business

Coronavirus, guerriglia nelle piazze da Nord a Sud contro il dpcm

MA È IL MISE O CONFINDUSTRIA? – I GRILLINI STANNO TRASFORMANDO LO SVILUPPO ECONOMICO IN UNA SUCCURSALE DI VIALE DELL’ASTRONOMIA: NELLE PROSSIME SETTIMANE ARRIVERÀ MARCELLA PANUCCI, CHE PRENDERÀ IL POSTO DI SALVATORE BARCA DA POMIGLIANO. CHE L'AMICO DI MAIO VORREBBE PIAZZARE ALLA CONSAP – NOMINATO CONSIGLIERE PER LA POLITICA INDUSTRIALE ELIO CATANIA, CHE NEL 2011 VENIVA DEFINITO “UN POVERACCIO” DALL’ELEVATO BEPPE GRILLO, ACCUSANDOLO DEL FALLIMENTO DI FERROVIE DELLO STATO…

RISIKO BANCARIO – TRA GLI SCONFITTI DELL’OPS INTESA-UBI, NON C’E’ SOLO MASSIAH MA ANCHE MUSTIER – L’IDEA DELL’AD DI UNICREDIT DI SEPARARE LA BANCA IN DUE SUBHOLDING, UNA PER LE ATTIVATÀ ESTERE E UNA PER QUELLE ITALIANE, E QUEST’ULTIME INTEGRARLE CON UBI, SI È SCONTRATA CON IL NO DEL TESORO E DELLA BCE CHE HANNO PREFERITO L'OPS DI INTESA - GUALTIERI, CHE DEVE RIPRIVATIZZARE MPS ENTRO IL 2021, HA DI RECENTE CHIESTO A UNICREDIT SE VOLESSE COMPRARSELA, TROVANDO LA REAZIONE FREDDA DI MUSTIER

ISABELLA BORROMEO ARRUOLA LA PIÙ NOTA DIVORZISTA D'ITALIA, ANNAMARIA BERNARDINI DE PACE, PER SCRIVERE A DAGOSPIA: ''LA SIGNORA NON HA TROVATO IL 'TRONCHETTO DELLA FELICITÀ' INSTAURANDO UNA RELAZIONE CON IL DOTT. TRONCHETTI PROVERA, DEL QUALE NON CONOSCE NEPPURE IL NUMERO DI TELEFONO. LA SIGNORA SI DOMANDA DA DOVE NASCA IL GOSSIP, CHE È DEL TUTTO FUORI LUOGO NEL MOMENTO NEL QUALE È IN CORSO LA SEPARAZIONE E CI SONO FIGLI ADOLESCENTI DA TUTELARE'' ( AH, ECCO: C'E' LA SEPARAZIONE IN CORSO...)

AHI TECH! I MONOPOLISTI DELLA SILICON VALLEY VANNO TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE. ALLA SBARRA! – I CAPI DI AMAZON, APPLE, GOOGLE E FACEBOOK DOVRANNO SPIEGARE AL CONGRESSO AMERICANO LE LORO PRATICHE ANTI-CONCORRENZA - OCCHI PUNTATI SOPRATTUTTO SU JEFF BEZOS, CHE CON IL VIRUS HA PORTATO IL SUO PATRIMONIO A 180 MILIARDI DI DOLLARI (QUASI QUANTO LA QUOTA ITALIANA DEL RECOVERY FUND) – VOLETE RIDERE? FACEBOOK DENUNCIA LA  COMMISSIONE UE PERCHÉ VIOLA LA PRIVACY DEI SUOI DIPENDENTI

FAZIO BUM BUM – L’EX GOVERNATORE DELLA BANCA D’ITALIA ROMPE IL SILENZIO E A “LEGGO” SGANCIA SILURI CONTRO L’EUROPA: “ESEGUENDO I PROVVEDIMENTI SUGGERITI DALLA COMMISSIONE EUROPEA, IL RISULTATO È STATO SOLTANTO QUELLO DI AUMENTARE IL DEBITO DELLO STATO. ERA 105 PER CENTO DEL PIL PRIMA DELL’EURO E ORA È ARRIVATO A OLTRE 130 PER CENTO. L'UNIONE MONETARIA HA FAVORITO GERMANIA E OLANDA E I PIGS SONO RIMASTI INDIETRO” – “SONO STATO SEMPRE FAVOREVOLE ALL’EUROPA, MA RIGUARDO ALLA MONETA UNICA…”

OPS, CHE AUDIO COMPROMETTENTE - IL CONSULENTE DI UBI ALL'AZIONISTA: ''IO LE AZIONI ME LE TERREI, È UNA INCULATA''. LA TELEFONATA CHE HA FATTO INTERVENIRE LA CONSOB, TANTO DA PROLUNGARE DI DUE GIORNI LA POSSIBILITÀ DI ADERIRE ALL'OFFERTA DI INTESA - NON SOLO: UBI HA DIFFUSO AL PUBBLICO, DAL 10 LUGLIO, TRAMITE STAMPA, AFFISSIONI, SITI INTERNET GEOLOCALIZZATI NELLE PROVINCE DI BERGAMO, BRESCIA, CUNEO, PAVIA, VARESE, DELLE PUBBLICITA' CON LA SCRITTA ''LA FIDUCIA NON SI COMPRA'' CHE DICEVANO…

 ALT! È ANCORA APERTA LA GARA A CHI SI AGGIUDICA CATTOLICA ASSICURAZIONI - PER BLOCCARE LA TRASFORMAZIONE IN SPA, RICHIESTA DA GENERALI PER SOTTOSCRIVERE 300 DEI 500 MILIONI DI AUMENTO DI CAPITALE, BASTERÀ UN TERZO DELLE AZIONI. LE SPERANZE DELLA CURIA VERONESE, CASA CATTOLICA, APACA (ASSOCIAZIONE PICCOLI AZIONISTI), BERKSHIRE HATHAWAY DI WARREN BUFFET, SI AGGRAPPANO ALLA VITTORIA ASSICURAZIONI DELLA FAMIGLIA ACUTIS, FURIBONDA PER IL “TRADIMENTO” CON GENERALI DEL SUO ADVISOR MEDIOBANCA

SMART WORKING SÌ MA NON COSÌ - IL CORONAVIRUS HA FATTO SCOPRIRE AGLI ITALIANI IL TELE-LAVORO: L’85% NON VUOLE TORNARE INDIETRO, MA NEMMENO CHE SIA UN OBBLIGO. ANCHE PERCHÉ FRA VIDEO-CHIAMATE A QUALSIASI ORA E CAPI CHE SE NE APPROFITTANO, IL RISCHIO È DI LAVORARE MOLTO DI PIÙ RISPETTO ALL'UFFICIO - GLI EFFETTI PER L’ECONOMIA DEI CENTRI STORICI È GIÀ DEVASTANTE: SOLO I RISTORATORI CI PERDONO 250 MILIONI AL MESE. MEGLIO FARE I TURNI E ALTERNARE LAVORO ‘SMART’ E IN SEDE, COSÌ SONO TUTTI CONTENTI

OPAS UBI, DENTRO O FUORI - INTESA ALLO SPRINT FINALE: HA DUE GIORNI PER CHIUDERE L'OPERAZIONE - TRA I GRANDI SOCI È ARRIVATA L'ADESIONE DELLE FONDAZIONI CRC (5,9%) E BANCA DEL MONTE DI LOMBARDIA (3,9%), DELLA CATTOLICA (1%) E DEL PATTO DI BRESCIA (8,7%) MENTRE IL PATTO DEI MILLE LASCIA LIBERTÀ DI SCELTA - L'EFFICACIA DELL'OFFERTA È SUBORDINATA AL RAGGIUNGIMENTO DI ALMENO IL 50% DI UBI PIÙ UN'AZIONE MA INTESA PUNTA AL 66,7% IN MODO DA GARANTIRSI IL CONTROLLO DELL'ASSEMBLEA STRAORDINARIA E PROCEDERE ALLA FUSIONE…

“AUTOSTRADE? SIAMO DI FRONTE A UN ESPROPRIO, RICORREREMO A BRUXELLES” - PARLA CHRISTOPHER HOHN, CEO DEL FONDO DI INVESTIMENTO “TCI”: “L’EFFETTO SARÀ UNA PERDITA DI VALORE DEL CAPITALE DEGLI INVESTITORI INTERNAZIONALI, CHE SARANNO SCORAGGIATI DALL'INVESTIRE IN ITALIA PROPRIO NEL MOMENTO IN CUI IL VOSTRO PAESE NE HA URGENTE BISOGNO - IL GOVERNO HA VIOLATO LE REGOLE COSTITUZIONALI E COMUNITARIE. IL VALORE DI ASPI È 11-12 MILIARDI, NON SI POSSONO PENALIZZARE I SOCI ESTERI CON OPERAZIONI AL RIBASSO”

FARE I FRUGALI CON IL CULO DEGLI ALTRI – I VERI VINCITORI DELL’ACCORDO EUROPEO SUL RECOVERY FUND? AUSTRIA, DANIMARCA, OLANDA E SVEZIA, CHE SONO STATI ACCONTENTATI CON I SUCCULENTI “REBATE”, I RIMBORSI SUI VERSAMENTI AL BILANCIO EUROPEO INTRODOTTI ALL’EPOCA DELLA THATCHER. L’OLANDA SARÀ LA NUOVA GRAN BRETAGNA. NEL SENSO CHE DOPO LA BREXIT CI PENSERÀ QUEL SIMPATICONE DI RUTTE A ROMPERE LE PALLE SU OGNI DOSSIER EUROPEO. E NEL FRATTEMPO L’AIA SI PUPPA 2 MILIARDI ALL’ANNO (E LA GERMANIA 3)

SISTEMATA UBI NELLA PANCIA DI INTESA, SI SCATENA IL RISIKO BANCARIO PROSSIMO VENTURO – BOCCIATA DALLA BCE L’IDEA DI SPACCARE IN DUE UNICREDIT (ITALIA ED ESTERO), MUSTIER INCONTRA L'AD DI BANCO BPM GIUSEPPE CASTAGNA, PER POI RIBADIRE CHE UNICREDIT NON GUARDA A FUSIONI O ACQUISIZIONI - IN ALTERNATIVA BPM (CHE DOVRÀ RICAPITALIZZARE PER 4/5 MILIARDI) POTREBBE FONDERSI CON BPER (UNIPOL) E MPS (IL MEF DEVE CEDERLA IL PROSSIMO ANNO), SECONDO UN PROGETTO ACCAREZZATO DA GUALTIERI (E DA CIMBRI)

BANCHE, NULLA SARA' COME PRIMA - PER CHIUDERE SU UBI, L'OBIETTIVO DI MESSINA E' SUPERARE I DUE TERZI DEL CAPITALE DI UBI (67%) MA OCCORRERA' CONVINCERE (CASH) GLI INVESTITORI ISTITUZIONALI (TRA CUI IL FONDO PARVUS) E I SOCI IMPRENDITORI - E IL RISIKO CONTINUA: MUSTIER (UNICREDIT) CORTEGGIA CASTAGNA (BPM), SU MPS "RIPULITA" PUNTANO BPER (UNIPOL) E BPM - IL MEF DI GUALTIERI PER UN POLO UNICO BPER-BPM-MPS - IL RUOLO DI NAGEL-MESSINA-CIMBRI COME PERNO DEL SISTEMA CONTRO MUSTIER-DEL VECCHIO-CAIRO: NE VEDREMO DELLE BELLE...

MA DAVVERO HA VINTO LO STATO CONTRO I BENETTON? - TUTTO DIPENDERA’ DAL PREZZO DI ACQUISTO DA PARTE DI CDP: SE VERRÀ CALCOLATO SULL’ERA MAGICA DI AUTOSTRADE CON MARGINI LORDI AL 50% DEI RICAVI; DIVIDENDI GOLOSISSIMI E SPESE PER INVESTIMENTI SEMPRE TENUTE PIÙ BASSE DEI DIVIDENDI EROGATI. O DELL’ASPI NUOVA, QUELLA CHE DOVRÀ ABBASSARE LE TARIFFE; ALZARE GLI INVESTIMENTI E REMUNERARE IN MODO PIÙ FISIOLOGICO GLI AZIONISTI - INTANTO I BENETTON SI LIBERANO DI UN BUSINESS CHE AVRA’ REDDITIVITÀ DIMEZZATA E TOLGONO DALLE SPALLE DI ATLANTIA QUASI 9 MILIARDI DI DEBITI. ALLA FACCIA DELLA SCONFITTA

CHE BELL’AFFARE PER I BENETTON - ATLANTIA, PER SCENDERE DALL'ATTUALE 88 AL 33% IN ASPI, INCASSEREBBE 5,5 MILIARDI, SGRAVANDOSI PER DI PIÙ DI ULTERIORI 5 MILIARDI DI GARANZIE PRESTATE ALLA CONTROLLATA - MA SCENDENDO AL 10% PORTEREBBE A CASA 7 MILIARDI PER IL DISIMPEGNO - DA AZIONISTI DI ATLANTIA CON IL 30,25%, I BENETTON SI TROVERANNO IN POSSESSO DI TITOLI DI UNA SOCIETÀ CHE, DOPO L'INNESTO DI CAPITALI FRESCHI DA PARTE DI CASSA DEPOSITI E PRESTITI, SARÀ PIÙ SOLIDA E “APPETIBILE” SUI MERCATI…

FANNO COME CAZZO GLI PARE - SONO 16 SU 25 LE CONCESSIONARIE INADEMPIENTI CON PIANI ECONOMICO-FINANZIARI SCADUTI DA DUE, TRE E ADDIRITTURA SETTE ANNI - LA LISTA DEI RITARDATARI, OLTRE AD ASPI, COMPRENDE IL GRUPPO TOTO PER LA STRADA DEI PARCHI (A24-A25 ROMA-L'AQUILA-TERAMO), SU CUI POI SI È PURE INNESCATO IL CONTENZIOSO SULLA MESSA IN SICUREZZA POST-TERREMOTO CON TANTO DI NOMINA DI COMMISSARI AD ACTA, ED IL GRUPPO GAVIO (OTTO CONCESSIONI IN TUTTO), OLTRE AD AUTOVIE VENETE, BRESCIA-PADOVA E MILANO SERRAVALLE…

AUTOSTRADE, VINCITORI E VINTI – SORGI: “CONTE HA GUIDATO IL PARTITO DELL'ESTROMISSIONE IMMEDIATA DEI BENETTON E HA DOVUTO ACCETTARE UN COMPROMESSO FINALE CHE VEDE I CONCESSIONARI VENETI ANCORA A BORDO. AMMACCATI, CERTO, MA A BORDO - DI MAIO HA SPINTO CONTE SULLA LINEA “REVOCA E BASTA” MENTRE TRATTAVA DIETRO LE QUINTE SULLA MEDIAZIONE FINALE. ADESSO PUÒ SCARICARE SUL PREMIER IL PESO DEL FALLIMENTO DELLA LINEA DURA - MATTARELLA HA AGITO NELL'OMBRA, SILENZIOSO COME SEMPRE, UNICO CREDIBILE INTERLOCUTORE DI UNA MERKEL PREOCCUPATA PER GLI INVESTITORI TEDESCHI”

CHE VERGOGNA QUESTA EUROPA CHE BACCHETTA I GOVERNI, VINCOLA I CITTADINI E NON RIESCE A FARE PAGARE LE TASSE ALLE MULTINAZIONALI - I MECCANISMI FISCALI OLANDESI E IRLANDESI NON SONO STATI SMONTATI DALL’ARCIGNA VESTAGER: PER LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA, LA COMMISSIONE UE NON È STATA CONVINCENTE NEL DIMOSTRARE L’ELUSIONE FISCALE, VISTA LA DEMATERIALIZZAZIONE DELL'ECONOMIA DIGITALE - UN PUNTO DI VISTA CHE, IN PASSATO, ERA RIUSCITO ANCHE A “DEMATERIALIZZARE” L'IVA NEL COMMERCIO ELETTRONICO...

CHI SI NASCONDE DIETRO IL FONDO PARVUS? - LA COMMISSIONE D’INCHIESTA SULLE BANCHE APRE UN FASCICOLO SULLA SOCIETÀ A CUI FA CAPO UNA QUOTA DI CIRCA L'8% DI UBI BANCA - “NON È POSSIBILE NON SAPERE NULLA, A PARTIRE DALL'ASSETTO PROPRIETARIO, DI UN FONDO CHE HA SEDE NELLE ISOLE CAYMAN E CHE NON È VIGILATO DALLE AUTORITÀ ITALIANE, MA CHE OPERA NEL NOSTRO PAESE DETENENDO PARTECIPAZIONE IN ASSET FINANZIARI ITALIANI A TAL PUNTO DA POTER INCIDERE O INFLUENZARE IN OPERAZIONI DI RILEVANZA STRATEGICA PER IL NOSTRO PAESE”

POSTA - A PROPOSITO DELLO STORICO PALAZZO DI PIAZZA AUGUSTO IMPERATORE CEDUTO AI BENETTON – NATTINO PRECISA: “FIP NON È UN FONDO PUBBLICO, IL PATRIMONIO È COSTITUITO DA IMMOBILI CHE FURONO CEDUTI DALLO STATO. LA PROPRIETÀ DEL FONDO È DA RICONDURRE A INVESTITORI PRIVATI” - DAGO RISPOSTA: “INVESTIRE SGR SI È GUARDATA BENE DAL FARE LA PROCEDURA DOPO L’OTTENIMENTO DEL PERMESSO DI TRASFORMARE IL PALAZZO IN UN HOTEL 5 STELLE, CHE HA RADDOPPIATO IL VALORE DELL’IMMOBILE. PRENDIAMO ATTO CHE GLI IMMOBILI NON SONO DELLO STATO: CIÒ VUOL DIRE CHE SE NON HA PERSO SOLDI LO STATO, HANNO PERSO GLI INVESTITORI PRIVATI DEL FONDO FIP”