN’OBBLIGAZIONE SUBORDINATA DA 1,5 MILIARDI: UNA MOSSA CHE DOVEVA DARE FIDUCIA MA CHE È STATA VISTA COME UN SEGNALE DI DEBOLEZZA – L’INNESCO DEL TRACOLLO È STATA LA SCOMMESSA AL RIBASSO DEI FONDI USA SULLE BANCHE TEDESCHE

TUTTE LE CRIPTO-TRUFFE VENGONO AL PETTINE – È STATO ARRESTATO DALL'INTERPOL IL 31ENNE COREANO KWON DO-HYEONG, NOTO COME “DO KWON”. È ACCUSATO DI ESSERE L’AUTORE DELLA “LEHMAN BROTHERS DELLE CRIPTOVALUTE” E DI AVER CREATO UN BUCO DI 40 MILIARDI DI DOLLARI – NEL 2020 AVEVA LANCIATO “TERRAUSD”, MONETA DIGITALE CON VALORE FISSO, ANCORATA A UN'ATTIVITÀ DI RISERVA STABILE – NEL SETTEMBRE 2022, QUANDO ATTACCHI SPECULATIVI HANNO FATTO CROLLARE “TERRAUSD”, DO KWON SI È DATO ALLA FUGA…

LA CINA SI È PAPPATA IL PORTO DI TARANTO E NOI GLIEL'ABBIAMO PERMESSO (NONOSTANTE GLI ALLARMI DELLA NATO) – DAL 2020 IL GRUPPO CINESE CHE HA RILEVATO IL MARCHIO “FERRETTI” È ENTRATO NELLA GESTIONE DEL PORTO PUGLIESE. ORA 150MILA METRI QUADRATI DI PIATTAFORMA LOGISTICA SONO STATI AFFIDATI A UNA SOCIETÀ CONTROLLATA AL 33% DAL DELEGATO DEL GOVERNO DI PECHINO, GAO SHUAI – TRE ANNI FA IL GOVERNO CONTE OFFRÌ RASSICURAZIONI ALL'ALLEANZA ATLANTICA, CHE AVEVA MESSO IN GUARDIA SULLE MIRE DEL DRAGONE. E ORA BEPPE GRILLO RILANCIA…

IL GOVERNO HA SETTE GIORNI PER NON PERDERE 19 MILIARDI DEL PNRR – PER INCASSARE LA TERZA RATA DEL RECOVERY, ENTRO FINE MESE L'ITALIA DEVE RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI RICHIESTI SUGLI INVESTIMENTI. SU 221 MILIARDI MESSI SUL TAVOLO DA BRUXELLES, OGGI È STATO SPESO SOLO IL 27,9% DEL TOTALE: BISOGNA ARRIVARE ALMENO AL 39% (ALL'APPELLO MANCANO DUNQUE 25,7 MILIARDI) – STENTANO I PROGETTI SU INFRASTRUTTURE, TRANSIZIONE ECOLOGICA E SCUOLA. MENTRE SONO STATI RAGGIUNTI GLI OBIETTIVI SULLE RIFORME...

LAGARDE, ASCOLTA BENE PANETTA – IL MEMBRO ITALIANO DEL BOARD DELLA BCE, FABIO PANETTA, TORNA A CHIEDERE CAUTELA ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA SULLA POLITICA MONETARIA: “LA NOSTRA STRETTA VA CALIBRATA CON PRUDENZA, PERCHÉ STA GIÀ AVENDO UN FORTE IMPATTO E VOGLIAMO EVITARE VOLATILITÀ INDESIDERATA” – TRADOTTO, COME GIÀ HANNO FATTO CAPIRE ANCHE IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, E PRIMA DI LUI IL MINISTRO CROSETTO, LA POLITICA DI RIALZO DEI TASSI NON PUÒ CONTINUARE PER SEMPRE (ANZI, PRIMA FINISCE, MEGLIO È)