media e tv

“CHIUDERE CARTABIANCA È FOLLIA, IN ITALIA C’È UNA CHINA PERICOLOSA. DOMANI QUALCUNO SI FARÀ VIDIMARE LE DOMANDE DA PALAZZO CHIGI?” - MARIO GIORDANO A TUTTO SPIANO: “IL COPASIR INDAGA SUGLI OSPITI? SE C’È UNA SPIA E LO PROVI, LO DENUNCI ALLA POLIZIA” - IL PRIMO LAVORO A “IL NOSTRO TEMPO” INSIEME A TRAVAGLIO: “IO ERO IL CLASSICO TERZOMONDISTA, LUI TRADIZIONALISTA” - GAD LERNER, “LUCIGNOLO”, FELTRI E L’ASPETTO: “IN TUTTA LA MIA VITA MI HANNO SEMPRE PRESO PER IL CULO. ORA CI SCHERZO MA HO SEMPRE SOFFERTO. UNA VOLTA BISOGNAVA RICEVERE DEI RUSSI, E IL DIRETTORE MI DISSE…”

VOLANO PADELLATE TRA CUOCHI - VISSANI RIVELA: “BARBARA BOUCHET, MAMMA DI ALESSANDRO BORGHESE, MI CHIAMÒ PER PRENDERE IL FIGLIO NEL MIO RISTORANTE” - MA LA BOUCHET E’ LA STESSA CHE HA DETTO: “I MIEI FIGLI SONO STATI CRESCIUTI CON L’INSEGNAMENTO DI CAVARSELA DA SOLI”? – E COSA DICE ALESSANDRO BORGHESE CHE AVEVA TUONATO CONTRO I GIOVANI CHE “NON VOGLIONO FARE SACRIFICI NEI RISTORANTI” – VISSANI CHIARISCE: “DA ME PER VENIRE A IMPARARE BISOGNA PAGARE E SIA LA BOUCHET CHE ANGELA DEI RICCHI E POVERI VOLEVANO MANDARMI I FIGLI GRATIS. E ALLA FINE NON SONO VENUTI”…

VIDEO-FLASH! - AVVERTITE LA BOSCHI E I "CINEPHILE" PIÙ RAFFINATI CHE AL MERCATO DI CANNES HA ESORDITO NELL'ENTUSIASMO GENERALE “DZIEWCZYNY Z DUBAJU", L’IRRESISTIBILE FILM IN CUI GIULIO BERRUTI SI TRASFORMA DA DENTISTA IN “GINECOLOGO”, FACENDO VISITE APPROFONDITE A UN NUTRITO GRUPPO DI ESCORT POLACCHE - L’IMPERDIBILE TRAILER, CON UNA CODA DI SIGNORINE CHE FA LA FILA PER SALIRE IN AEREO E ANDARE A FARSI TRAPANARE NEGLI EMIRATI ARABI DAL TENEBROSO “SIGNOR MEB” - FOTO HOT

 

È MORTO VANGELIS: IL COMPOSITORE GRECO, AUTORE DELLE COLONNE SONORE CULT DI “BLADE RUNNER” E DI “MOMENTI DI GLORIA” (CON CUI AVEVA VINTO L'OSACR), AVEVA 79 ANNI - L’ANNUNCIO È ARRIVATO DIRETTAMENTE DAL PRIMO MINISTRO DELLA GRECIA, KYRIAKOS MITSOTAKIS - EVANGELOS ODYSSEY PAPATHANASSIOU, QUESTO ILL SUO VERO NOME, ERA CONSIDERATO IL PUNTO DI CONGIUNZIONE TRA LA MUSICA “COSMICA” DEGLI ANNI 70 E LA “NEW AGE”, E HA INFLUENZATO PROFONDAMENTE LA SCENA ELETTRONICA DI TUTTO IL MONDO…

EZIO BOSSO FOR EVER! "MI FA PAURA ESSERE CONSIDERATO UN TESTIMONIAL DI QUALUNQUE COSA CHE NON SIA STUDIO, DEDIZIONE, MUSICA FATTA BENE" - IN OCCASIONE DEI 50 ANNI DEL DIRETTORE D'ORCHESTRA SCOMPARSO NEL 2020 A SOLI 48 ANNI, STASERA SU RAI 3 ESCE IL DOCUMENTARIO "EZIO BOSSO. LE COSE CHE RESTANO", CON TANTO DI UN SUO BRANO INEDITO NELLA COLONNA SONORA - GLI INIZI CON LA BAND SKA "STATUTO", LA MALATTIA E LA STORIA CON ALBA PARIETTI, IL TIFO PER IL TORINO, LA MALATTIA: "LA DISABILITA' E' NEGLI OCCHI DI CHI GUARDA" - VIDEO

LA CANNES DEI GIUSTI - DOPO IL TRIONFO DI "ESTERNO NOTTE" DI BELLOCCHIO, SI TORNA ALLE FOLLIE DI QUESTO FESTIVAL. SEMBRA CHE A MANDARE IN TILT IL SISTEMA DEI BIGLIETTI SIA STATO UN ATTACCO DI HACKER RUSSI (CHIAMATE COSSIGA), PER VENDICARSI DI TUTTO QUESTO SPAZIO CHE CON INUTILE ENFASI THIERRY FREMAUX HA DEDICATO A ZELENSKY, AI TOP GUN DI BIDEN E AL FILM DEL DISSIDENTE RUSSO KIRILL SEREBRENNIKOV – FREMAUX E SOCI HANNO RISPOSTO NEL MODO PIÙ MESCHINO POSSIBILE. FACENDO FINTA DI NULLA…

MARCO TRAVAGLIO RISPONDE A FURIO COLOMBO CHE AVEVA SOSTENUTO DI ESSERE STATO CENSURATO DAL “FATTO QUOTIDIANO”: “L'UNICA CENSURA È QUELLA CHE COLOMBO PRETENDEVA DA ME, QUANDO MI HA CHIESTO DI CACCIARE ORSINI, "REO" DI NON PENSARLA COME LUI. I COMMENTATORI CONCORDANO COL DIRETTORE GLI ARTICOLI, CON TRE LIMITI: CODICE PENALE, OGGETTIVITÀ DEI FATTI E RISPETTO PER I COLLABORATORI DEL GIORNALE. PURTROPPO COLOMBO, SABATO 7, HA INVIATO UN PEZZO CHE OLTREPASSAVA TUTTI E TRE I LIMITI: OFFENDEVA E DIFFAMAVA FINI E ORSINI ATTRIBUENDO LORO TESI MAI ESPRESSE. L'HO PREGATO DI RIMANDARLO CON LE SUE OPINIONI INTATTE MA SENZA INSULTI. COLOMBO CI HA PENSATO E MI HA INVIATO LA NUOVA VERSIONE, CHE È USCITA VENERDÌ…”

CHE FA LORENZETTO DI NOTTE? LE PULCI AI GIORNALI! - “DOMANI”: “A KHARKIV GLI UCRAINI AVANZANO. NELL’AZOVSTAL SI SPERA ALL’EVACUAZIONE”. CIOÈ SI SPERA SOLO AL MOMENTO DI DEFECARE? - ORSINI: “TUTTI NOI, PROFESSORI ‘E NON’, COLLABORATORI DEL ‘FATTO’ E NON’, SIAMO ESPOSTI AL GIUDIZIO DEGLI ALTRI”. LO INFORMIAMO CHE L’AVVERBIO NEGATIVO OLOFRASTICO È SOLTANTO “NO”. QUINDI SI SCRIVE “PROFESSORI E NO, COLLABORATORI DEL ‘FATTO’ E NO”, COME PERALTRO È NOTO FIN DAI TEMPI DI DANTE ALIGHIERI…

L’IPOCRISIA DI GIORGIA SOLERI: E’ DIVENTATA NOTA PER IL FATTO DI ESSERE LA FIDANZATA DI DAMIANO DEI MANESKIN MA VA IN PUZZA SE LE RESTA APPICCICATA ADDOSSO QUESTA ETICHETTA - LA BONAZZA E’ IMPAZZITA DOPO ESSERSI ACCORTA CHE, DURANTE UN’INTERVISTA SU RAIUNO CON ELEONORA DANIELE, NEL SOTTOPANCIA VENIVA INDICATA COME "LA FIDANZATA DI DAMIANO DAVID DEI MANESKIN” - L’INCAZZATURA SUI SOCIAL: “MA NON SONO SENZA NOME! MI CHIAMO 'LA FIDANZATA' DI NOME E 'DI DAMIANO DEI MANESKIN DI COGNOME!' COME FATE A NON SAPERLO!?”    

IL “PRIMO NUDO” DI MICHELANGELO VENDUTO ALLA CIFRA RECORD DI 23 MILIONI DI EURO: È IL PREZZO PIU’ ALTO MAI PAGATO PER UN’OPERA DELL'ARTISTA ITALIANO - REALIZZATA ALLA FINE DEL QUINDICESIMO SECOLO, PROVIENE DA UNA COLLEZIONE PRIVATA FRANCESE - A PARIGI VOLEVANO TENERSELO STRETTO, AL PUNTO DA DECRETARE IL DISEGNO TESORO NAZIONALE IMPEDENDONE L’ESPORTAZIONE PER UN PERIODO DI TRENTA MESI - MA ORA IL GOVERNO HA RIMOSSO IL VINCOLO E IL DISEGNO È STATO VENDUTO ALL'ASTA DA CHRISTIE'S - CHI SE LO SARÀ AGGIUDICATO?

LA CANNES DEI GIUSTI - ALLA FACCIA DI PUTIN E DELLA SUA GUERRA, MA ANCHE DELL’ARRIVO SULLA CROISETTE DI TOM CRUISE, IERI SERA IN SALA È STATO IL TRIONFO DEL PRIMO GRANDE FILM IN CONCORSO, L’ULTRAPOLITICO “LA MOGLIE DI TCHAIKOVSKY" DEL REGISTA DISSIDENTE RUSSO KIRILL SEREBRENNIKOV – IL COMPOSITORE L’AVEVA SPOSATA, MA ERA GAY, E NON RIUSCIVA A FARGLIELO CAPIRE NÉ A SCOPARLA E, INFATTI LEI SI BUTTERÀ SUL SESSO E LE ORGE - SAPENDO, QUANTO PUTIN ODI L’OMOSESSUALITÀ, NON CREDO CHE QUESTO RITRATTO DEL MATRIMONIO SBAGLIATO DEL GENIO RUSSO POSSA FARGLI PIACERE... - VIDEO

“TRAVAGLIO È UN CATTIVO GIORNALISTA E MI HA ROVINATO LA VITA” - NON L’HANNO DETTO BERLUSCONI O RENZI MA ALESSANDRO ORSINI, CHE OGGI È EDITORIALISTA DI PUNTA DEL “FATTO QUOTIDIANO”. NEL 2011 IL PROFESSORE SCRISSE UN ARTICOLO SUL “GIORNALE” IN CUI PARAGONAVA I NO-TAV ALLE BRIGATE ROSSE. MARCOLINO SI INCAZZÒ E IL FUTURO PREZZEMOLINO DEI TALK SHOW RISPOSE PICCATO (CON UNA SPECIE DI PROFEZIA): “RAGIONA IN MANIERA PRIMITIVA: SE AVESSI SCRITTO LE STESSE COSE SU IL FATTO QUOTIDIANO, TRAVAGLIO MI AVREBBE APPLAUDITO…”

LA CANNES DEI GIUSTI - “L’ENVOL”, DIRETTO DA PIETRO MARCELLO, È UN BUON FILM, COLTO, INTELLIGENTE, BENISSIMO INTERPRETATO E BEN MUSICATO. FORSE NON È STRAMPALATO, CURIOSO E VITALE COME “MARTIN EDEN”, MA HA UNA COSTRUZIONE PIÙ TRADIZIONALE, QUASI DOCUMENTARISTICA, DOVE MARCELLO RIESCE A DARE IL MEGLIO DI SÉ E DELLA SUA FORMAZIONE, ANCHE SE A UN CERTO PUNTO SENTI IL BISOGNO DI UNA STORIA. FUNZIONA MAGARI MENO QUANDO CERCA DI TROVARSI UNA FORMA TRA IL MÉLO, IL FAVOLISTICO, POI IL MUSICAL FRANCESE...

DAGO-SBAGLIA (E CHIEDE SCUSA) - IL 13 MAGGIO ABBIAMO BACCHETTATO MAURIZIO CECCONI, SEGRETARIO GENERALE DI ERMITAGE ITALIA, “COLPEVOLE” AI NOSTRI OCCHI DI AVER RILANCIATO SU FACEBOOK UN ARTICOLO ATTRIBUITO A LUCIO CARACCIOLO (MA CHE A NOI RISULTAVA FAKE), DI LUGLIO 2021, IN CUI SI PROFETIZZAVA UNO SCONTRO TRA GLI USA E LA RUSSIA - AVEVAMO CHIESTO CONFERMA DIRETTAMENTE A LUCIO CARACCIOLO: IL DIRETTORE DI “LIMES” SMENTÌ A DAGOSPIA LA PATERNITÀ DEL PEZZO, NON RICORDANDO DI AVERLO SCRITTO PER IL SETTIMANALE TICINESE “AZIONE” - ORA CHE LA MEMORIA È RIAFFIORATA, CARACCIOLO HA CONFERMATO ALLA NOSTRA REDAZIONE DI ESSERE EFFETTIVAMENTE L’AUTORE DELL’ANALISI (CHE ORA ANDREBBE RILETTA MOLTO ATTENTAMENTE)

PIPPITEL! – SU RAI1 “DON MATTEO 13” SI PAPPA LA PRIMA SERATA CON IL 30.6% DI SHARE E 5.8 MILIONI DI SPETTATORI. SU CANALE5 “LE RAGAZZE DI WALL STREET – BUSINESS IS BUSINESS” INCHIODA AL 10.1%. SU ITALIA1 BENE LO SPECIALE DELLE "IENE", "UN PAESE DI FURBETTI”, AL 10.4% - SU RAI3 “CARTABIANCA” AL 5.2%, SU RETE4 “FUORI DAL CORO” AL 4.9%, SU LA7 “DIMARTEDÌ” AL 5.7% - AMADEUS CON IL 24.5% BATTE ANCORA “STRISCIA” (16.2%) – CAVALLARO AL POSTO DELLA PALOMBA (4.8%), GRUBER (7.9%)

LA CANNES DEI GIUSTI - “ESTERNO NOTTE”, SERIE DI SEI PUNTATE, O SE PREFERITE FILM DI SEI ORE O SEI FILM DI UN’ORA L’UNO, DEDICATI AL RAPIMENTO MORO, E’ DI GRAN LUNGA LA MIGLIOR PELLICOLA ITALIANA DELLA STAGIONE – UN VIAGGIO DI GRANDE INTELLIGENZA DENTRO IL CUORE PROFONDO DEL PAESE, SENZA DOVER PER QUESTO FARE RIVELAZIONI SORPRENDENTI O SPOSARE QUALCHE TESI. BELLOCCHIO SA COME NON CADERE NELLE TRAPPOLE DEL CINEMA POLITICO, ESSENDOCI NATO DENTRO. LA DEMOCRAZIA CRISTIANA LA SBRIGA GIÀ NELLA PRIMA, INCREDIBILE SCENA, DOVE VEDIAMO... – VIDEO

LA CANNES DEI GIUSTI - È UN PO’ UNA CAFONATA PASSARE DALL’INCREDIBILE RIPROPOSTA DEL CAPOLAVORO DI JEAN EUSTACHE “LA MAMAN ET LA PUTAIN”, TRE ORE E MEZZA DI DIALOGHI FITTI, DI MONOLOGHI INCREDIBILI, DI CONTINUI CAMBI DI PUNTI DI VISTA, ALL’APERTURA DEL FESTIVAL CON MICHEL HAZANAVICIOUS CHE FA IL REMAKE, ANCHE DIVERTENTE, DEL FILM DI ZOMBI GIAPPONESE “ONE CUT OF THE DEAD”. E, CAFONATA NELLA CAFONATA, FRANCAMENTE DI PESSIMO GUSTO, APRIRE, CON UN MESSAGGIO DI ZELENSKY E POI PARTIRE CON GLI ZOMBI E IL BAGNO DI SANGUE A GOGO… VIDEO

GLI ANNI FOLLI DEL CLAN YSL - LA DIFFERENZA TRA IL CLAN SAINT LAURENT E IL RESTO DEL MONDO ERA CHE I SUOI ACCOLITI PRATICAVANO NEL DIVERTIRSI UNA DISCIPLINA IMPERVIA, DA FLAGELLANTI DEL PIACERE. BALLANDO SULLA PEDANA DEL 54, "TIRANDO" IN UN CESSO, O SEDENDO ALLA MENSA DI UNA DUCHESSA CHE SI FA LEGGERE IL MENU DAL CARDINALE, QUESTI RAGAZZI RIDONO, BEVONO, SI DROGANO, SCOPANO, SPETTEGOLANO… - LEI, LA BARONESSA, CHE SAPUTO DELLA PRESENZA DI UN MEDICO TRA I COMMENSALI SI ALZA E GLI VA ACCANTO, SI SOLLEVA LA GONNA (OVVIAMENTE DI YVES), SI CALA LE MUTANDE, E APPOGGIATI I GOMITI SUL TAVOLO GLI CHIEDE DI GUARDARLE L'ANO CHE LE BRUCIA: “COI DOTTORI NON BISOGNA AVERE SEGRETI…”

“LA UMILIANO NON PERCHÉ È DONNA, MA PERCHÉ È STUPIDA” – MEGA SCAZZO A “ZONA BIANCA” TRA ANTONELLA BORALEVI E ANNA CIRIANI, PROFESSORESSA E CONSIGLIERA COMUNALE DI PORDENONE, CHE HA PARTECIPATO A UNA FIERA EROTICA ANNI FA E SI E' PRESTATA A FOTO PORCELLINE FINITE POI SUI SOCIAL: “NON APPARTIENE AL SISTEMA DEI VALORI DELLA SCUOLA. TACCIA, LEI NON POSSIEDE I PRINCIPI DELLA LOGICA” – LA DIFESA DELLA PROF: “IO INSEGNO A DEGLI ADULTI, INSEGNO ANCHE DEI VALORI. LA MIA VITA PRIVATA È LA MIA VITA PRIVATA…” - VIDEO

“PERO' IL GOSSIP ESISTE, ECCOME” - IL NUOVO LIBRO DI FILIPPO CECCARELLI: ‘’IL VERO E DECISIVO CONTRIBUTO OPERATIVO E PER CERTI VERSI LA LEGITTIMAZIONE DI UN GENERE CHE SI RITENEVA INFERIORE, SE NON SPREGEVOLE, SI DEVE A UN PERSONAGGIO PIU? DI TANTI ALL’ALTEZZA DEI TEMPI COME ROBERTO D’AGOSTINO. NON A CASO LO STESSO GIORNALISTA CHE INTUI? LE NOVITA? E ANCHE LO SPASSO DELLA VICENDA DI MARK CALTAGIRONE RIVELO? IL NUOVO PESO DELL’INESISTENTE SULL’ESISTENTE – COSA, OCCORRE RICONOSCERLO, NON DA POCO - SENZA DAGOSPIA, IN QUESTO TEMPO SUDICIO E SFARZOSO, HO LA NETTA IMPRESSIONE CHE LE GIORNATE DI TANTI SAREBBERO STATE PIU? TRISTI, GRIGIE E NOIOSE”

“L'ARRIVO DI ORSINI SEGNA UNA MUTAZIONE NELLA VITA DEL “FATTO”, CARATTERIZZATA DALL’ALTERAZIONE DELLA VERITÀ” - FURIO COLOMBO RACCONTA A “MICROMEGA” IL SUO ADDIO A TRAVAGLIO & COMPANY: “UN MIO ARTICOLO PREVISTO PER L’8 MAGGIO, CHE NON ERA IN SINTONIA CON LA LINEA DEL GIORNALE SULL’UCRAINA E CON CRITICHE A ORSINI E MASSIMO FINI, NON E’ STATO PUBBLICATO. NON ERA MAI ACCADUTO. E CONTEMPORANEAMENTE IL QUOTIDIANO CHE AVEVO CONTRIBUITO A FONDARE TREDICI ANNI FA HA PREPARATO IN UN TEATRO UNA GRANDE FESTA DI “INCORONAZIONE” PER IL NUOVO PERSONAGGIO DELLA POLITICA ITALIANA, IL PROFESSORE ORSINI…”

PUTIN ABBASSA LA CRESTA - TUTTI SI ASPETTAVANO ROBANTI MINACCE DI GUERRA NUCLEARE, E INVECE “MAD VLAD” IERI È APPARSO PACATO E QUASI REMISSIVO, NELLA RISPOSTA ALL’ANNUNCIO DELL’ADESIONE DI SVEZIA E FINLANDIA NELLA NATO - HA USATO TONI MOLTO CONCILIANTI: “NON ESISTE ALCUNA MINACCIA IMMEDIATA, MA REAGIREMO SE L’INFRASTRUTTURA SI ALLARGHERÀ VERSO I NOSTRI CONFINI” - IL PARADOSSO: NEL COMUNICATO FINALE DEL VERTICE DEL PATTO SULLA DIFESA COLLETTIVA, I LEADER DEI PAESI DELL’ASIA CENTRALE EX SOVIETICA INVOCANO LA “COOPERAZIONE CON LA NATO”

LA CANNES DEI GIUSTI - SI APRE L’EDIZIONE DEL GRANDE RITORNO AL CINEMA POST-COVID DOPO LA VERSIONE PER POCHI AMICI DELL’ANNO SCORSO. CHE SIA DAVVERO UN POST-COVID SE LO DICONO I FRANCESI, CHE GIRANO OVUNQUE SENZA MASCHERINA. CHE SIA UN GRANDE RITORNO, PUÒ ESSERE, ANCHE SE IL SISTEMA DI PRENOTAZIONE ONLINE È UN DELIRIO DI INCAZZATURE E DI FRUSTRAZIONI - TUTTO QUESTO COZZA COL SENSO DEL FESTIVAL, CHE DA UNA PARTE È L’ULTIMO BALUARDO OCCIDENTALE DEL VECCHIO MONDO CINEFILO IN BARBA A ORRORI COME NETFLIX O PRIME O DISNEY+, DA UN’ALTRA CERCA DI ACCATTIVARSI IL PUBBLICO PIÙ GIOVANE CON FILMONI DA GRANDE INCASSO - VIDEO

“CI STAI UN PO’ ZITTO? RIMETTI L’ELMETTO E STAI BUONO” - SUPER-SCAZZO TRA PIERO SANSONETTI E STEFANO CAPPELLINI A “QUARTA REPUBBLICA”. I DUE GIORNALISTI LITIGANO SUL PROCESSO PER CRIMINI DI GUERRA AL SOLDATO RUSSO DI 21 ANNI VADIM SHISHIMARIN, DI CUI IL DIRETTORE DEL “RIFORMISTA” METTE IN DUBBIO LA LEGITTIMITÀ. CAPPELLINI SI INALBERA (“AFFERMAZIONI STRAMPALATE”), SCATENANDO LA REAZIONE INCONTROLLATA DI SANSONETTI: “MA COSA RIDI? MA DI CHE PARLI? NON DIRE ULTERIORI IDIOZIE”. PORRO PER RIPORTARE LA CALMA FA INTERVENIRE SGARBI, CHE CON IL SOLITO APLOMB MANDA DIRETTAMENTA A CAGARE IL VICEDIRETTORE DI “REPUBBLICA” - VIDEO STRACULT

CUCINIAMOCI LA CUCINOTTA - “DISSI NO A UN FILM CON KEANU REEVES. NEL COPIONE C'ERA UN NUDO E IO CON QUESTO SENO GIGANTE MI SAREI SENTITA A DISAGIO” - A "INDIETRO TUTTA" TRA LE RAGAZZE COCCODÈ E LE CACAO MERAVIGLIAO PER MANTENERE L'ORDINE SEPARARONO I CAMERINI – “I LAUREATI”? A VOLTE MI RIVEDO IN UNA SCENA E DICO: "MIZZICA, COME L'HO RECITATA MALE!" - "IL POSTINO? FU NATHALY CALDONAZZO A RACCOMANDARMI CON TROISI'' – E POI SHARON STONE, WOODY ALLEN E QUELLO SPOT CON DEL PIERO E L’UCCELLINO… - VIDEO

''SE NON HAI TALENTO RESTA SUL VAGO E FUMA LA PIPA: SEMBRERAI COMUNQUE UN INTELLETTUALE'' – IL BOMBASTICO MANUALE PER LETTERATI MEDIOCRI BY LUCIANO BIANCIARDI (CHE USCÌ A PUNTATE SU "ABC" NEL 1966) - COME VESTIRSI, CON CHI ACCASARSI, LA RACCOMANDAZIONE: “NON LEGGETE I LIBRI, FATEVELI RACCONTARE” – “IL SUCCESSO? SOLO IL PARTICIPIO PASSATO DI SUCCEDERE” – DOPO "LA VITA AGRA": “INVECE DI MANDARMI VIA DA MILANO A CALCI NEL CULO, FINIRÀ CHE MI DARANNO UNO STIPENDIO SOLO PER FARE L'ARRABBIATO” - LA PREFAZIONE DI PINO CORRIAS