politica

“BISOGNA PRENDERSI CURA DEI POVERI, CHE OGGI SONO MILIONI” – L’AD DI BANCA INTESA, CARLO MESSINA: “HO SEMPRE SOSTENUTO IL REDDITO DI CITTADINANZA, PERCHÉ C'È UN TEMA DI EQUILIBRIO SOCIALE DA TUTELARE. DOBBIAMO PORRE ATTENZIONE ALLA DEFINIZIONE DI "OCCUPABILI": SE POI NON LO SONO DAVVERO E NON POSSONO AVERE ALTRE FONTI DI SOSTENTAMENTO SI RISCHIANO DAVVERO FORTI TENSIONI SOCIALI - LA MANOVRA? IL 60% DEL NOSTRO DEBITO PUBBLICO È IN MANO A INVESTITORI STRANIERI E BCE: NON C'È SPAZIO PER FARE ALTRO DEBITO - L'ENERGIA CONTINUERÀ AD ESSERE PIÙ CARA: NON SI TORNERÀ AI VALORI PRE-GUERRA. PRODURRE COSTERÀ DI PIÙ E BISOGNA PREPARARSI - IL FUTURO È IL DIGITALE, NON IL CONTANTE. BISOGNEREBBE RAGIONARE BENE SUI CAPITALI ALL'ESTERO…”

C’E’ POSTO PER TE (E SE NON C’E’ METTETECI UNA PANCA!) – QUEST’ANNO ALLA SCALA OCCHIO ALL’ASSEMBRAMENTO! CONTRAVVENENDO AL RITUALE, PER IL “BORIS GODUNOV” DEL PROSSIMO 7 DICEMBRE, CI SARANNO SUL PALCO REALE SIA SERGIO MATTARELLA, SIA GIORGIA MELONI. A LORO SI AGGIUNGERÀ ANCHE LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA, URSULA VON DER LEYEN. MA SI ACCOMODERANNO ANCHE ATTILIO FONTANA E IL MINISTRO DELLA CULTURA, GENNARO SANGIULIANO – GLI ALTRI MEMBRI DEL GOVERNO INVECE ANDRANNO IN PLATEA, DOVE, AI TEMPI DI NAPOLEONE, CI STAVA IL POPOLINO. E IL TANTO CARO AMBASCIATORE RUSSO IN ITALIA, SERGEY RAZOV?

“SPIATI A NOSTRA INSAPUTA DALLA PROCURA, CHE HA VIOLATO LA LEGGE” – SIGFRIDO RANUCCI A “DIMARTEDÌ” È TORNATO A PARLARE DELLA DECISIONE DELLA PROCURA DI ROMA DI ACQUISIRE I TABULATI SUOI E DEL COLLEGA DI “REPORT”, GIORGIO MOTTOLA (ALLA FACCIA DELLA SEGRETEZZA DELLE FONTI – E “IL GIORNALE” SVELENA: "NON CITA L'INDAGINE DELLA PROCURA DI RAVENNA PER DIFFAMAZIONE E RIVELAZIONE DI SEGRETO DI STATO, DOVE È STATO INTERROGATO ASSIEME A MOTTOLA E ALLA PAPESSA DI VATI LEAKS 2 FRANCESCA CHAOUQUI, NÉ IL CONDUTTORE GIOVANNI FLORIS GLIELO RICORDA. DOVERE D'OSPITALITÀ, FORSE..."

RENZI VUOLE ALLA VIGILANZA RAI LA BOSCHI. E “IL FATTO QUOTIDIANO” LO UCCELLA ‘’PER I RAPPORTI DI AFFARI CON LUCIO PRESTA. OSSIA L'AGENTE DEI VIP ACCREDITATO DI FARE IL BELLO E IL CATTIVO TEMPO IN RAI (E PERSINO I PALINSESTI) E INDAGATO ASSIEME A RENZI PER "RAPPORTI CONTRATTUALI FITTIZI" DIETRO I QUALI SI NASCONDEREBBE UN PRESUNTO FINANZIAMENTO ALLA POLITICA. TRA I CONTRATTI FIRMATI CON RENZI, QUELLO PER LA REALIZZAZIONE DEL DOCUMENTARIO "FIRENZE SECONDO ME" PER IL QUALE RENZI HA INCASSATO CIRCA 450 MILA EURO, ANDATO IN ONDA SU DISCOVERY LE CUI RIPRESE ERANO INIZIATE QUANDO ANCORA IL NETWORK ERA DIRETTO DA MARINELLA SOLDI, ORA PRESIDENTE DELLA RAI…

SOGNO O SONDAGGIO? – SVEGLIA, C’È QUALCUNO A SINISTRA? NELL’ULTIMA RILEVAZIONE “AGI/YOUTREND” LA COALIZIONE DI CENTRODESTRA (DATA AL 46%) HA DOPPIATO I VOTI DEL CENTROSINISTRA, CHE TRACOLLA AL 22,8% (-1,2%) – TUTTA FARINA DEL SACCO DI GIORGIA MELONI: FRATELLI D'ITALIA VOLA VERSO IL 30%, MENTRE SALVINI E BERLUSCONI RIMANGONO INCHIODATI RISPETTIVAMENTE AL 8,4% E 6,9% MA DELLA MELONI CHE SFRECCIA A TUTTA VELOCITÀ VERSO IL 30% – IL TUTTO MENTRE IL PD È AFFACCENDATO NELLE BEGHE CONGRESSUALI E DEVE ANCORA TROVARE UN NUOVO SEGRETARIO (A DUE MESI E PASSA DALLE ELEZIONI)

XI SI È SCAVATO LA FOSSA DA SOLO – LE RIGIDISSIME MISURE RESTRITTIVE CONTRO IL COVID HANNO SOFFOCATO L'ECONOMIA CINESE E FATTO ESPLODERE LA RABBIA DELLA POPOLAZIONE. PER NON APPARIRE DEBOLE, IL REGIME CINESE HA ASPETTATO FINO AD ORA PRIMA DI RIVEDERE LE SUE SCELTE. MA POTREBBE ESSERE TROPPO TARDI – PAUL KRUGMAN: “QUESTA È LA LEZIONE CHE POSSIAMO APPRENDERE DALLA CINA: DIFFIDARE DEGLI ASPIRANTI TIRANNI CHE, A PRESCINDERE DALL'OVVIETÀ DEI FATTI, SOSTENGONO DI AVERE SEMPRE RAGIONE”

“DA PARTE DEL PD, INSISTERE SUL FASCISMO (INESISTENTE) DELLA MELONI È STATO CONTROPRODUCENTE” – LUCIANO VIOLANTE STRONCA LETTA E INCENSA, A SORPRESA, GIORGIA MELONI: “GUARDO CON INTERESSE IL SUO LAVORO NELLA PAZIENTE COSTRUZIONE DI UN VERO PARTITO CONSERVATORE SENZA FASCISMI, PALEOLIBERISMI O LOCALISMI. ‘PARTITO CONSERVATORE ITALIANO’ SUONA BENE. CERTO, CI SARÀ UN PROBLEMA DI SIGLA: "PCI" CON LA MELONI SUONA MALISSIMO” – “IL CENTROSINISTRA DOVEVA AVERE UN ALTRO PESO, POI C'È STATO CALENDA CHE HA BACIATO SULLA GUANCIA LETTA E SE NE È ANDATO DA UN'ALTRA PARTE.  A QUEL PUNTO…”

“I VERTICI DEL M5S SI CANDIDANO A SFRUTTARE UN MALESSERE CHE NON HANNO INTENZIONE DI GOVERNARE MA DI ESASPERARE” – MASSIMO FRANCO: “QUELLA DI CONTE SULLE ARMI ALL’UCRAINA È IL TENTATIVO DI PRESENTARSI COME UNICO REFERENTE DELL'OPPOSIZIONE” – “CONTE CONFIDA NEL SOSTEGNO DI PEZZI DEL PD, E SA DI NON PERDERE NULLA. HA RINUNCIATO AL SOGNO DI TORNARE AL GOVERNO. IL PROBLEMA, SEMMAI, È DOVE PORTA UN POPULISMO CHE MESCOLA CONFUSAMENTE PACIFISMO E DIFESA DEL REDDITO DI CITTADINANZA. È UN GIOCO AD ALTO RISCHIO..."

IL COMITATO DEI FATTI VOSTRI – IL COPASIR È LA COMMISSIONE PARLAMENTARE CHE FA PIÙ GOLA AI PARTITI. TE CREDO: DA LÌ PASSANO TUTTI I DOCUMENTI E LE INFORMAZIONI DEI SERVIZI, E OGNI SEI MESI IL GOVERNO INVIA UNA RELAZIONE SUI PERICOLI PER LA SICUREZZA. INSOMMA, PER LE FORZE POLITICHE È FONDAMENTALE ESSERCI, NON A CASO I LEADER METTONO IN CAMPO I LORO FEDELISSIMI. LA MELONI HA SCHIERATO DONZELLI, I GRILLINI L’EX MAGISTRATO SCARPINATO, IL PD GUERINI (CANDIDATO NUMERO UNO PER LA PRESIDENZA…)

GIORGIA AFFILA LE ARMI E COPIA DRAGHI – DOPO IL VIA LIBERA DELLA CAMERA, OGGI IL CONSIGLIO DEI MINISTRI APPROVERÀ IL DECRETO CHE PERMETTE DI INVIARE AIUTI MILITARI ALL'UCRAINA PER ALTRI 12 MESI. UN TESTO IDENTICO A QUELLO DEL GOVERNO PRECEDENTE – L'UNICO SULLE BARRICATE È CONTE, CHE SI È TOLTO L'ELMETTO È S'È REINVENTATO PACIFISTA – PER SBUGIARDARE PEPPINIELLO APPULO, CROSETTO MEDITA DI RENDERE PUBBLICA LA LISTA DI ARMAMENTI AGLI UCRAINI: “ALLORA SI VEDRA’ CHE SI TRATTA SOLO DI ARMI DIFENSIVE...”

LA GENIALATA DEFINITIVA DEL PD: CAMBIARE IL NOME IN PDL (COSI’ MAGARI RIESCONO A VINCERE) - IL SINDACO DI BOLOGNA LEPORE PROPONE: "CHIAMIAMOLO PARTITO DEMOCRATICO E DEL LAVORO" – COME DAGO-RIVELATO, OLTRE A ZINGARETTI ANCHE FRANCESCHINI VA SU ELLY SCHLEIN. L’AREA DI SU-DARIO SI SPACCA IN DUE CON CONTORNO DI PETTEGOLEZZI: IL CAMBIO DI CAVALLO SAREBBE "COLPA" DEI CONSIGLI DELLA CONSORTE DELL’EX MINISTRO DELLA CULTURA: MICHELA DI BIASE – ANCHE LA SINISTRA DEM SI DIVIDE SULLA VICEPRESIDENTE DELL’EMILIA… - DAGOREPORT

“IL PAPA HA FATTO DELLE DICHIARAZIONI NON CRISTIANE” – IL MINISTRO DEGLI ESTERI SERGEI LAVROV RINCARA LA DOSE CONTRO BERGOGLIO, DOPO LE FRASI DEL PAPA SULLE CRUDELTÀ COMMESSE DA CECENI E BURIATI IN UCRAINA. POI SEMBRA APRIRE AL NEGOZIATO CON GLI USA: “NON CI OPPONIAMO ALL’INCONTRO BIDEN-PUTIN”SE CI SONO PROPOSTE DALL’OCCIDENTE, ASCOLTEREMO. GLI AMERICANI CI HANNO DETTO DIECI VOLTE CHE DOVEVA ESSERE UN CANALE ASSOLUTAMENTE RISERVATO, CHE NESSUNO DOVEVA SAPERNE NULLA. ABBIAMO ACCONSENTITO, MA…”

MELONI IN “AZIONE” – L’INCONTRO TRA LA DUCETTA E CALENDA, CONDITO DALLE DICHIARAZIONI D’AMOROSI SENSI DI CARLETTO, HA FATTO INDISPETTIRE FORZA ITALIA: GLI AZZURRI SONO CONVINTI CHE LA PREMIER ABBIA VOLUTAMENTE ESAGERATO LA PORTATA DELL’INCONTRO PER MANDARE UN MESSAGGIO A LORO – IL RONZULLIANO GIORGIO MULÈ: “CALENDA VUOLE PROVOCARE, MA DA PARTE NOSTRA INCASSA SOLO QUEL CHE MERITA: INDIFFERENZA. CON LUI È TUTTO UN VORREI MA NON POSSO. SI CANDIDAVA A GUIDARE I PRESUNTI MODERATI, PERALTRO DI RISULTA. DAL TERZO POLO È DIVENTATO LA TERZA OPPOSIZIONE…”

AJA, CHE GUAIO! SALVINI, L’EX MINISTRO DELL’INTERNO MINNITI, L’EX ALTO RAPPRESENTATE DELL’UE MOGHERINI, IL PREMIER MALTESE ABELA E ALTRI SONO STATI DENUNCIATI DAL CENTRO EUROPEO PER I DIRITTI UMANI E COSTITUZIONALI (INSIEME ALL’ONG “SEA WATCH”) ALLA CORTE PENALE DELL’AJA – IL MOTIVO? PUR DI RIDURRE IL NUMERO DEGLI SBARCHI HANNO RAFFORZATO LA GUARDIA COSTIERA LIBICA CON LA CONSAPEVOLEZZA CHE I MIGRANTI RACCOLTI IN MARE SAREBBERO STATI RINCHIUSI NEI LAGER E SEVIZIATI...

SUL PNRR E’ BUIO FITTO! COME LA MELONI HA TAGLIATO FUORI GIORGETTI DALLA CABINA DI REGIA DEL RECOVERY: SUL PNRR DECIDE FITTO – LA MOSSA HA INDISPETTITO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA, E PIÙ DI LUI I FUNZIONARI DEL TESORO, MA HA ALLARMATO ANCHE LA COMMISSIONE EUROPEA VISTO CHE IN TUTTI GLI STATI MEMBRI IL MINISTERO RESPONSABILE DEL PNRR È QUELLO DELL'ECONOMIA – E ORA LA LEGA FA MURO SU QUEL DECRETO PER LA SEMPLIFICAZIONE NORMATIVA CHE FITTO VORREBBE APPROVARE ENTRO DICEMBRE PER VELOCIZZARE I LAVORI SUL PNRR…

IL PNRR STA DIVENTANDO UNA BRUTTA ROGNA PER IL GOVERNO MELONI – IL PROBLEMA È REALIZZARE I 55 OBIETTIVI PREVISTI DAL PIANO PER IL SECONDO SEMESTRE DEL 2022, RISULTATO DAL QUALE DIPENDE L'EROGAZIONE DELLA TERZA RATA DA 19 MILIARDI - IL MINISTRO FITTO DICE CHE LA SPESA SARÀ DISTANTE DAI 22 MILIARDI DI EURO PREVISTI, SALVINI CHIEDE DI RIVEDERE TEMPI E COSTI . L’ALLARME DI PICHETTO FRATIN: “DOBBIAMO TAGLIARE LE OPERE. STANZIATI 35 MILIARDI, NE SERVIREBBERO 40”. SUL RIGASSIFICATORE DI PIOMBINO: “NOI ANDIAMO AVANTI, SPERIAMO DI PORTARLO IN FUNZIONE TRA MARZO E APRILE”

RENZI D’ARABIA – A UN ANNO DAL VOTO, LA CANDIDATURA DI ROMA PER EXPO 2030 LA POSSIAMO RIPORRE NEL CASSETTO DEI SOGNI INFRANTI. LA CITTÀ VINCITRICE SARÀ RIAD, CAPITALE DELL’ARABIA SAUDITA - OLTRE A UN PATRIMONIO PERSONALE DI 550 MILIARDI CASH, MOHAMMED BIN SALMAN SI AVVALE DELL’OPERA DI UN SENATORE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, TALE RENZI MATTEO, NEL RUOLO DI CONFERENZIERE CHE VA IN GIRO PER IL MONDO A DELUCIDARE IL ‘’RINASCIMENTO ARABO’’ - SIA CHIARO: RENZI NON VIOLA ALCUNA LEGGE FACENDO PARTE DEL BOARD DI UN ENTE FINANZIATO DAL FONDO SOVRANO SAUDITA. TRATTASI SOLO DI UN FATTO DI OPPORTUNITÀ PER UN EX PREMIER, OGGI SENATORE, QUINDI RAPPRESENTANTE APICALE DELLE ISTITUZIONI DEL PAESE - E DI BIN SALMAN, COINVOLTO NEL CASO DELL'UCCISIONE DEL GIORNALISTA SAUDITA KHASHOGGI, SENTITE COSA RISPONDEVA MATTEUCCIO NEL 2021…

ABBIAMO SCHERZATO! – IL DECRETO SUI RAVE CAMBIA COMPLETAMENTE: SARÀ APPLICATO SOLO AI RADUNI MUSICALI. PER APPLICARE LA NUOVA NORMA, DOVRÀ ESSERE CONCRETO IL PERICOLO PER LA SALUTE O L’INCOLUMITÀ PUBBLICA: GLI ORGANIZZATORI SONO PUNIBILI CON LA RECLUSIONE FINO A 6 ANNI MA NON POTRANNO ESSERE INTERCETTATI – IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA, NORDIO: “UNA LEGGE SCRITTA BENE È DI FACILE APPLICAZIONE. POSSIAMO FARE UNA CERTA AUTOCRITICA, NESSUNO È PERFETTO MA SI PUÒ SEMPRE RIMEDIARE”

CARI GIORNALISTI, INVECE CHE CIANCIARE DI PRESUNTE LIBERTÀ VIOLATE, CRITICATE LA MELONI NEL MERITO – ALLA CONFERENZA STAMPA SULLA MANOVRA, LA PREMIER È STATA ACCUSATA DAI CRONISTI DI VOLERSI SOTTRARRE ALLE DOMANDE. MA, NUMERI ALLA MANO, LA DUCETTA HA RISPOSTO A PIÙ INTERROGATIVI DI QUANTO AVEVANO FATTO DRAGHI E CONTE PRESENTANDO LE DUE LEGGI DI BILANCIO PRECEDENTI. INSOMMA: NON ESISTE NESSUNA EMERGENZA DEMOCRATICA, SAREBBE MEGLIO CHE LA STAMPA “PROGRESSISTA” , INVECE DI FRIGNARE, FACESSE IL SUO LAVORO – VIDEO

 

“MI VOLEVA FOTTERE” – DONALD TRUMP PER SCHIVARE LE POLEMICHE PER LA CENA CON IL SUPREMATISTA BIANCO NICK FUENTES ADDOSSA TUTTA LA COLPA A KANYE WEST, CHE L'HA PORTATO CON SÉ A MAR-A-LAGO - IL RAPPER DICE DI VOLERSI CANDIDARE ALLE PRESIDENZIALI DEL 2024. MA QUELLA DI "THE DONALD" È SOLO UNA GIGANTESCA ARRAMPICATA SUGLI SPECCHI: KANYE NON È UN RIVALE CREDIBILE. (SE LO FOSSE, PERCHÉ INVITARLO A CENA?). SEMPLICEMENTE, TRUMP HA FATTO L'ENNESIMA FIGURA DI MERDA, E HA DATO UN MOTIVO IN PIÙ AGLI ELETTORI PER VOTARE RON DESANTIS

IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO – LA SOLUZIONE DEL DOSSIER TIM È CRUCIALE ANCHE PER UN ASPETTO SOCIALE (I 40MILA DIPENDENTI E LA MONTAGNA DI OBBLIGAZIONISTI) E GEOPOLITICO: TRA GLI ASSET DI TELECOM C’È ANCHE SPARKLE, L’HUB DI COMUNICAZIONI VIA CAVO CHE COLLEGA STATI UNITI A EUROPA E ISRAELE, PER FINIRE IN AUSTRALIA. LA PARTITA È COMPLESSA: DA UN LATO C’È IL FONDO AMERICANO KKR, INTERESSATO A MANTENERE UN PIEDE SUI CAVI DEL MEDITERRANEO, DALL’ALTRO QUELLO AUSTRALIANO MACQUARIE, CHE HA PRESO A CARO PREZZO OPEN FIBER, PUNTANDO SULL’OFFERTA DI CDP, CHE ORMAI È TRAMONTATA…

E’ CALENDA IL “TERZO POLLO”: MENTRE LUI INCONTRA LA MELONI E FA POLITICA IN PARLAMENTO, RENZI VOLA IN THAILANDIA PER FARE IL CONFERENZIERE – E COSA HA DETTO? HA SOSTENUTO CHE L'UCRAINA RIFIUTÒ L'ACCORDO DI PACE NEL 2014, HA CONCESSO DIGNITA’ AI MODELLI NON DEMOCRATICI (“DOBBIAMO AMMETTERE CHE LA DEMOCRAZIA NON È COSÌ IMPORTANTE ALTROVE. NON POSSIAMO ACCETTARE L'IDEA CHE CI SIA UN UNICO MODELLO IN TUTTO IL MONDO”) E POI HA ELOGIATO IL SUO AMICO AMMAZZA-CRONISTI BIN SALMAN (CHE LO PAGA FINO A 80 MILA DOLLARI LORDI ALL'ANNO)

FLASH! – IL “CUCÙ” DI SEBASTIANO MESSINA: “NON SI È LEVATA LA SOLITA PROTESTA CONTRO LA CASTA, ALLA NOTIZIA CHE CON UNA ‘MERA RIMODULAZIONE’ AI DEPUTATI È STATO RADDOPPIATO A 5.500 EURO IL FONDO PER COMPRARSI UNO SMARTPHONE, UN TABLET O UN PC (DEI QUALI EVIDENTEMENTE SONO SPROVVISTI). FORSE PERCHÉ I TRE QUESTORI CHE L'HANNO DECISO SONO UNO DELLA LEGA, UNO DI FRATELLI D'ITALIA E UNO DEL M5S, QUEI TRE PARTITI CHE HANNO CAVALCATO LA TIGRE DELL'ANTIPOLITICA. ADESSO LA CASTA È DIVENTATA BUONA E LA TIGRE È MORTA…”